Le 5 Migliori Stampanti 3D Economiche (Guida 2018)

Salve,
Sono Marco

Vuoi acquistare una stampante 3d al prezzo più basso senza rinunciare sulla qualità?

Innanzitutto bisogna fare moltissima attenzione perché visto il boom di queste macchine negli ultimi mesi si sta assistendo a un’immissione incontrollata di prodotti copia provenienti dalla Cina, dato che si tratta di apparecchi molto delicati che in certi casi se taroccati possono mettere a serio rischio l’incolumità di chi li utilizza è bene rifornirsi da rivenditori affidati e certificati.

In questo articolo andremo ad esaminare le migliori stampanti 3d economiche del 2018.

Se vuoi andare direttamente alla lista delle migliori stampanti clicca direttamente qui.

A cosa servono le stampanti 3D?

Come ben saprai le stampanti 3D permettono di stampare comodamente e con il pieno e totale controllo moltissimi oggetti nella comodità della propria casa, che siano questi prototipi o progetti scaricati da internet. Ad esempio molti le utilizzano per produrre autonomamente accessori, piccole parti di ricambio di oggetti, custodie, statuine, e così via.

Sono sempre di più i progetti disponibili su internet pronti per essere stampati.

Che materiali usano le stampanti 3D?

Esistono due tipi di filamenti principali per realizzare le nostre stampe, e questi vanno acquistati a parte.
Ci sono quelli PLA e quelli ABS, i primi sono derivati dall’amido di mais e quindi biodegradabili, mentre i secondi (Acrylonitrile Butadiene Styrene) vengono prodotti partendo dal petrolio e quando riscaldati emettono fumi potenzialmente nocivi per la salute. Questi ultimi sono però a volte preferiti per la loro migliore resistenza alle sollecitazioni meccaniche.

Come scegliere una stampante 3d?

Solo una decina di anni fa, una stampante 3D sarebbe costata qualche decina di migliaia di euro, non sto scherzando, era una tecnologia in sviluppo e solo poche industrie potevano permettersela, ma le cose sono cambiate e al giorno d’oggi si trovano ottime stampanti sotto i 500 euro. E’ incredibile.

Certo, più si scende di prezzo, maggiori saranno le limitazioni. La differenza sostanziale si vede però nei particolari, ad occhio nudo un oggetto prodotto da una macchina economica e uno realizzato da una controparte costosa potranno sembrare molto simili se non identici, ma ad uno studio attento, soprattutto andando a vedere le finiture e le parti in cui la stampante si ferma per ripartire, saranno molto più evidenti delle piccole sbavature da parte della stampante economica.

In questo video viene spiegata molto bene la differenza, c’è un confronto diretto tra la stampa dello stesso oggetto da parte di due macchine di fascia di prezzo totalmente opposta:

Com’è ben spiegato nel video sopra, dipende tutto dall’utilizzo che se ne intende fare, se si ha voglia di creare preziosi oggetti da rivendere in cui è fondamentale il più piccolo particolare e tutto deve essere esteticamente perfetto anche ad un test di lente d’ingrandimento, allora meglio optare per una stampante costosa. In caso contrario si abbia voglia di una macchina performante e che realizzi oggetti d’uso quotidiano o comunque nel caso in cui i minuscoli particolari non siano di fondamentale importanza nel prodotto finale, la versione economica andrà benone, si risparmieranno moltissimi soldi e si avranno risultati strabilianti.

Con un po’ di pazienza e lavoro di lima il prodotto finale sarà incredibilmente simile a quello lì eseguito da macchine blasonate e costosissime, te lo assicuro.

Migliore stampante 3d economica 2018 quale comprare

1. Anycubic Delta Rostock, la migliore stampante per iniziare

Partiamo con la Anycubic, una stampante economicissima perché venduta in kit da assemblare, come se fosse un mobile Ikea :). Ma non preoccuparti perché il montaggio risulterà estremamente semplice e divertente, inoltre ti aiuterà a capire meglio come funzionano le varie parti di una stampante 3d, essendo questa una tecnologia tanto nuova non tutti sanno esattamente come funziona, e quali sono le numerose parti meccaniche protagoniste nella generazione dei nostri artefatti.

Anche gli utenti più inesperti trovano facile montare e calibrare la Anycubic, essendo questa progettata per una fascia di consumatori entry level.

La precisione è strabiliante, ovviamente una volta realizzata la stampa bisogna fare ben attenzione a rifinire le sbavature, ma questo accade anche utilizzando macchine costosissime professionali, siamo infatti ben lontani da una tecnologia che permetta di avere prodotti finiti senza alcun intervento dell’uomo.
Spesso ci sono parti da incollare o rifinire se si vogliono ottenere oggetti più complessi.

Durante il montaggio si potrà avere bisogno di un tester per misurare il vantaggio dei motori e regolarli quindi attraverso dei potenziometri, e nel caso di adattare anche delle viti, ma con un po’ di manualità ed ingegno in un paio d’ore si avrà la nostra bella stampante 3d pronta all’uso.

Sul sito della casa produttrice e su youtube inoltre sono presenti dei video per aiutare nel corretto montaggio della stampante, dall’apertura della scatola fino alla prima stampa.

Nella scatola sono presenti parecchi filamenti per poter iniziare sin da subito a stampare, un manuale in inglese ma ricco di illustrazioni vi guiderà passo passo.

Ci sentiamo sicuramente di consigliare questa stampante per coloro che si stanno approcciando per la prima volta al mondo della stampa 3D, sia per il costo contenutissimo che per tutto il materiale di supporto che si può reperire in rete con estrema facilità, consentendo a tutti un uso efficace sin dal primo giorno, senza nessun genere di frustrazioni.

Pro
Veloce e facile da assemblare, per principianti
Permette di stampare oggetti più alti rispetto ad altre stampanti
Molto silenziosa
Grande community di supporto
Ottima assistenza

Contro
Le istruzioni per l’assemblaggio sono in inglese
Velocità di realizzazione un po’ bassa

2. Anycubic Upgraded Prusa i3

La Anycubic è rinomata per la sua assistenza precisa, gentile e sempre disponibile, riceve di continuo plausi su forum e community online di appassionati.

Questa è un’ottima stampante considerando il rapporto qualità prezzo, ovviamente siamo su un altro pianeta rispetto alla precedente, un costo molto più elevato, ma una qualità proporzionalmente più grande. Soprattutto se consideriamo la velocità di realizzazione come un parametro fondamentale nella scelta della nostra prima stampante.

Alcuni utenti contano di stampare uno magari due oggetti al mese, per divertimento o quando si presenti la necessità. Ci sono invece altre persone che utilizzano la stampante 3D quotidianamente, e hanno quindi bisogno di tempi molto più veloci per realizzare quanti più prototipi possibile nel più stretto lasso di tempo.

L’assemblaggio della macchina Prusa i3 è un po’ impegnativo, ma fortunatamente le istruzioni sono dettagliate e chiarissime. Purtroppo in lingua inglese, quindi chi non mastica questa lingua troverà probabilmente più agevole riferirsi direttamente ai numerosissimi video presenti online.

Viene venduta con un filamento PLA per realizzare le nostre prime prove.
E’ fondamentale per una corretta riuscita sin da subito che vi sia un livellamento del piano di stampa, con seguente calibrazione dell’altezza dell’estrusione rispetto al piano, questi due parametri incidono molto sulla riuscita delle stampe.

Prima di effettuare ciascuna stampa è opportuno verificarne accuratamente il progetto 3D, in molti casi in fatti imprecisioni in fase di progettazione andranno inevitabilmente a ripercuotersi in uno scarso risultato finale e si potrebbe pensare che si è sbagliato qualcosa durante il montaggio.

Per evitare questo meglio affidarsi a siti riconosciuti per il download dei progetti di stampa.

E’ un ottimo compromesso tra qualità e prezzo, nel caso non si voglia acquistare la più economica e si abbia voglia di entrare nel mondo della stampa 3d dal portone principale per viverla subito da protagonisti.

Pro
Il piatto di stampa è riscaldato e ultra base
Pannello LCD
Lettore scheda SD

Contro
Un po’ lenta rispetto le macchine top di gamma
Poco diffusa rispetto alla sua sorella minore Delta Rostock, minore supporto della community

3. Geeetech Prusa I3 Pro B – Ottima stampants Economica

La qualità dei materiali di fattura è ottima, è dotata di file pdf per gestire le fasi di montaggio e di video online a supporto. E’ meglio fare però direttamente riferimento a questi perché molto più chiari a spiegare passo passo tutte le fasi di messa in opera della macchina.

Per il corretto montaggio e la calibratura della Geeetech Prusa I3 Pro B ci vorrà qualche ora libera, la parte più impegnativa da assemblare è come sempre la base, che potrà riservare qualche grattacapo agli utenti meno avvezzi ai lavori manuali.

I risultati però sono estremamente appaganti e giustificano il montaggio un po’ più lungo del solito.

La resa degli oggetti è infatti impressionante, niente di invidiare a macchine molto più costose.

I tempi purtroppo sono molto lunghi ma questo è il prezzo da pagare quando si acquistano stampanti economiche.

Non è uno strumento plug and play dall’utilizzo instantaneo, bisogna avere un minimo di dimestichezza col montaggio.

Il venditore su richiesta invia le istruzioni tradotte in italiano, e queste sono in continuo aggiornamento. Il kit è pieno di viti e pezzi di ricambio in avanzo, per poter tollerare quindi anche parecchi errori di montaggio e svariati tentativi.

Esistono varie tecniche quindi per far aderire bene la plastica al vetro, ad esempio è possibile utilizzare il piatto freddo con la super classica colla a stick.

C’è la comodissima opzione di stampare direttamente da memory card senza dover per forza tenere acceso il pc, soluzione che farà comodo a molti, magari a tutti coloro che non adorano tenere il pc on per così tante ore come quelle che richiede una stampa 3D.

Già ai primi tentativi si otterranno ottimi risultati, e con un po’ di pazienza si diventerà sempre più bravi.

E’ un ottimo acquisto per chi vuole cimentarsi in questo mondo senza però dover sborsare un capitale.

PRO
Buona assistenza
Alta possibilità di customizzazione e di utilizzare materiali diversi dal PLA e ABS
facilità di montaggio
poca necessità di rifiniture

CONTRO
Le viti dell’asse non sono sempre diritte

4. HICTOP 24V

L’unico motivo per cui la Hictop 24V è economica è che si tratta di una macchina venduta in kit da assemblare, se fosse stata già pronta all’uso avremmo dovuto pagarla molto di più perché i risultati sono strabilianti.

Necessita di circa 5 ore per essere correttamente montata, calibrata e pronta alla prima stampa. Maggiore pazienza nell’assemblaggio si riflette in migliori performances di uso.

Assieme al kit viene allegato anche del PLA colorato. La stampante in questione è estremamente precisa, sorprendente per un prodotto di questa fascia.
Il rumore è il suo lato negativo, infatti non è molto consigliata se intendiate stampare di notte mentre dormite magari nella stessa stanza, in tale caso meglio cominciare a progettare sin da subito un box insonorizzante.
Il lato positivo è senz’altro la vastissima possibilità di customizzazione che offre la Hictop a dispetto di altre marche, permette di regolare qualunque parametro e le possibilità di “modding” sono davvero parecchie.

Pro
Facile da montare
Dimensione area di lavoro enorme

Contro
Regolazione difficile

5. Flashforge creator pro

Cosa dire di questa stampante?
Probabilmente per alcuni non dovrebbe entrare di diritto nella lista delle migliori stampanti economiche, ma non possiamo che prendere atto della sua qualità e dell’ottimo rapporto qualità prezzo e scrivere quindi una recensione che spieghi il perché della nostra scelta.

Ma procediamo con ordine.

E’ un’ottima stampante, di tipo chiuso, a differenza delle altre, fondamentale questo per la stampa ABS, che notoriamente è quella più problematica nonostante i grandi vantaggi che si porta con sé.
Bisogna infatti perché questo tipo di stampa proceda nel migliore dei modi, assicurarsi una temperatura costante e regolare durante tutto il processo di creazione, per evitare il distaccamento del pezzo di produzione dalla piattaforma.
Per l’abs uso la temperatura di estrusione è di 235° e quella del piatto è di 100°, la velocità di estrusione è di 40mm/s e quella di spostamento è di 70mm/s e mantengo la ventola sempre spenta.

Ci sono vari tricks e tecniche per permettere una corretta adesione del pezzo al piatto, molti consigliano colli a base vinilica oppure lastre di vetro laccate.
Personalmente pensiamo che la soluzione migliore sia tagliare autonomamente un pezzo di vetro delle dimensioni precise del piano di lavoro, in modo da poterlo poi staccare con facilità per permettere l’areazione e il raffreddamento della nostra stampante.
Successivamente procedere quindi alla stampa di un altro pezzo, e attaccarci il tappetino blu dato in dotazione.

E’ un’ottima stampante che però purtroppo sicuramente non manca di difetti, ci sono state delle imperfezioni di progettazione del design, ad esempio per quanto riguarda il posizionamento dei tunisini dei filamenti troppo vicini alla struttura di produzione. Nulla che non si possa curare con un po’ di ingegno e magari la stampa di qualche pezzo adatto.

Le community di appassionati di stampa 3D stanno prendendo sempre più piede e permettono di confrontarci con chi come noi è patito di questa nuova tecnologia e vuole aiutare il prossimo a fare i primi passi o ancora meglio a risolvere i problemi che si presentano ogni giorno in questa delicata scienza di stampa casalinga.

La stampante si copre con il solito coperchio trasparente dotato di appositi intagli sul retro per permettere il passaggio di cavi di alimentazione degli estruosori e dei filamenti.

Non ti mentirò dicendo che è una stampante perfetta, richiede un po’ di intervento personale di personalizzazione ed ottimizzazione, ma una volta messa in opera regala di sicuro grandissime soddisfazioni.

La qualità di stampa giustifica alla grande il suo prezzo elevato rispetto alle concorrenti, i particolari saranno perfetti e non ci sarà praticamente mai bisogno di intervento di limatura e di rifinitura. Lavoro che ad alcuni piace perché fa sentire più “personale” l’oggetto prodotto, e come dargli torto.
Noi in quanto appassionati di 3D, siamo amanti anche di modellazione della materia e quindi di sculture e fai da tè. Insomma ci piace usare le mani, e poter intervenire sull’oggetto appena sfornato dalla nostra stampante è un piacere che non vorremmo mai negarci.

Tutto sommato una delle migliori stampanti presenti in questo momento in commercio.

Pro
Una delle migliori stampanti sul mercato
Adatta sia per prototipi professionali che per uso personale
Box di lavoro chiuso
Silenziosa
Veloce

Contro
Il prezzo elevato

Pro e Contro della stampa 3D

Il limite principale della stampa 3D è senza ombra di dubbio il tempo, che può essere un grandissimo ostacolo per chi fa della tempestività il suo punto forte.
Per molti business affidarsi a un’agenzia di stampa esterna rimane ancora la migliore opzione per contenere i tempi, infatti solo le stampanti costosissime, da parecchie decine di migliaia di euro, possono affrontare stampe complesse in tempi brevi.

Molte stampe 3D prevedono inoltre la sovrapposizione di strati, che rende complicata la verifica di qualità interna di un oggetto, che potrebbe per esempio presentare gravi anomalie tra uno strato e l’altro. Questo non è un problema se l’oggetto in questione è destinato a noi stessi, magari a fare bella mostra su uno scaffale, ma proviamo ad immaginare un uso più commerciale e serio e allora sorgono un mare di dubbi e perplessità.

La stampa 3D è senza ombra di dubbio affascinante e avveniristica ma è purtroppo ancora lontana dalla perfezione, grazie all’ingresso nel mercato ogni giorno di apparecchi sempre più a basso costo possiamo di sicuro intravedere un futuro roseo per gli appassionati di questa tecnica che ha qualcosa di magico, alchimistico, e per questo ci appassiona e affascina tantissimo.

Non dobbiamo dimenticare inoltre il problema della violazione del copyright. Con la possibilità infatti di accedere a database sconfinati di oggetti da poter stampare si moltiplicano le possibilità di andare incontro a violazioni di copyright che ricordiamo possono essere molto gravi e provocare conseguenze legali serissime. Consigliamo sempre di verificare le proprietà del detentore dei diritti sul design che stiamo andando a creare, e se intendiamo farne un utilizzo finale diverso da quello domestico bisognerà fare ben attenzione a non violare nessun marchio registrato o proprietà intellettuale.

In Conclusione

Il mondo della stampa 3D è estremamente affascinante, dotato di contraddizioni e possibilità infinite. Il mondo che sognavamo da bambini in cui la materia prende la forma che vogliamo a partire da un semplice progetto al PC sembra finalmente avverarsi.

Le nostre fantasie tridimensionali non saranno più vincolate ad AUTOCAD o ad altri programmi di grafica, potremo finalmente vedere apparire sotto i nostri occhi in tre dimensioni tutto ciò che vogliamo.

Per il momento i tempi sono lunghi e i materiali a disposizione non sono tantissimi, ma siamo sicuri che col tempo si dispiegheranno davanti a noi scenari fantascientifici, e sinceramente non vediamo l’ora di vederli avverare.

Spero di esserti stato d’aiuto nella tua ricerca, alla prossima… e BUONA STAMPA!

Marco di Pro Contro

ProContro.com partecipa al programma associati di Amazon Services LLC, e riceve una commissione sugli acquisti effettuati tramite i nostri links.

Summary
Review Date
Reviewed Item
stampante 3D Flashforge
Author Rating
51star1star1star1star1star