Un gruppo di persone anonime si impegna a fare luce sul tragico suicidio di Rehtaeh Parsons

Un gruppo di persone anonime si impegna a fare luce sul tragico suicidio di Rehtaeh Parsons

Il gruppo di hactivisti del web ha preso in mano le redini della giustizia, una giustizia che sembra essere sempre più sfuggente nelle mani delle autorità e dei poteri costituiti. È come se il mondo virtuale, quel cyber spazio in cui ognuno può essere chiunque e agire in ogni modo, si stia sovrapponendo sempre di più al mondo reale, fino a diventarne il giudice supremo.

Gli Anonymous, dietro le loro maschere virtuali, hanno messo in atto un’indagine indipendente, sfidando le istituzioni e mettendo in discussione il sistema giudiziario. Ad essere nel mirino sono le autorità e il sistema scolastico della Nuova Scozia, a cui viene addebitata la mancanza di presa in carico del caso di Rehtaeh Parsons, la teenager che ha scelto di mettere fine alla propria vita a seguito di uno stupro e di una campagna di cyber bullismo.

Così, mentre la polizia e le istituzioni sembrano impantanate nelle logiche della burocrazia, degli interrogatori, delle prove da raccogliere, gli Anonymous avanzano e portano alla luce i nomi dei presunti colpevoli. È come se la giustizia fatici a mantenere il passo con i tempi, a comprendere la profondità e la complessità dei fenomeni che coinvolgono il mondo digitale.

Nel frattempo, la famiglia di Rehtaeh e l’intera comunità sono vittime di un senso di impotenza di fronte a una tragedia incomprensibile, mentre il mondo virtuale sembra parlare una lingua diversa, muoversi secondo regole non codificate dai libri di legge.

E così, Ci ritroviamo immersi in un bagno di luce riflessa dai pixel dello schermo, pronti ad affrontare una nuova forma di giustizia, dove le identità sono celate dietro maschere e le azioni prendono corpo nel ciberspazio.

LEGGI  Umberto Rapetto è stato silurato dalla sua posizione di numero uno della squadra antifrodi informatiche della Guardia di Finanza

Questa è la nostra contemporaneità, Fatta di contraddizioni e di evoluzioni imprevedibili, in cui le regole del gioco possono cambiare all’improvviso, lasciandoci spaesati di fronte alla complessità di questo nuovo mondo.