Come ammorbidire la barba

Già da molti anni la barba è tornata di moda. Per tanti è una questione di fashion, mentre per altre persone è un vero e proprio stile di vita, con i suoi rituali e i suoi ritmi. Ne sono testimoni i tantissimi barber shop tradizionali dove farsi coccolare per un look impeccabile.

Resta comunque il fatto che a differenza dei capelli, la peluria facciale può essere molto difficile da curare soprattutto se non si utilizzano tecniche e prodotti studiati appositamente.

In generale la barba ha una struttura molto diversa rispetto alla chioma, perché si tratta di peli che sono tendenzialmente duri, in alcuni casi addirittura ispidi e che difficilmente tollerano di essere pettinati, mantenendo la piega.

Infatti per loro natura risultano meno docili è più facili ai capricci. Non c’è però da perdersi d’animo, perché con un po’ di trucchetti alla portata di tutti e un certo ritmo quotidiano, davvero poco impegnativo, si può ottenere una barba morbida fluente e folta.


L’importante è avere costanza, voglia di prendersi cura di sé e utilizzare i prodotti giusti. Inoltre rispetto ai capelli, la barba deve essere trattata con più frequenza e non andrebbe lasciata crescere libera per più di una settimana, senza provvedere a una cura generale.

I peli facciali, infatti, crescono più velocemente dei capelli e soprattutto sono molto più visibili. Quindi anche semplicemente una leggera ombra di barba è in grado di cambiare completamente l’aspetto del volto nel bene e nel male.


Perché la barba diventa ispida?

Rispetto alla crescita dei capelli, che è più regolare, quella della barba risente fortemente del punto in cui si osserva. Sul mento tende a essere più liscia, mentre a esempio sulle gote può arricciarsi parecchio e assumere anche direzioni decisamente irregolari.

Inoltre se non viene trattata con la giusta cura diventa dura e ispida. Questo è dovuto al fatto che la struttura dei peli facciali non è sostanzialmente cilindrica come quella di capelli, ma ha una sezione irregolare, che cambia notevolmente nel corso del mese e dell’anno.

È assolutamente indispensabile effettuare un trimming della barba almeno una volta la settimana per pareggiarla. Questo è un fattore determinante, perché le conferisce un aspetto più omogeneo e soprattutto la rende più facile da pettinare.

Questo è un rituale che deve essere effettuato tutti i giorni. Il segreto per tenerla in ordine, infatti, è proprio quello della pettinatura, la cui funzione non è soltanto quella di domare i peli facciali già cresciuti, ma anche quella di favorire un migliore allineamento delle radici dei follicoli.

Anche se molti non lo sanno, questi sono particolarmente mobili per rispondere al differenze cambiamento del clima, infatti possono anche drizzarsi e diventare molto pruriginosi a causa dei picchi di irrorazione dei capillari, col freddo e col caldo intensi.

Dopo averla accuratamente pareggiata con precisione, è opportuno almeno una volta la settimana, magari quando si decide di prendersi davvero cura di sé, effettuare un massaggio con una crema emolliente che vada a ammorbidire sia i peli che la pelle del viso.

I peli di barba sono sempre esposti a raggi ultravioletti, sbalzi di temperatura e allo stress quotidiano. Questo li rende particolarmente duri, perché la loro funzione è proprio quella di proteggere il viso e le sue parti più delicate.

Non bisogna, inoltre, mai utilizzare prodotti a base alcolica per il viso come acqua di Colonia e altri, nel caso in cui porti la barba lunga, perché la fanno seccare e la rendono davvero dura.

Al contrario, invece, per averla lucida e morbidissima, bisogna utilizzare un olio emolliente pensato appositamente per la barba o al limite quello di oliva per fare un bel massaggio, facendolo assorbire completamente senza risciacquare.


Come ammorbidire la barba in modo naturale?

La barba, a causa della sua struttura irregolare, non è mai morbidissima, soprattutto quando è particolarmente corta. Di solito sotto un paio di centimetri tende a diventare davvero ispida e in alcuni casi addirittura punge, soprattutto quando si taglia con il rasoio a mano.

Per renderla più soffice bisogna sempre tenerla ben pareggiata utilizzando un trimmer, oppure se ha l’occasione, le forbicine apposite per questo tipo di toilette.

Inoltre si può ammorbidirla con un trattamento periodico a base di olio di oliva oppure di jojoba, circa una o due volte alla settimana a seconda delle necessità, anche se non c’è bisogno di eccedere. Infatti la barba ha una struttura che non può essere resa morbida più di tanto senza sfibrarla.

Sfoltirla e scalarla, però aiuta, perché con i peli a lunghezza differente e meno densi, l’effetto è più regolare, elegante e morbido, ma ci vuole un po’ di manualità per non fare tagli eccessivi. Esistono rasoi appositi che fanno in maniera egregia questo lavoro, ma se la barba è lunga, occorre un professionista.

Per non farla indurire bisogna sempre evitare gli shock termici, quindi in inverno una sciarpa che la protegge è da considerarsi un must, per chi vuoi mettere al centro del suo look barba e baffi. Se non viene protetta tende a disidratarsi e a diventare dura.

Si può comunque intervenire utilizzando vari prodotti a base di cheratina, ristrutturanti e nutrienti, oppure il succitato olio d’oliva quello di jojoba e persino l’olio di cocco, sempre però a patto di massaggiare con moto circolare per favorire una buona vascolarizzazione superficiale.

Infine, cosa che non viene presa in considerazione in realtà molto spesso, ma che è importante per la barba ammorbidita che si desidera, è la qualità dell’acqua.

Bisogna effettuare un lavaggio scegliendola poco mineralizzata. Se infatti quella del rubinetto è troppo dura, oltre a vanificare gli effetti positivi degli altri prodotti, tenderà ad avere un residuo fisso che viene assorbito e indurisce ulteriormente la struttura dei peli della barba, rendendoli secchi e rigidi, difficili da trattare e da pettinare.


Come si liscia la barba?

Lasciando da parte tutte le pratiche controverse come l’uso della piastra, che a volte si vede suggerita su internet e che in realtà fa un vero e proprio disastro sulla barba lunga perché ne rovina la struttura, la rende più secca e soprattutto offre un effetto ridicolo, il modo migliore per lisciare la barba è sempre quello di nutrirla abbondantemente.

Questo si fa con olio selezionato, in grado di garantire alti livelli di idratazione a fianco di un notevole nutrimento della struttura del pelo, per averla perfettamente liscia.

Infatti quella che ci aspetta è non poca fatica, rispetto ai capelli perché per loro natura i peli facciali possono essere molto irregolari e crescere ondulati.

Pettinarli con costanza tutti i giorni e mantenerli ben idratati sono passaggi imprescindibili per una buona barba liscia, ma non si può comunque pretendere di superare una certa soglia con i risultati, perché è proprio la struttura dei peli facciali a rendere difficile un effetto pari a quello dei capelli.

Questo non toglie però che si possa ottenere uno stile di barba davvero elegantissimo e compatto mantenendo ordinati i peli facciali e migliorando la loro morbidezza, con un piccolo intervento quotidiano.

Bisogna tenere sempre lontani da sé, però tutti i prodotti come gli aftershave a base alcolica che sono veri e propri nemici della barba perché la seccano e la rendono lo stopposa.

Inoltre, se come dopobarba sono perfetti perché disinfettano i tagli e hanno un effetto rilassante per la pelle, se vengono applicati sotto la barba possono dare irritazioni che rendono ancora più difficile avere una barba liscia in seguito.


Come rendere liscia la barba riccia?

Difficilmente sul viso ci troveremo ad avere una barba perfettamente liscia, anche se i nostri capelli scendono giù come fili di seta. Questo è dovuto alla natura dei peli facciali che hanno un profilo irregolare e una crescita stagionale molto differenziata.

Tuttavia con pazienza e autocontrollo si può riuscire a rendere davvero invidiabile una barba, facendola diventare praticamente liscia e molto ordinata.

Tutto parte dall’idratazione ed alla cura quotidiana. Non si può infatti pretendere di ottenere un risultato immediato se per mesi abbiamo lasciato crescere in disordine.

Un look impeccabile si coltiva ogni giorno, progressivamente. Questo per obbligare le radici a crescere con un buon orientamento, perché la barba di solito tende ad avere direzioni abbastanza casuali.

Inoltre tutte le mattine è necessario lavarla, perché da un lato l’idratazione rende più docile il pelo facciale, dall’altro i risultati sono cumulativi su tutta quanta la linea.

Dopo questo trattamento rituale e quotidiano, però è sempre obbligatorio passare ad una cura, per così dire, avanzata che consiste nell’impiego di unguenti e oli liscianti, che devono essere passati con moto circolare sulla barba prima di pettinarla.

È importante anche tenersi lontani dal fumo, che può letteralmente rovinare il lavoro di settimane e oltretutto lascia anche brutte macchie sui baffi, oltre che favorire la disidratazione.

Inoltre si devono limitare al 100% le sostanze aggressive, perché la peluria facciale deve essere rispettata e trattata con il massimo dell’attenzione se si vuole domarla.

La barba riccia può essere resa liscia impiegando un prodotto un po’ più aggressivo rispetto al comune olio da barba, perché è necessario rompere una parte dei legami che la fanno avvolgere.

I casi non particolarmente gravi, però, può bastare del semplice balsamo per capelli ricci, ovviamente quello lisciante, perché altrimenti l’unica cosa che fa è rendere splendida la vostra barba ma non la trasforma come la volete.

Anche se di solito è sconsigliato questo tipo di passaggio per eliminare i boccoli, che possono rovinare il vostro viso,è necessario pettinare la barba dopo averla lavata, utilizzando un phon tiepido e non freddo.

Infatti bisogna forzare le sue fibre ad allinearsi e a perdere in parte la loro coerenza. Questa operazione deve essere fatta tanto più spesso quanto più è lunga la barba, ovviamente, perché tende ad arrotolarsi molto più rapidamente dei capelli e risentire naturalmente degli sbalzi di temperatura e di umidità.


A cosa serve l’olio per la barba

Se da un lato tutti i trattamenti igienici per pulire la barba si possono fare con shampoo naturale e neutro o semplicemente con l’acqua, a patto che sia a bassissima mineralizzazione, un passaggio obbligatorio o quasi è quello dell’ olio.

Si possono utilizzare tante tipologie di prodotto a partire de quello semplice di oliva, che è molto efficace, ma bisogna anche capire perché si utilizza.

Innanzitutto l’olio è un potente ristrutturante oltre che un nutriente che modifica il film lipidico dei peli facciali, rendendoli belli e lucidi. Questo è non soltanto un importante fattore estetico, ma soprattutto una protezione dagli effetti dell’umidità e dei raggi ultravioletti ai quali siamo costantemente esposti.

Inoltre l’olio depolarizza le squame dei peli facciali, che in maniera del tutto analoga rispetto a quanto succede con i capelli ispidi e impettinabili sono la fonte principale del problema.

Quando le squame sono aperte, infatti, i peli facciali tendono a allontanarsi gli uni dagli altri, a piegarsi con angoli vivi e quindi non scendono più in maniera fluida,

Si disidratano si seccano e si spezzano, rendendo difficilissimo avere un look interessante con una barba piuttosto lunga. Con l’olio la barba si ammorbidisce e diventa pettinabile e cambia completamente il suo aspetto.

Per l’effetto il lubrificante riesce a rendere più semplice pettinarla, utilizzando però sempre pettini in legno e non quelli economici in plastica, fortemente elettrizzanti, perché altrimenti c’è il rischio di strappare i peli, cosa estremamente dolorosa, ma soprattutto di sfibrarli e questo li rende ingestibili.

La barba viene trattata applicando l’olio vicino alle radici, anche a contatto con la pelle, che ne trae vantaggio e si ammorbidisce. Poi si fa scorrere il pettine verso le punte, distribuendo il liquido su tutta la loro lunghezza per ottenere un effetto omogeneo e ristrutturare in particolare le punte che sono la parte più fragile della barba, responsabili dell’effetto ispido.

L’olio deve essere fatto assorbire e applicato sulla barba leggermente inumidita, per favorirne l’assorbimento e non si risciacqua. Il suo effetto, infatti, no solo è immediato, ma si prolunga nel tempo proteggendo la barba e curandola in ogni suo aspetto strutturale.

Pro Contro