Ecco perché sulle tastiere dei telefoni le lettere iniziano dal tasto 2: una spiegazione dettagliata dell’organizzazione delle lettere sulla tastiera numerica dei telefoni.

Ecco perché sulle tastiere dei telefoni le lettere iniziano dal tasto 2: una spiegazione dettagliata dell’organizzazione

Sui telefoni, le lettere non iniziano dal primo tasto, l’1, ma dal numero 2, e questo ha sempre generato una certa curiosità. E hai mai pensato al motivo di questa disposizione? È un’architettura nata dopo attente analisi e valutazioni, proprio come ci si aspetterebbe da un elemento così familiare come la tastiera dei telefoni, presente in tutto il mondo.

La scelta di iniziare le lettere dal tasto numero 2 anziché dal tasto numero 1 ha a che fare con una funzione ben precisa del primo tasto, che oggi è purtroppo caduta nel dimenticatoio. Potresti sperimentarlo tu stesso: apri la tastiera virtuale del tuo telefono e tieni premuto il tasto 1. Al netto di eventuali configurazioni differenti, si avvierà una chiamata alla segreteria telefonica. Questa funzione, in passato, era indicata da una piccola immagine raffigurante una cassetta audio stilizzata, ma nel tempo è stata soppiantata dal semplice numero 1. Oggi questa funzione è raramente utilizzata, ma il tasto rimane comunque presente per abitudine.

Non è sempre stato così, alcuni telefoni riportavano “Q” e “Z” sotto al tasto 1 anziché sotto i numeri 7 e 9. Questo, però, accade soltanto negli ultimi decenni, poiché prima le due lettere non venivano utilizzate per comporre le cosiddette phonewords, ovvero le parole che “sostituiscono” le lettere in alcuni paesi. La necessità di utilizzare Q e Z ha portato alla loro attuale posizione nella tastiera dei telefoni.

Per quanto riguarda la disposizione dei tasti stessi, la transizione dai telefoni con disco combinatore a quelli con tasti ha richiesto l’individuazione di una disposizione standard per il tastierino numerico. Le proposte avanzate durante questa fase sono state molteplici, ma alla fine si è giunti alla disposizione attuale. Durante questa transizione, si è anche valutato se fosse meglio iniziare con il tasto 1 o con il 9 in alto a destra, come nelle calcolatrici. L’adozione di questa disposizione per i primi produttori di calcolatrici ha poi convinto i Bell Labs a adottare la numerazione come la conosciamo oggi, ritenendola più comoda e comprensibile per gli utenti.

LEGGI  Cos’è il “SIM swap” e come funziona: una nuova truffa che può portare al furto dei tuoi soldi dal conto in banca

Dov’è finita la vecchia familiarità del tasto 1 e della sua segreteria telefonica? Forse è solo questione di abitudini e cambiamenti nel modo in cui usiamo i nostri telefoni. E forse, proprio come i tasti dei telefoni, anche noi subiamo un costante e impercettibile processo di adattamento al mondo che ci circonda.

Cordiali saluti,