Come Assassin’s Creed utilizza i videogiochi per raccontare in modo coinvolgente la storia dell’antica Grecia

Come Assassin’s Creed utilizza i videogiochi per raccontare in modo coinvolgente la storia dell’antica Grecia

Ti vorrei parlare di un evento tanto interessante quanto singolare che si terrà il 4 ottobre al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci di Milano. Sarà dedicato alla storia dell’antica Grecia, ma con un tocco particolare legato al mondo dei videogiochi, e in particolare a Assassin’s Creed Odyssey, il famoso titolo prodotto da Ubisoft.

Questo videogioco ha introdotto una modalità chiamata Discovery, che ti permette di esplorare l’ambientazione del gioco senza doverti preoccupare dei combattimenti. È come fare un viaggio turistico nell’antica Grecia, immergendoti completamente nel contesto storico senza distrazioni.

Ma la vera sorpresa sarà la presenza di Maxime Durand, consulente storico della serie Assassin’s Creed, che condividerà con te i retroscena e le sfide affrontate nella ricostruzione storica del gioco. È affascinante pensare a tutto il lavoro di ricerca e di studio che si cela dietro a un simile progetto videoludico.

E non è finita qui: durante l’evento avrai la possibilità di provare il gioco in prima persona, immergendoti completamente nella Grecia antica di Socrate e delle guerre del Peloponneso. Sarà un’occasione unica per vivere un’esperienza storica in un modo del tutto nuovo, grazie alla tecnologia dei videogiochi.

Sarà dunque un’opportunità per te, Di unire la passione per la storia con l’intrattenimento videoludico, aprendo la tua mente a nuove forme di apprendimento e di esplorazione del passato. Chi l’avrebbe mai detto che i videogiochi potessero condurti in un viaggio così affascinante nel tempo e nello spazio?

Ti aspetto dunque il 4 ottobre al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci di Milano, pronto a lasciarti stupire e ispirare da questa singolare fusione tra storia e tecnologia. Presto potresti scoprire che anche dietro a un videogioco si nasconde un mondo di conoscenza e di bellezza che merita di essere esplorato.

LEGGI  Come vincere come membro dell'equipaggio in Among Us: 10 trucchi e suggerimenti utili

Il modo in cui Assassin’s Creed affronta e integra la tematica storica all’interno del gioco

  Oltre a Valiant Hearts, va menzionato anche Gods&Monsters, un RPG di Ubisoft presentato all'E3

Il legame che lega Ubisoft alla Storia è un fatto ben noto agli appassionati. La serie Assassin’s Creed, da sempre, ha fatto del passato il suo fulcro narrativo: dalle Crociate del primo capitolo nel lontano 2024, al Rinascimento italiano vissuto attraverso gli occhi di Ezio Auditore, fino ad arrivare alla Londra vittoriana di Syndicate.

Ma la storia non si limita solo a essere uno sfondo scenico per i videogiochi. La Ubisoft, con il reboot della serie in Assassin’s Creed Origins – il capitolo precedente a Odyssey, ambientato nell’Egitto di Cleopatra – ha inaugurato la modalità Discovery. Questa geniale iniziativa digitale permette ai giocatori di esplorare e vivere la storia in un modo nuovo, imparando e scoprendo, rendendo la conoscenza del passato un vero e proprio viaggio interattivo.

Ma non è tutto: Origins ha anche dato vita a The Hieroglyphics Initiative, un progetto di ricerca sull’egittologia che supporta gli studiosi nella traduzione dei geroglifici utilizzati in Egitto dalle antiche civiltà. L’apporto di Ubisoft in questo campo è stato davvero notevole, usando la tecnologia per colmare le lacune e i danni presenti su molte iscrizioni, rendendo possibile la comprensione di un mondo antico fino ad ora incompreso.

Questa collaborazione tra il mondo dei videogiochi e la ricerca storica è un esempio di come la tecnologia possa essere un prezioso alleato nella comprensione e nella conservazione della Storia. Ubisoft, con il suo costante impegno nel narrare e preservare la storia antica, dimostra come il passato possa sempre offrire spunti e opportunità per guardare avanti, con occhi nuovi e pieni di curiosità.

LEGGI  Come candidarsi per ottenere 500 dollari da Netflix traducendo i sottotitoli di una puntata

Non solo Assassin’s Creed: altre avventure videoludiche da non perdere

Questa geniale iniziativa digitale permette ai giocatori di esplorare e vivere la storia in un modo

Quando si parla della produzione Ubisoft, è necessario andare oltre i soliti titoli noti come Assassin’s Creed, per scoprire altre opere significative legate al passato. Tra queste opere c’è Valiant Hearts: The Great War. Un gioco che, nonostante la sua natura di piccola produzione, si distingue per come è riuscito a raccontare la Prima Guerra Mondiale in modo autentico e coinvolgente, senza ricorrere ad una narrazione stereotipata.

Questo particolare titolo, realizzato in collaborazione con la commissione francese Mission Centenaire 14-18 per commemorare il centenario della Grande Guerra, ha saputo attingere a fonti originali, come le lettere dal fronte, per restituire al giocatore un’esperienza storica e umana allo stesso tempo. Si tratta di un esempio virtuoso di come il videogioco possa essere un mezzo efficace per far vivere al giocatore un pezzo di storia in maniera coinvolgente e autentica.

Oltre a Valiant Hearts, va menzionato anche Gods&Monsters, un RPG di Ubisoft presentato all’E3 2024, che si concentra sulla mitologia greca. In questo gioco, molti degli sviluppatori provenienti dalla serie di Assassin’s Creed hanno lavorato per rendere reale il rispetto della tradizione mitologica greca. Anche se non strettamente storico, questo titolo dimostra come il mondo videoludico possa esplorare il passato in modi fantasiosi e creativi, portando il giocatore in mondi leggendari e affascinanti.

In definitiva, nel panorama dei giochi Ubisoft, troviamo opere che attraverso la creatività, il rispetto per la storia e l’accuratezza nei dettagli, ci regalano esperienze coinvolgenti e avvincenti, capaci di farci viaggiare nel tempo e nello spazio senza dover muovere un passo dal nostro posto. E questo è il magico potere dell’arte videoludica, capace di aprirci finestre su mondi sconosciuti e storie dimenticate.