Come si preparano i centrifugati di frutta e verdura

Amatissimo dagli esperti del benessere e consigliato da nutrizionisti e fitness addict, la centrifuga è diventata uno degli elettrodomestici più richiesti sul mercato perché è in grado di preparare ottimi concentrati ricchi di vitamine e fibre.

Perfetti per chi è sempre a dieta, per chi vuole preparare la pelle per l’estate e per l’abbronzatura e per le mamme attente all’alimentazione dei propri bambini.

La centrifuga ha un meccanismo semplice e non richiede grandi operazioni di pulitura dei vegetali, si lava anche in lavastoviglie e mantiene intatte tutti i principi nutritivi contenuti nella frutta e verdura.

In questo articolo ti daremo alcune idee di centrifugati da preparare in base alle più disparate esigenze spiegando step by step anche le modalità di preparazione, affinché possiate ottenere il massimo risultato sia come resa che come tenuta delle vitamine.


Come fare i centrifugati di frutta e verdura

La domanda più frequente a proposito della preparazione dei centrifugati riguarda la necessità di preparare gli alimenti prima di inserirli all’interno del dispositivo. Di seguito riportiamo tutti i nostri suggerimenti per consentirvi di preparare bevande perfettamente eseguite:

Centrifugare lasciando frutta e verdura intera: potete inserire frutta e verdura per intero solo quando la vostra centrifuga presenta un tubo di entrata degli alimenti piuttosto capiente ed è dotato di un motore di 1000 W in grado di sminuzzare anche pezzi grandi. In questo caso potrete inserire carote intere, cetrioli, sedani e frutti grossi senza tagliarli preliminarmente, eliminando solo la buccia dopo averla sciacquata.

Centrifugare solo dopo aver tagliato: Nel caso in cui il vostro dispositivo presenti un’apertura piccola e una potenza inferiore ai 1000 W, vi suggeriamo di tagliare frutta e verdura a piccoli pezzi prima di inserirli nel boccale. Questo sistema vi aiuterà a preservare le lame della centrifuga e a evitare il surriscaldamento del motore, rischiando di romperlo.

L’utilizzo delle bucce: le bucce degli alimenti vanno eliminate obbligatoriamente per frutti come agrumi, banane, kiwi o ananas o per verdure come i cetrioli: mentre per gli altri vegetali è possibile una centrifuga completa, dal momento che molti nutrizionisti esaltano le proprietà nutritive anche delle bucce.

Per quanto riguarda i noccioli, invece, vanno sempre eliminati perché causerebbero il blocco e la conseguente rottura dell’attrezzo, parliamo di albicocche, ciliegie, melograni, nespole e tutta la frutta che presenta questo inconveniente. Via libera a mela, pera o altra frutta che possiede piccoli semini che vengono centrifugati totalmente.

Il procedimento da seguire è molto semplice, vi basterà sciacquare bene la frutta (anche se si tratta di prodotti biologici), tagliarla a pezzi se necessario e inserirla nel boccale. Se il dispositivo che utilizzate vi consente di selezionare diverse velocità, scegliete la più veloce se la verdura o la frutta ha una consistenza dura e più lenta se, invece, è morbida e sottile.

Preparate un contenitore per raccogliere tutto il succo prodotto e lavate subito la centrifuga per eliminare ogni traccia di verdura, sebbene appaia un consiglio superfluo, è necessario procedere immediatamente alla pulitura per evitare che l’acidità di alcune sostanze rovini il boccale o che tracce di verdure restino attaccate alle pareti del dispositivo rendendo difficile la pulitura.

Come si preparano i centrifugati di frutta e verdura


Quale verdura si può centrifugare

L’estate è alle porte e non c’è nulla di meglio che disintossicare il corpo dagli eccessi dell’inverno bevendo grossi centrifugati di verdura. Ma qual è la verdura che si presta meglio a questo utilizzo e perché preferirne una varietà piuttosto che un’altra?

Gli antichi lo sapevano bene, la natura ci ha fornito tutto ciò che occorre per curare malattie, acciacchi e piccoli disturbi. Per questo è fondamentale conoscere le virtù di ogni vegetale per poterne sfruttare al massimo le potenzialità.


Facciamo degli esempi pratici indicando la verdura che si può centrifugare e le funzioni che svolge, ricordando che gli alimenti che indicheremo non devono per forza essere centrifugati insieme, ma anche singolarmente o seguendo altri abbinamenti:

  • Cavolo rosso, il cetriolo, il finocchio il sedano e la lattuga: si tratta di alimenti altamente idratanti che possono essere utilizzati per depurarsi e disintossicare l’organismo dopo una grande “abbuffata” o per perdere velocemente qualche chilo di troppo. La ricchezza di questi centrifugati risiede nell’alto contenuto di principi nutrivi e sostanze benefiche all’intero organismo, basti pensare alla percentuale di potassio, calcio, fosforo, calcio e magnesio che possiedono e ai benefici che apportano anche al sistema muscolare e osseo.
  • Cavolfiore, verza, peperone, zucchina e peperoncino: grazie alla presenza di vitamine del gruppo A e C è un potente alleato contro i malanni stagionali come raffreddore e influenza, oltre a essere molto verdure molto gustose quando vengono centrifugate.
  • Barbabietola, insalata belga, cavoletti di Bruxelles: combattono la ritenzione idrica e sono forti drenanti che sciolgono gli accumuli di adipe eliminando il grasso localizzato.
  • Carote, pomodori, spinaci: messi insieme sono una vera bomba di energia, idratazione e forza antiossidante che combatte i segni dell’invecchiamento, apporta le sostanze necessarie alla pelle contrastando eritemi solari, scottature e macchie della pelle. Studi clinici hanno provato che bevendo centrifugati di carote per almeno un mese prima dell’estate garantiscono una pelle perfettamente liscia, levigata e pronta a ricevere l’abbronzatura.
  • Zucca e ravanelli e limone: sono un ottimo aiuto contro la stanchezza e la mancanza di tono, per questo vengono consigliati prima dell’attività sportiva o di una prova che richiede sforzo fisico e psicologico. Non dimentichiamo che la zucca è ricca di zuccheri buoni che si trasformano in energia senza diventare grassi, così come i ravanelli sono ricchi di acido folico.

Le verdure elencate rientrano nelle varietà che possono essere centrifugate liberamente perché presentano un buon sapore e non causano mal di stomaco o altre controindicazioni. Possono essere mixate anche alla frutta e bevute al mattino come prima colazione o al posto dello spuntino pomeridiano perché hanno un effetto saziante e depurativo che coadiuva la dieta apportando il giusto carico di vitamine e sostanze nutritive.

Il consiglio in più che vogliamo darvi è quello di non buttare mai gli scarti del centrifugato come bucce e polpa, quello che resta nel cestello della centrifuga, infatti, può essere riutilizzato per preparare un dado, un sugo, un rustico o se si tratta di frutta, aggiungetelo a un dolce.

Sia la polpa che la buccia, infatti, sono ricchi di vitamine, fibre e principi nutritivi che non vanno sprecati. Se proprio non sapete come impiegarli, aggiungeteli al pasto dei vostri amici a quattro zampe, di sicuro vi ringrazieranno.

Cosa mettere nei centrifugati?

Il centrifugato è una bevanda naturale al 100% a base di frutta e verdura, per questo è possibile aggiungere alle verdure che abbiamo elencato nel paragrafo precedente, anche altri ingredienti come la frutta di stagione, ricca di acqua e di vitamine. Via libera a qualsiasi tipo di frutto: dalla mela alla pera passando per l’anguria e il melone.

Ma anche i mirtilli, i maqui e le more, forti regolatori della circolazione sanguigna, fino alla frutta esotica come il frutto della passione, il cocco, l’ananas, i mandarini cinesi e la papaya. L’aggiunta della frutta vi garantirà quel tocco di dolcezza che generalmente manca ai centrifugati a base di sola verdura.

Se amate i sapori forti, provate a inserire qualche fettina di zenzero, dalle proprietà antinfluenzali o qualche cucchiaino di thè Matcha. Ma anche curcuma, basilico e una foglia di alloro, estremamente benefici per l’apparato gastro-interinale.

Un’ottima idea da sperimentare è quella di inserire nel vostro centrifugato della frutta secca come mandorle, nocciole, anacardi, noci o pistacchi, alimenti preziosi che forniscono all’organismo tante sostanze essenziali come ferro, calcio e l’energia necessaria per affrontare anche situazioni di stress e stanchezza.

Se amate il gusto dolce più marcato, invece, vi suggeriamo di aggiungere dell’uvetta passa o delle bacche di Goji insieme ai pinoli per un mix sorprendente. Vi stupirà il retrogusto zuccherino di questa bevanda, leggera ma deliziosa anche per una colazione sana e leggera.

Nel caso in cui sentiste il bisogno di disintossicarvi dopo un week end pieno di vizi o se state provando a perdere quei due chili di troppo per farvi entrare nell’abito giusto, seguite il nostro consiglio benessere: sostituite un paio di cene prima dell’evento con centrifugati misti a base di verdura e frutta, aggiungendo al termine della centrifuga, semi vegetali come quelli di sesamo, i semi di papavero o i semi di Chia, di Lino o di Zucca.

Si tratta di alimenti naturali i cui benefici sono conosciuti sin dall’antichità e riportati in auge oggi dalla comunità dei vegani e dei vegetariani. I semi vegetali sono infatti ricchi di minerali come selenio, ferro e manganese, ma anche calcio, acido folico e vitamine del gruppo B. Sentirete un forte senso di sazietà senza far mancare al corpo tutte quelle sostanze necessarie al vostro sostentamento, ottenendo ottimi risultati in termini di calo di peso corporeo.

Evitate di aggiungere zucchero, anche di canna, sale, olio, aceto o salsa di soia che ne altererebbero il sapore rovinando la bevanda, meglio bere questo tipo di bevande al naturale e subito dopo averle realizzate. Ricordate che le vitamine contenute non si mantengono in vita per molte ore e richiedono un consumo immediato per conservarne i benefici nutritivi e il sapore.

Ecco, una centrifuga di ultima generazione può davvero aiutare il vostro corpo a ritrovare benessere ed energia, con poche mosse e in modo rapido otterrete risultati ottimali: pelle morbida e idratata, maggiore energia e un discreto calo di peso.

Pro Contro