La definizione della forza di gravità, le sue caratteristiche e le sue applicazioni in fisica

La definizione della forza di gravità, le sue caratteristiche e le sue applicazioni in fisica

La forza di gravità è una delle forze fondamentali della natura: è l’espressione dell’attrazione tra due corpi dotati di massa. Questo concetto, noto come gravitazione o interazione gravitazionale, è stato descritto da Isaac Newton alla fine del XVII secolo, attraverso quella che è ancora oggi definita la legge di gravitazione universale.

Questa forza agisce tra corpi dotati di massa, attrandoli quando si trovano a una certa distanza l’uno dall’altro. È anche importante notare che la forza gravitazionale è conservativa, il che significa che dipende solo dalla posizione dei corpi e non dalla traiettoria che essi hanno seguito per raggiungere quella posizione.

Ma cosa succede alla nostra definizione di gravità se prendiamo in considerazione le teorie fisiche più moderne? In questo articolo esploreremo non solo come calcolare la forza di gravità, ma anche come essa sia ridefinita all’interno di diverse teorie fisiche.

Qual è il concetto di forza di gravità secondo la teoria fisica classica di Newton?

Questa scoperta rivelò un aspetto completamente nuovo della nostra comprensione dell'universo e ci offrì uno sguardo

La scoperta di Isaac Newton sulla gravità è stata rivoluzionaria e ha cambiato il modo in cui comprendiamo il mondo. Newton comprese che la massa gioca un ruolo fondamentale nell’attrazione gravitazionale, che prende il nome dal latino “gravis”, che significa pesante. Egli stabilì che la gravità si manifesta attraverso la forza peso sulla Terra e tiene i pianeti in orbita intorno al Sole. Secondo la legge di gravitazione universale di Newton, la forza di attrazione tra due masse, m 1 e m 2, è proporzionale alle loro masse e inversamente proporzionale al quadrato della distanza, r, tramite la costante G.

Questo significa che, secondo la fisica classica di Newton, maggiore è la massa, maggiore è l’attrazione gravitazionale. La stessa forza di gravità aumenta quando le masse si avvicinano. A differenza delle altre forze, la forza di gravità è solo attrattiva e agisce su entrambe le masse. Si misura in Newton[N], e 1 N corrisponde alla forza esercitata da un chilogrammo cadente da un metro d’altezza in un secondo[kg·m/s 2]. Possiamo anche parlare del campo gravitazionale “g”, che è una mappa spaziale che rappresenta l’effetto a distanza di una massa m 1.

LEGGI  Quanto è davvero necessario fare 10 mila passi al giorno per migliorare la salute?

Per esempio, l’intensità del campo gravitazionale terrestre in un punto è conosciuta come accelerazione di gravità. Questa accelerazione raggiunge il suo massimo ai poli, dove la Terra è più vicina al centro, e il suo minimo all’equatore. La media è di 9.8 m/s 2. Quindi, per calcolare la forza gravitazionale, possiamo moltiplicare la massa m 2 per l’accelerazione di gravità, o per il campo gravitazionale terrestre g: F g m 2· g

La spiegazione della forza di gravità nella teoria fisica moderna

 La forza di gravità è una delle forze fondamentali della natura: è l'espressione dell'attrazione tra

Nel lontano 1915, il celebre scienziato Albert Einstein presentò al mondo la sua rivoluzionaria teoria della relatività generale. Secondo questa teoria, la gravità non è da considerarsi come una forza, ma piuttosto come una proprietà della materia stessa. Einstein sosteneva che una massiccia concentrazione di materia o energia fosse in grado di piegare lo spazio-tempo circostante, influenzando così il moto delle particelle e delle masse nelle vicinanze. Tra le evidenze sperimentali a supporto di questa teoria c’è la cosiddetta “lente gravitazionale”, un fenomeno in cui l’immagine di un corpo celeste appare spostata a causa della deflessione della luce provocata dal passaggio vicino a una massa densa. Questa scoperta rivelò un aspetto completamente nuovo della nostra comprensione dell’universo e ci offrì uno sguardo totalmente diverso sulla natura della gravità.

La gravità e la sua relazione con la meccanica quantistica

Secondo Einstein, la gravità è descritta come una distorsione continua dello spazio-tempo, mentre la meccanica quantistica

La definizione della gravità secondo la relatività generale ha ottenuto un grande successo nella fisica, ma crea delle incompatibilità con la meccanica quantistica. Secondo Einstein, la gravità è descritta come una distorsione continua dello spazio-tempo, mentre la meccanica quantistica parla di scambi discreti di quanti, come se si trattasse di una curva a gradini. Secondo questa teoria, si prevede l’esistenza di particelle mediatrici della gravità, chiamate gravitoni, che finora non sono ancora state misurate sperimentalmente.

LEGGI  L’esplorazione della Fossa delle Marianne: le persone che sono scese nel punto più profondo del Pianeta.

Nuovi rami della fisica teorica sono emersi con lo scopo di approfondire la comprensione della natura della gravità. La gravità quantistica cerca di conciliare il concetto di gravità espresso dalla relatività generale e dalla meccanica quantistica, prendendo in considerazione effetti su scala microscopica e macroscopica. L’idea di unificare poi le quattro forze fondamentali in un’unica teoria è alla base della teoria del tutto.