Ecco la prima foto che è stata inviata utilizzando un telefono cellulare, ed è avvenuta ben 20 anni fa.

Ecco la prima foto che è stata inviata utilizzando un telefono cellulare, ed è avvenuta ben

Il primo scatto inviato tramite un telefono cellulare fece il suo debutto nella storia della tecnologia vent’anni fa: precisamente l’11 giugno del 1997. La protagonista di questa pionieristica immagine è Sophie Kahn, una neonata che tra poco compirà vent’anni. Il suo genitore, Philippe Kahn, informatico e inventore francese residente nella Silicon Valley, immortalò il momento pochi istanti dopo la sua nascita all’interno dell’ospedale di Santa Cruz.

Si narra che in quell’epoca inviare una foto tramite smartphone fosse considerato un’utopia. Preparare l’apparecchiatura e i programmi necessari richiese ben dieci mesi di lavoro. Bisognò perfino costruire sia la piattaforma informatica che il dispositivo vero e proprio. Philippe coltivò l’ambizioso progetto e riuscì a inviare, tramite il telefono cellulare, l’immagine della sua dolce creatura a oltre 2024 contatti tra amici e parenti. Fu in quel momento che il destino dei dispositivi mobile e il rapporto delle persone con la fotografia subirono una svolta epocale, presagio dei social network e delle app di instant messaging come WhatsApp e Facebook Messenger.

Durante un’intervista, Philippe ha rivelato di aver collegato un portatile Toshiba con un telefonino Motorola e una fotocamera della Casio per compiere il miracolo. Il suo intento non si limitava all’invio della foto, ma bensì a condividerla: il sistema la postava automaticamente sul web e i destinatari ricevevano via mail una notifica con un link per visualizzarla su un computer, poiché gli smartphone non erano ancora di moda.

L’esito di questa impresa fu improcrastinabile: la storiella di Philippe e la dolce immagine di sua figlia rimbalzarono su tutti i giornali mondani, mentre la Starfish Software, società fondata dall’inventore, specializzata in software per sincronizzare i dispositivi digitali, venne ceduta a Motorola per 325 milioni di dollari un anno dopo. In seguito, Philippe brevettò e diede vita a una società specializzata in fotocamere per smartphone, la LightSurft, la quale trionfò con la vendita della sua tecnologia all’azienda Sharp, che la impiegò per realizzare il primo telefonino con fotocamera integrata.

LEGGI  Sony Xperia XZ Premium, è stato presentato il primo smartphone che vanta un incredibile display 4K HDR.

È evidente, Che la storia di Philippe Kahn e della sua pionieristica invenzione continuano a svolgere un ruolo significativo nelle nostre vite, precorrendo una rivoluzione tecnologica che ha segnato un punto di svolta indelebile nella storia dell’umanità.