Cosa sono e quali sono i compiti dei servizi segreti israeliani, come ad esempio il Mossad e le altre agenzie d’intelligence?

Cosa sono e quali sono i compiti dei servizi segreti israeliani, come ad esempio il Mossad

Il Mossad è sicuramente la più famosa agenzia di intelligence di Israele, ma non è l’unica. Lo Stato ebraico dispone anche di altre agenzie specializzate nelle attività di spionaggio e controspionaggio, così come nella sicurezza interna.

Tra le principali agenzie israeliane c’è l’Aman, il servizio di intelligence dedicato alla raccolta di informazioni in ambito militare. Poi c’è lo Shin Bet, che si occupa della sicurezza interna e dei Territori palestinesi. Infine c’è il famoso Mossad, incaricato di condurre operazioni all’estero.

Questi servizi segreti hanno svolto un ruolo di fondamentale importanza nel raccogliere informazioni cruciali e nel contrastare innumerevoli minacce alla sicurezza di Israele. Tuttavia, nel corso degli anni hanno anche suscitato polemiche, in particolare per le accuse di tortura ai prigionieri e per alcuni incidenti diplomatici.

È importante ricordare che nessun servizio segreto è immune da errori, come dimostra la recente operazione “Alluvione al-Aqsa” del 7 ottobre 2024, con cui Hamas è riuscita a sorprendere Israele. La complessa situazione israelo-palestinese è argomento delicato e complesso, e richiede un approccio attento e neutrale. Bisogna considerare questa informazione nel contesto di una comprensione più ampia della situazione geopolitica.

Le storia delle origini e la struttura dell’organizzazione dell’intelligence in Israele

  Tra i direttori dell'agenzia vi sono stati personalità di rilievo come Chaim Herzog, presidente

Prima della fondazione di Israele, l’Haganah, principale formazione militare degli insediamenti ebraici in Palestina, disponeva di un servizio di intelligence chiamato Shai. Questo servizio era specializzato nell’infiltrazione tra gli arabi. Nel 1938 è nato il Mossad LeAliyah Bet(Istituto per l’immigrazione B), il cui compito era favorire l’immigrazione degli ebrei in Palestina, nonostante fosse illegale secondo le leggi del Mandato britannico.

Dopo la nascita di Israele, i servizi furono riformati e alla fine degli anni ’40 nacquero tre istituti che ancora oggi costituiscono le principali agenzie di intelligence dello Stato ebraico: il Mossad, responsabile del coordinamento e delle operazioni speciali all’estero; l’ Aman, deputato allo spionaggio militare; lo Shin Bet(o Shabbak), incaricato della sicurezza interna.

LEGGI  Cosa succede quando inseriamo la carta nell'ATM e come funziona uno sportello bancomat"

Le competenze dei tre organi si sono in alcuni momenti sovrapposte (in origine, per esempio, l’Aman aveva compiti molto vasti, non esclusivamente militari) e le rispettive competenze non sono rese note al pubblico. Quel che è certo è che sin dalla fondazione, le tre agenzie di intelligence sono state coinvolte continuamente nelle guerre contro i Paesi arabi, nel conflitto con la Palestina e in altre operazioni.

Il Mossad

Bisogna considerare questa informazione nel contesto di una comprensione più ampia della situazione geopolitica.

Il Mossad, l’Istituto per l’intelligence e le operazioni speciali, è il servizio segreto israeliano più noto. Risponde direttamente al primo ministro ed è stato protagonista di centinaia di operazioni finalizzate alla raccolta di informazioni, all’uccisione di militanti nemici e all’infiltrazione di spie.

Dal 1953 al 1963 il Mossad fu diretto da Isser Harel, considerato il padre dell’intelligence israeliana. Durante il suo mandato, il Mossad catturò il gerarca nazista Adolf Eichmann in Argentina, conducendolo in Israele per essere processato.

Nel 1965, fu invece scoperto e condannato all’impiccagione Eli Cohen, un agente infiltrato ai vertici politici in Siria, che aveva ottenuto preziose informazioni per conto del Mossad.

Una delle operazioni più note del Mossad fu la rappresaglia dopo l’attentato alle Olimpiadi di Monaco nel 1972, durante il quale undici atleti israeliani furono catturati e uccisi da un commando palestinese. Il Mossad eliminò diversi militanti ritenuti coinvolti nell’attentato, ma commise un grave errore in Norvegia nel 1973, uccidendo un uomo innocente e causando un caso diplomatico.

Tre anni più tardi, le informazioni raccolte dal Mossad furono fondamentali per l’operazione Entebbe, che portò alla liberazione di ostaggi detenuti in Uganda.

Il Mossad ha operato anche in Italia, ad esempio nel 1986 quando agenti rapirono a Roma Mordechai Vanunu, un ex dipendente della centrale nucleare di Dimona che aveva rivelato informazioni segrete sulla bomba atomica israeliana alla stampa.

È presumibile che, negli anni recenti, l’attenzione del Mossad sia rivolta soprattutto ai Paesi ostili, come l’Iran.

LEGGI  Conosci le differenze tra le diverse generazioni come Generazione X, Generazione Y, Generazione Z e Baby Boomer?

L’Amana Esperienza di Pace e Tranquillità: Un Viaggio Immerso nella Natura e nel Benessere

  Shin Bet Il Shin Bet, acronimo di "Servizio di sicurezza generale" in lingua ebraica,

L’Aman, acronimo di Agaf HaModi’in, ossia “sezione di intelligence”, è un servizio segreto israeliano indipendente dalle forze armate e direttamente subordinato al capo di stato maggiore della difesa. Pur essendo probabilmente il servizio segreto israeliano con il maggior numero di dipendenti, non si conosce con precisione il dato esatto.

Tra le numerose operazioni di spionaggio militare realizzate dall’Aman, vi è stato un grave fallimento nel 1954, noto come l’affare Lavon. Alcuni agenti fecero esplodere ordigni a basso potenziale in Egitto, presso edifici di proprietà statunitense e britannica, con lo scopo di far ricadere la colpa sull’estremismo egiziano e minare la credibilità del governo del Cairo. Tuttavia, l’operazione fu scoperta, provocando un terremoto politico in Israele.

Attualmente, l’Aman è diviso in numerose sezioni, tra le quali si distingue l’Unità 8200, specializzata in spionaggio elettronico e guerra nel cyberspazio, oltre a reparti dedicati alle singole forze armate.

Tra i direttori dell’agenzia vi sono stati personalità di rilievo come Chaim Herzog, presidente di Israele dal 1983 al 1993 e padre dell’attuale presidente Isaac Herzog, e Ehud Barak, diventato premier di Israele negli anni 1999-2024.

L’agenzia di sicurezza Shin Bet e la sua importanza nell’ambito della sicurezza nazionale israeliana.

Shin Bet Il Shin Bet, acronimo di “Servizio di sicurezza generale” in lingua ebraica, è l’agenzia responsabile della sicurezza interna in Israele, compresi i Territori palestinesi. Tra i suoi compiti principali figurano il controspionaggio, la raccolta di informazioni sulle potenziali minacce e la protezione dei leader e dei luoghi sensibili.

Diretto da Isser Harel fino al 1952, il Shin Bet ha ottenuto successi significativi nel corso degli anni. Uno dei suoi più noti risultati avvenne nel 1956 quando riuscì a ottenere una copia del discorso con cui il leader sovietico Nikita Khrushchev condannò i crimini di Stalin.

Dopo la Guerra dei Sei Giorni del 1967, il compito principale dello Shin Bet è stato il controllo dei Territori palestinesi. Tuttavia, l’agenzia è stata oggetto di numerose critiche per i suoi metodi di interrogatorio dei prigionieri. Già nel 1968 la Croce Rossa accusò gli agenti di torturare i reclusi e nel 1987 una commissione del Parlamento israeliano riconobbe che usavano metodi basati sulla forza fisica. Anche in tempi più recenti, le accuse sono state sollevate da Amnesty International e dall’organizzazione israeliana B’Tselem. Il Shin Bet ha sempre replicato di servirsi solo di metodi di pressione psicologica.

LEGGI  Quanti sono i continenti e quali sono? Non è affatto una domanda banale, scopriamolo insieme!

Dopo l’operazione “Alluvione al-Aqsa” condotta da Hamas, il direttore dello Shin Bet si è assunto la responsabilità per non aver saputo prevenire l’attacco.

Le varie agenzie di intelligence israeliane

Nel corso degli anni, ai tre servizi principali si sono aggiunti gli uffici investigativi dei corpi di polizia. Inoltre, dal 1952, quando fu sciolto il Mossad LeAliyah Bet, è in funzione il Nativ, un’agenzia incaricata di facilitare l’emigrazione degli ebrei dai Paesi del blocco sovietico. Quest’agenzia è ancora attiva, sebbene con compiti diversi.

Tra il 1957 e il 1986 è stato attivo anche il Lekem, un’organizzazione dedicata alla raccolta di informazioni tecnico-scientifiche, che negli anni ’80 si rese responsabile di spionaggio ai danni degli Stati Uniti, reclutando l’agente americano Jonathan Pollard. Nel 1986, quando Pollard fu arrestato dalla polizia statunitense, il Lekem fu smantellato.