Vitaminic chiude i battenti, segnando la fine di un’importante epoca

Vitaminic chiude i battenti, segnando la fine di un’importante epoca

Che ti trovi a passeggiare tra le rovine digitali del web, oggi ti vengo a narrare la storia di Vitaminic, una pietra miliare della musica online che ha concluso il suo lungo cammino. Immagina un tempo in cui i giovani emergevano nella scena musicale e cercavano disperatamente uno spazio per esprimersi, un luogo dove condividere le proprie creazioni. Ecco, questo era il compito di Vitaminic: offrire una vetrina a quei talenti ancora sconosciuti ai circuiti tradizionali.

I fondatori di questo ambizioso progetto, Gianluca Dettori, Franco Gonella e Adriano Marconetto, avevano l’intuizione di creare un trampolino per le giovani band, in un’epoca in cui la diffusione della musica in rete si trovava ancora in fasce embrionali. L’idea di permettere agli artisti emergenti di costruire una propria rete di fan e di condividere le proprie creazioni in un periodo in cui servizi simili erano praticamente inesistenti è un gesto da applaudire. In un mare vasto come la rete, Vitaminic era un faro che indicava la strada verso l’affermazione per tanti talenti sconosciuti.

Ma la storia prende una piega amara, L’arrivo di giganti come Facebook ha mutato irrimediabilmente le dinamiche della musica online, spazzando via tutte le piattaforme specializzate. In un batter d’occhio, la vetrina offerta da Facebook, con i suoi 800 milioni di account, ha svuotato di significato tutte le realtà che si erano costruite con dedizione e passione. Questo destino crudele, purtroppo, non risparmia neppure Vitaminic.

L’annuncio della chiusura di questo pilastro della musica weblica campeggia ora sulla pagina principale del sito, accanto ai malinconici saluti dei suoi fondatori. I blog e la radio continueranno a trasmettere, ma a breve il portale chiuderà definitivamente i battenti.

LEGGI  Le reazioni su Facebook saranno ora disponibili anche nei video a 360 gradi che possono essere visualizzati utilizzando il visore Samsung Gear VR

E così, Mentre i venti del web soffiano indomabili, ti invito a riflettere su quanto sia effimero il successo nel regno della rete. Così come le onde trasportano via le costruzioni di sabbia sulla spiaggia, così i giganti del web cancellano le opere di una vita, lasciando dietro di sé un’amara scia di ricordi.

Rifletti su quanto sia effimero il successo nel regno della rete…