C’è un bot su Telegram che utilizza la tecnologia deepfake per creare immagini in cui le donne vengono spogliate dalle loro vesti.

C’è un bot su Telegram che utilizza la tecnologia deepfake per creare immagini in cui le

Immagina un software in grado di trasformare qualsiasi tua foto, rubata da uno dei tuoi profili social, in un’immagine apparentemente priva di vestiti. Sembra l’inizio di un racconto fantascientifico, invece è la realtà distorta dai deepfake, quegli algoritmi capaci di manipolare le immagini in modo così verosimile da ingannare persino l’occhio umano.

Questa nuova forma di abuso ha colpito oltre 100.000 donne, le cui foto modificate vengono diffuse senza alcun consenso. È come se un’ombra oscura si insinuasse nei loro ritratti, sottraendo loro non solo i vestiti, ma anche la dignità e l’autodeterminazione.

Non possiamo ignorare le conseguenze di queste azioni. Le immagini, una volta trasformate in falsi nudi, si diffondono come un virus digitale, privando le donne della loro intimità e esponendole a violazioni della loro privacy e alla vergogna pubblica.

Questi furti digitali non riguardano solo l’immagine, ma colpiscono l’essenza stessa dell’individuo, mettendo in discussione la fiducia nella tecnologia e l’integrità della nostra vita digitale.

Dobbiamo affrontare queste sfide con consapevolezza e responsabilità, difendendo la dignità di ogni persona e promuovendo un utilizzo etico dei mezzi digitali. Bisogna agire ora, prima che questa sinistra forma di abuso diventi una prassi diffusa, cancellando alla radice la nostra fiducia nel mondo digitale.

Con fiducia nelle potenzialità dell’uomo e nella forza dell’etica,

di gestione delle risorse umane in un’azienda?

there_is_a_telegram_bot_that_uses_deepfake_technology_to_create_images_of_women_being_stripped_of_their_clothes-1

C’è qualcosa di straordinario nella capacità umana di manipolare la realtà. Se fino a poco tempo fa era necessario essere degli esperti informatici per apportare modifiche convincenti a foto e video, ora, grazie all’intelligenza artificiale, chiunque può prendere parte a questo gioco distorto della visione.

LEGGI  Spicchi d'aglio nel naso contro il raffreddore: Il TikTok ha reso virale questo rimedio, ma i medici avvertono che potrebbe essere pericoloso

Immagina di avere davanti a te un insieme di algoritmi capaci di scalfire la composizione di un’immagine e di modificarne i dettagli in maniera così verosimile da ingannare qualsiasi osservatore. Questi algoritmi, chiamati deepfake, sono come maghi digitali che riescono a mutare la realtà con un semplice clic.

Esaminando il loro funzionamento, ti accorgi di come essi siano diventati in grado di interpretare, da migliaia di immagini, la composizione di un corpo umano e di modificarne la rappresentazione. Si tratta di un processo sorprendente, che solleva interrogativi sulla vulnerabilità dell’immagine e sulla nostra percezione della verità.

Ma ciò che è ancora più preoccupante è la facilità con cui questi potenti strumenti sono alla portata di tutti. Una semplice foto presa da un social network può diventare il terreno di gioco di uno di questi algoritmi, bastando caricarla in un gruppo su Telegram, per trasformarla in qualcosa di completamente diverso, senza alcuna competenza informatica da parte del manipolatore.

Ci ritroviamo così in un mondo in cui la verità dell’immagine è messa in discussione continuamente, e dove l’essere umano, con un semplice gesto, può alterare irreversibilmente l’immagine dell’altro, rendendo la sua percezione sempre meno affidabile.