Come funziona la friggitrice ad aria?

La friggitrice ad aria è uno degli elettrodomestici più richiesti del momento. Se fino a qualche anno fa sembrava impossibile friggere senza adoperare l’olio, oggi è una consolidata realtà.

Nella friggitrice ad aria, per cucinare differenti tipologie di cibi, non è necessario immergere polpette, patate e quant’altro in abbondante olio bollente.

Si ottengono comunque pietanze molto saporite e croccanti ma con un minore contenuto di calorie e di grassi rispetto a quelli che è necessario adoperare in una normale friggitrice.
Vediamo assieme cos’è la friggitrice ad aria e come funziona.


Friggitrice ad aria: cos’è?

Questo elettrodomestico ad alto tasso di innovazione è stato lanciato sul mercato dalla Philips pochi anni fa.

Ha un principio di funzionamento simile a quello di un forno ventilato ed è in grado di cuocere le pietanze facendole diventare croccanti come se fossero fritte ma senza l’utilizzo di olio.

Ha dimensioni molto più contenute rispetto a un comune forno e può essere posizionato sopra un mobile o un piano di lavoro della cucina.


Come funziona la friggitrice ad aria?

La friggitrice funziona con un sistema di circolazione dell’aria calda e fondamentalmente può essere accomunato a un forno potenziato a conversione.

La componente principale di questo elettrodomestico è la ventola che spinge l’aria calda verso il basso. Grazie alla forma delle pareti interne, l’aria risale verso l’alto penetrando nel cibo contenuto dal cestello.

Lo scopo della friggitrice ad aria è quello di cucinare pietanze croccanti e gustose abbattendo significativamente il contenuto di calorie.

Dopo l’utilizzo si pulisce con estrema facilità: il cestello e il suo contenitore a forma di cassetto possono essere lavate in lavastoviglie o a mano con una spugna morbida e del comune detergente per stoviglie.

Le friggitrici ad aria non hanno tutte la stessa forma e non cuociono nella stessa identica maniera. Sebbene il principio di funzionamento sia il solito, alcune cuociono più in fretta e altre impiegano un po’ più di tempo per far diventare le pietanze croccanti.


La differenza fra l’una e l’altra sta nella forma della camera interna ma anche nella potenza che sviluppano durante il funzionamento.


L’olio ci va messo oppure no?

Alcune ricette formulate appositamente per la friggitrice ad aria non richiedono l’uso di alcun grasso aggiunto per friggere mentre in altre preparazioni è necessario aggiungere un piccolo quantitativo di olio, in misura nettamente inferiore rispetto a quello che servirebbe per una tradizionale frittura.

Solitamente sono sufficienti un cucchiaio da minestra o due cucchiaini da tè di olio mentre per gli alimenti impanati ne serve un po’ di più, circa 15 ml.

L’olio deve essere spennellato direttamente sugli alimenti mentre per le impanature è possibile mischiarlo direttamente al pangrattato.


Cosa si cucina nella friggitrice ad aria?

Le friggitrici di questo tipo sfruttano le caratteristiche del calore secco quindi meglio evitare gli alimenti che hanno bisogno di un calore umido come la bollitura, il vapore o la brasatura.

La friggitrice ad aria cuoce alla perfezione gli alimenti surgelati che già hanno subito un apre frittura come i classici bastoncini di pesce, le alette di pollo, supplì e pattatine fritte. Può essere utilizzata anche per rendere croccante tranci di pizza e focaccine.

Questi stessi alimenti possono essere cotti direttamente nella friggitrice ad aria senza essere stati sottoposti a una frittura prima.

Tutte le verdure che abitualmente grigliate o rosolate sono ottime da cucinare nella friggitrice. Qualche esempio? Broccoli, zucchine, peperoni e cavolfiori. Le patate, tagliate nel formato che preferite, danno sempre ottimi risultati così come i wurstel che durante la cottura creano una crosticina dorata particolarmente invitante

Al contrario del microonde, la friggitrice non fa diventare molli le cose da riscaldare. Adoperatela per il pane del giorno prima, per scaldare crocchette, lasagne, piadine farcite e toast.


Caratteristiche principali della friggitrice ad aria

Durante l’utilizzo della friggitrice ad aria è indispensabile adoperare sempre il suo cestello che permette all’aria calda di circolare in modo adeguato fra il cibo da cuocere.

Essendo sospeso dal fondo, fa cadere verso il basso, l’olio in eccesso che renderebbe unte e troppo caloriche le pietanze cucinate.


Questo elettrodomestico ha dimensioni contenuto e può trovare facilmente spazio in cucina ma, un volta acceso, diventa assai rumoroso tanto da coprire la voce di una televisione accesa o disturbare una normale conversazione fra due persone.


Per ottenere fritture omogenee, è meglio mescolare il cibo di tanto in tanto. Il cestello può essere estratto agevolmente durante la cottura senza dover spegnere l’elettrodomestico. Alcuni modelli si disattivano in automatico non appena aprite il cassetto.

I cibi vengono cotti rapidamente ed è uno dei vantaggi maggiori che offrono le friggitrici ad aria. Meno quantità di cibo introdurrete nel cestello, più la cottura sarà veloce.


Accortezze che permettono alla friggitrice ad aria di funzionare meglio

La friggitrice ad aria permette di friggere i cibi senza l’utilizzo di grandi quantitativi d’olio e, grazie al suo particolare funzionamento, consente di effettuare differenti tipi di cottura. È necessario però adoperare alcune accortezze nel suo utilizzo per ottenere risultati ottimi.

Per prima cosa è necessario consultare il libretto delle istruzioni anche se spesso, le case produttrici di questo elettrodomestico, forniscono poche informazioni sul suo funzionamento e su cosa possa essere cucinato al suo interno.

Sono elettrodomestici molto più versatili di una classica friggitrice elettrica e possono preparare un po’ tutte le ricette da rosticceria come il pollo arrosto, le verdure grigliate e le patate fritte.

Sono ottimi per cuocere i cibi prefritti come i nugget, i supplì e le cotolette surgelate. Prima di introdurre gli alimenti all’interno del cestello come le patate o prodotti sottoposti alla marinatura, è buona norma asciugarli bene per evitare schizzi e l produzione di un eccessivo quantitativo di fumo.

Meglio non riempire eccessivamente il cestello altrimenti il flusso di aria calda fa fatica a penetrare fra i cibi da cuocere rallentando significativamente il tempo di cottura.

L’aria che si muove all’interno della friggitrice è molta e gli alimenti leggeri possono sobbalzare. Se il vostro modello di friggitrice non è completamente chiuso e separato dalla ventola, meglio evitare di cucinarci cose troppo leggere come i nachos perché potrebbero essere risucchiate con la conseguente rottura dell’elettrodomestico.

Per ottenere cotture uniformi, è buona norma agitare il cestello almeno un paio di volte durante la cottura soprattutto se contiene un buon quantitativo di alimenti da cuocere.

Alcune friggitrici disperdono calore durante il loro funzionamento e la base esterna può diventare rovente. Per questo motivo prestate attenzione a dove appoggiate l’elettrodomestico se non è un modello beni isolato.


La friggitrice deve essere lavata dopo ogni singolo utilizzo con acqua calda e sapone. Alcuni modelli hanno componenti che possono essere lavati in lavastoviglie: se avete dubbi in merito fate riferimento sempre a ciò che è scritto sul libretto di istruzioni.



Come pulire e lavare la friggitrici ad aria

Prima di cominciare la pulizia della friggitrice, staccatela dalla rete di alimentazione e lasciatela raffreddare.

Rimuovete i cestelli al suo interno e lavateli con una spugnetta non abrasiva, acqua calda e sapone per piatti. Nel caso siano presenti incrostazioni tenaci, lasciate in ammollo il cestello per una ventina di minuti prima di procedere al lavaggio vero e proprio.

La parte esterna delle friggitrice non viene sporcata dagli alimenti ma a lungo andare può accumulare polvere. Basta dunque passarla di tanto in tanto con una spugnetta umida per mantenerla sempre perfettamente pulita.

Dopo aver asciugato le varie parti lavate, assembleare di nuovo la friggitrice che così sarà già pronta per il prossimo utilizzo.

Cosa fare nel caso di sporco ostinato

A volte capita che nonostante abbiate seguito passo dopo passo le indicazioni fornite prima, lo sporco più ostinato continui ad aderire alle pareti dei cestelli.

Per effettuare una pulizia completa senza adoperare la spugnetta abrasiva, preparate una sorta di crema con bicarbonato e poca acqua. Deve essere sufficientemente densa per poter essere applicata direttamente sulle incrostazioni.

Lasciate riposare il tutto per una decina di minuti poi provvedete a rimuovere lo sporco con una spugna morbida.


Eliminare gli odori

Può capitare che dopo la cottura di alimenti particolarmente odorosi come il pesce, la friggitrice dopo un’accurata pulizia mantenga ancora quel cattivo odore.

Per togliere qualsiasi traccia di odori non graditi, lasciate in ammollo i cestelli per un’ora circa in un bagno di acqua calda, sapone per piatti e qualche goccia di aceto di vino bianco.

In alternativa passate sulla superficie interna mezzo limone e lasciate riposare per trenta minuti dopodiché lavate di nuovo i cestelli.

Cosa non fare per pulire la friggitrice ad aria

Per detergere la friggitrice ad aria è vietato adoperare spugnette abrasive o utensili che possano graffiare e danneggiare il rivestimento antiaderente interno.


Il corpo principale contenente il motore non deve mai essere immerso in acqua ma eventualmente, nel caso si sia sporcato, può essere pulito con una spugnetta ben strizzata.

Appena notate che qualche parte della friggitrice si sta rovinando, acquistate il pezzo di ricambio originale e sostituitelo per evitare di compromettere la salubrità dei cibi cucinati e di conseguenza la vostra salute.

Pro Contro