Qual è la distinzione tra le diverse tipologie di auto ibride: mild, full e plug-in?

Qual è la distinzione tra le diverse tipologie di auto ibride: mild, full e plug-in?

Le varie tipologie di auto ibride, come la mild hybrid, la full hybrid e la plug-in hybrid, presentano differenze significative nella potenza del comparto elettrico e nella modalità di ricarica. In questa analisi approfondita metteremo a confronto questi tre tipi di auto ibride per comprendere appieno le differenze tra di loro.

Quando parliamo di auto ibride, ci riferiamo a veicoli che sono dotati di due motori: uno termico, noto come motore a scoppio, e uno elettrico. Ma quali sono le distinzioni principali tra le diverse tipologie di auto ibride: mild hybrid, full hybrid e plug-in hybrid?

In questo esperimento forniremo una guida dettagliata per coloro che desiderano comprendere come funzionano le auto ibride e quali caratteristiche favoriscono un tipo di guida piuttosto che un altro.

Le variazioni della potenza nel settore elettrico

Le versioni mild hybrid e diesel registrano valori leggermente più alti, rispettivamente 135 g/km e 147

Nel video che state per vedere, esploreremo le differenze tra le tre tipologie di auto ibride, utilizzando la TUCSON di Hyundai come modello di riferimento.

Partiamo dalla potenza del motore elettrico e dalla capienza della batteria: le mild hybrid hanno il comparto elettrico meno potente, le full hybrid si trovano a metà strada e le plug-in hybrid sono dotate del comparto più potente.

Un’altra differenza significativa riguarda la modalità di ricarica: solo le auto plug-in hybrid possono essere caricate tramite colonnine di ricarica, mentre le altre due tipologie si ricaricano esclusivamente tramite la tecnica della “frenata rigenerativa”. Nel video, spiegheremo come funziona questa tecnologia.

Passando ai dettagli tecnici, nelle mild hybrid il motore elettrico funziona come supporto a quello termico, principalmente nelle fasi di ripartenza.

Nelle full hybrid, invece, il motore elettrico può far muovere l’auto da solo solo in determinate condizioni di guida, mentre la centralina decide quando far lavorare entrambi i motori insieme.

LEGGI  Il buco nero più grande nel quale siamo a conoscenza all'interno dell'universo è chiamato TON 618: possiede una massa equivalente a 66 miliardi di Soli

Infine, con le plug-in hybrid, il guidatore ha la possibilità di scegliere quale motore utilizzare, grazie al comparto elettrico più potente a disposizione.

Continua a seguire il video per approfondire queste interessanti differenze e capire quale tipologia di ibrida potrebbe essere più adatta alle tue esigenze.

Confronto dei diversi modelli di auto ibride: Mild Hybrid, Full Hybrid e Plug-in Hybrid

what_is_the_distinction_between_different_types_of_full_plug_mild_hybrid_cars-2

Il confronto tra le diverse versioni del modello TUCSON di Hyundai ci permette di analizzare diversi dati, in particolare quelli relativi alle emissioni di CO2 e ai consumi medi.

Per quanto riguarda le emissioni di CO2, osserviamo che la versione ibrida del TUCSON emette solo 119 g/km, confermando l’attenzione di Hyundai verso la riduzione dell’impatto ambientale. Le versioni mild hybrid e diesel registrano valori leggermente più alti, rispettivamente 135 g/km e 147 g/km, ma comunque entro limiti contenuti.

Per quanto riguarda i consumi medi, le versioni ibrida, mild hybrid e diesel presentano rispettivamente valori di 4,7 l/100km, 5,1 l/100km e 5,5 l/100km. Ancora una volta, si nota che la versione ibrida è quella che si distingue per i consumi più contenuti.

In generale, questo confronto ci mostra che Hyundai offre diverse opzioni al consumatore, permettendo di scegliere la versione del TUCSON che meglio si adatta alle proprie esigenze, con un’attenzione particolare verso l’efficienza energetica e la riduzione dell’inquinamento.