L’enorme furto di Exploit.in: Scopri come verificare la sicurezza dei tuoi dati tra i 593 milioni di mail e password rubate”

L’enorme furto di Exploit.in: Scopri come verificare la sicurezza dei tuoi dati tra i 593 milioni

Nella giornata odierna l’oscuro universo del web è stato scosso da un’ennesima rivelazione: Exploit.in, un archivio contenente una quantità sorprendente di oltre 593 milioni di indirizzi di posta elettronica e password rubate. È come se il nostro mondo virtuale, apparentemente ordinato e sicuro, nascondesse invece un sottobosco oscuro e inquietante, pieno di segreti e di pericoli.

È di poco tempo fa, guarda caso, la pubblicazione nel web profondo del database Anti Public, che conteneva già più 450 milioni di mail e password rubate. Certo, un brutto colpo per la nostra fiducia nel digitale, eppure l’ennesima rivelazione con Exploit.in ci spiazza ancora di più. Sembrerebbe quasi un racconto grottesco, se non fosse per la drammaticità della situazione che coinvolge impiegati e funzionari di Palazzo Chigi, membri del governo, del Parlamento, dei ministeri, della Rai e addirittura di Finmeccanica.

Non possiamo non notare come la nostra società, tanto veloce nel trasformarsi e evolversi, si scontri continuamente con le minacce oscure e impassibili che emergono dal mondo digitale. Il nuovo archivio è stato scoperto da società di sicurezza informatica, segno che, nonostante tutto, c’è chi resta vigile nel buio degli abissi del web, pronto a far emergere alla luce il pericolo che si annida nei meandri della rete.

Sembra incredibile, ma l’archivio contenente oltre 593 milioni di indirizzi email e password rubate è ancora disponibile per il download in Rete, su siti illegali, mettendo a rischio la sicurezza di un numero sconcertante di utenti. Ci si potrebbe perdere, come in una selva oscura, in mezzo a informazioni trafugate, private e personali, a rischio di cadere nelle mani sbagliate. Ma c’è speranza, Esiste un portale chiamato Have I been pwned? dove puoi verificare se anche il tuo account è stato violato in precedenza.

LEGGI  Cos'è una pistola elettrica Taser e come funziona la "nuova" arma utilizzata dalla Polizia

La Polizia Postale, come un moderno eroe che combatte i mostri digitali, sta indagando sui dati trafugati, verificando chi sono le vittime di questa intrusione nel nostro mondo virtuale. La lista delle vittime sembra interminabile: giornalisti Rai, docenti dell’Università La Sapienza, deputati, ma anche istituzioni e aziende importanti. È come se il nostro mondo reale e quello virtuale si sovrapponessero continuamente, in un intreccio complicato e affascinante.

È una realtà che va affrontata con cautela e consapevolezza, Ecco perché ti consiglio di collegarti al sito web di Troy Hunt, esperto di sicurezza informatica, per verificare la protezione del tuo account, e, se necessario, modificare immediatamente la tua password.

In fondo, Non possiamo sopire il fascino del digitale, non possiamo ignorare le sue insidie, né possiamo dimenticare che, in fondo, tutto questo riguarda noi, i cittadini del mondo virtuale, impotenti di fronte all’inaspettato e al minaccioso. Ma forse, proprio in questa consapevolezza, può nascere una nuova forma di esperienza, più consapevole e aperta al confronto con le ire del digitale.

Ti abbraccio con un abbraccio immateriale,