Cosa sono gli e-fuel, in che modo vengono prodotti e quali sono i vantaggi e gli svantaggi dei carburanti sintetici: una guida completa

Cosa sono gli e-fuel, in che modo vengono prodotti e quali sono i vantaggi e gli

Gli “e-fuel”, o combustibili sintetici, stanno attirando sempre più l’attenzione nel dibattito sulla transizione energetica. Si tratta di carburanti ottenuti a partire da acqua e CO2, attraverso un processo chiamato elettro-sintesi.

Ma come avviene esattamente questo processo di produzione degli e-fuel? Si parte dalla separazione dell’acqua nei suoi componenti, idrogeno e ossigeno, attraverso l’elettrolisi. Successivamente, l’idrogeno ottenuto viene combinato con anidride carbonica per produrre i combustibili sintetici, come l’e-metanolo o l’e-diesel.

Questa tecnologia potrebbe offrire una soluzione interessante per ridurre le emissioni di CO2 nel settore dei trasporti, in particolare per i veicoli che non possono essere facilmente elettrificati, come aerei e navi. Tuttavia, è importante considerare anche i limiti di questa tecnologia, tra cui il suo attuale costo elevato e il fabbisogno di energia rinnovabile per la produzione in larga scala.

In conclusione, gli e-fuel rappresentano una potenziale risorsa per il futuro della mobilità sostenibile, ma sarà necessario un impegno significativo per rendere questa tecnologia competitiva e sostenibile a lungo termine.

Una breve panoramica storica sugli e-fuels

  Queste iniziative rappresentano un importante passo verso la riduzione della dipendenza dal petrolio e

Nel mondo dell’aviazione e tra i produttori di auto di lusso, diversi attori stanno investendo nella ricerca e nello sviluppo di processi in grado di produrre carburanti sintetici, senza partire dal petrolio.

La spinta verso questo tipo di carburanti è nata storicamente a causa della mancanza di materia prima. Un esempio significativo è quello della Germania nazista che, sotto embargo petrolifero ma dotata di grandi riserve di carbone, iniziò a produrre carburanti sintetici già negli anni ’40. Durante la Seconda Guerra Mondiale, questi carburanti riuscirono a coprire il 92% del fabbisogno aeronautico e il 50% degli usi terrestri.

Queste iniziative rappresentano un importante passo verso la riduzione della dipendenza dal petrolio e l’ottimizzazione delle risorse esistenti. La produzione di carburanti sintetici potrebbe avere un impatto significativo sulla sostenibilità ambientale e sull’indipendenza energetica.

LEGGI  Come e per quali motivi è stata costruita la famosa e antica città precolombiana di Machu Picchu, considerata la più famosa al mondo

Qual è l’utilità degli e-fuels?

 Questa tecnologia potrebbe offrire una soluzione interessante per ridurre le emissioni di CO2 nel settore

I carburanti sintetici moderni sono il frutto di una tecnologia all’avanguardia che mira a compensare le emissioni di CO2 e ridurre l’impatto del settore dei trasporti sul clima. L’obiettivo è quello di offrire un’alternativa sostenibile ai tradizionali motori a combustione interna e ai motori elettrici.

Questi carburanti vengono prodotti a partire dall’anidride carbonica, che può essere ottenuta da processi industriali o direttamente dall’atmosfera. In questo modo si crea un ciclo in equilibrio, in cui le emissioni di CO2 sono bilanciate dall’assorbimento dello stesso gas, in modo simile a quanto avviene in natura con le piante e gli organismi fotosintetici.

La sintesi di composti organici partendo dall’anidride carbonica richiede un’elevata quantità di energia. Mentre le piante utilizzano la luce solare e la fotosintesi clorofilliana per questo processo, in laboratorio è necessaria l’energia elettrica per favorire la reazione di riduzione dell’atomo di carbonio. È per questo motivo che i carburanti ottenuti da questo processo vengono chiamati electrofuels o e-fuels.

La produzione di carburanti sintetici in un impianto di lavorazione delle materie prime fossili e la loro trasformazione in prodotti chimicamente identici agli equivalenti petroliferi.

 Ma come avviene esattamente questo processo di produzione degli e-fuel?

I recenti processi per la produzione di e-fuel si basano sull’utilizzo dell’acqua (H2O) e dell’anidride carbonica (CO2) presente nell’atmosfera. Attraverso un processo di elettrolisi, è possibile estrarre l’idrogeno dall’acqua. Successivamente, la reazione di elettro-sintesi con il carbonio, ottenuto dalla CO2 atmosferica, consente di produrre idrocarburi con diverse lunghezze di catena: dalle molecole più semplici, come il gas metano, alle miscele liquide di composti come l’esano o il butanolo, utilizzabili come carburanti senza necessità di particolari modifiche ai motori esistenti.

LEGGI  Il progetto Starlink di Elon Musk prevede il lancio di 12.000 satelliti al fine di sfidare l'efficacia della fibra ottica e garantire l'accesso a internet a tutti

I processi di sintesi sono spesso favoriti e catalizzati da alte temperature, necessarie ad esempio per separare la CO2 dalle soluzioni usate per catturarla, con un processo chiamato desorbimento termico. Ad esempio, il Norsk E-Fuel, un carburante sostenibile per l’aviazione (nota brevemente come SAF), appartiene a questa “prima generazione” di e-fuel moderni. Tuttavia, l’alto costo energetico e economico dei processi ad alte temperature rappresenta uno dei principali ostacoli alla diffusione degli e-fuel.

Per questo motivo, alcune start-up, come ad esempio Prometheus Fuels, stanno cercando di sviluppare processi a temperatura ambiente per ottenere benzine o carburanti per l’aviazione. La sfida in questo caso è produrre catalizzatori e sistemi di assorbimento dell’anidride carbonica che non richiedano il desorbimento termico. Inoltre, è altrettanto importante che l’energia utilizzata sia rinnovabile, al fine di raggiungere l’obiettivo delle emissioni nette zero.

Gli svantaggi dei carburanti elettronici: analisi dettagliata dei possibili aspetti negativi dei carburanti elettronici.

Sembra che la sfida di realizzare impianti in scala industriale per produrre e-fuel a prezzi competitivi rispetto alle fonti fossili sia ancora lontana dal trovare una soluzione. Secondo gli studi condotti dall’ICCT (Consiglio Internazionale sul Trasporto Pulito), si prevede che fino al 2024 i costi di produzione degli e-fuel saranno ancora 4 volte più alti rispetto ai carburanti derivati dal petrolio. Questo a causa dell’energia elettrica necessaria per la produzione e dell’efficienza limitata dei processi.

Ma c’è anche un problema ancora più serio legato agli e-fuel: l’alta temperatura e pressione nei motori a combustione portano comunque alla produzione di inquinanti come gli ossidi di azoto (NO x) e le polveri sottili (le famose PM 10 e PM 2,5). Anche gli e-fuel potrebbero quindi contribuire all’inquinamento dell’aria, soprattutto se usati su larga scala nel traffico urbano o in aree con scarsa circolazione dell’aria, come avviene nella Pianura Padana.

LEGGI  Quanti sono i continenti e quali sono? Non è affatto una domanda banale, scopriamolo insieme!

Insomma, sembra che la strada verso un’alternativa pulita e sostenibile per il settore dei trasporti tradizionali non sia così semplice e immediata come ci si potrebbe aspettare. Bisognerà sicuramente continuare a lavorare e cercare soluzioni innovative per affrontare queste sfide e realizzare un’effettiva transizione verso un sistema di trasporto più eco-compatibile.

Un tentativo vano di influenzare il futuro dei motori?

Gli e-fuel sono al centro di un dibattito sul futuro della mobilità. Ma ha senso continuare a investire su di essi? Le proiezioni attuali suggeriscono che potrebbero avere un ruolo marginale nella mobilità del futuro. Tuttavia, l’elettrificazione non è in grado di rispondere pienamente alle esigenze della nostra società, e non è certo che possa farlo nei prossimi decenni, soprattutto nel settore dell’aviazione.

Il rischio che i combustibili fossili rimangano in uso per lungo tempo è concreto, mettendo seriamente a rischio gli obiettivi di decarbonizzazione. Potrebbe essere necessario considerare un mosaico di alternative, e in questo contesto gli e-fuel potrebbero svolgere un ruolo significativo nel percorso verso un 2024 a emissioni zero.