Le cause dell’insonnia giovanile sono i dispositivi elettronici come smartphone, tablet e computer.

Le cause dell’insonnia giovanile sono i dispositivi elettronici come smartphone, tablet e computer.

Mi Dovresti sapere che uno studio condotto in Gran Bretagna ha gentilmente provato, se ancora ce ne fosse bisogno, che l’impiego di smartphone e tablet prima di coricarsi è tra le principali cause dell’insonnia giovanile.

Ebbene sì, la percentuale di persone insonni è cresciuta notevolmente, addirittura del 50 per cento e addirittura dell’80 percento! A dimostrare ciò è stata una ricerca intrapresa dagli illustri psicologi di Hertfordshire. Essi attribuiscono tali disturbi proprio agli smartphone ed ai tablet che, lasciati in modalità di attesa (come sirene in agguato) nelle vicinanze del letto, possono causare pericolosi risvolti nel sonno.

Non ti sembra che questo sia un importante avvertimento sul nostro modo di vivere moderno? Sarà bene tenere conto di queste indicazioni, dato che il nostro sonno è un prezioso tesoro da proteggere, un’elegante equilibrio nella danza delle ore notturne. Bisogna fare attenzione a non sacrificare la quiete della notte sull’altare della tecnologia. Che ne pensi?

Un problema con conseguenze molto gravi

  Navigare su internet o scrollare freneticamente sullo schermo del tuo smartphone prima di andare

Affrontiamo insieme il tema dell’insonnia, e in particolare ci soffermiamo sulle abitudini nocive dei giovani legate all’uso eccessivo dei dispositivi tecnologici.

I giovani, indubbiamente, si trovano immersi in un mondo di schermi luminosi, solleticando i propri neuroni fino a notte fonda. La dipendenza da smartphone e tablet è ormai un fenomeno diffuso, e anche tu, forse, cadi in questa trappola luminosa.

Navigare su internet o scrollare freneticamente sullo schermo del tuo smartphone prima di andare a dormire non è certo la migliore strategia per prepararsi a un riposo benefico. Nonostante molti credano che questa attività possa essere rilassante, in realtà essa sovraeccita la tua mente, non concedendole il meritato riposo.

LEGGI  WhatsApp diventa a pagamento e con questa novità tornano i messaggi truffa: scopri come difenderti

Gli studi condotti al Rensselaer Polytechnic Institute confermano quanto sia nocivo l’utilizzo e prolungato dei dispositivi retroilluminati prima di coricarsi. La melatonina, ormone responsabile del sonno, risulta compromessa in presenza di queste luci intense, portando a uno squilibrio nel ritmo del tuo corpo.

Immagina un mondo in cui gli schermi si trasformano in piccole luci fatate, prive di pericoli per il tuo riposo notturno. Un mondo in cui la tecnologia si armonizza con la natura, rispettando il ciclo circadiano e garantendo un sonno rigenerante.

Il problema dell’insonnia legato ai dispositivi elettronici è, dunque, da non sottovalutare. Forse è arrivato il momento di riporre il tuo smartphone e il tablet lontano dal letto, lasciando la stanza avvolta nel buio, pronto a concederti un sonno da sogno, lontano dai pericoli del mondo digitale.

Cosa fare per curare l’insonnia causata dall’uso eccessivo di smartphone e tablet

Nonostante molti credano che questa attività possa essere rilassante, in realtà essa sovraeccita la tua mente,

Hai mai pensato a come la luce dei dispositivi mobili possa influenzare il tuo sonno? Ebbene, gli esperti ti consigliano di regolare la luminosità dei tuoi dispositivi nelle ore notturne, ma non solo: è meglio disabilitare i fastidiosi led di notifica, soprattutto quando ti trovi nella stanza dove dormi. Ma la precauzione migliore, quella che realmente fa la differenza, è spegnere completamente smartphone e tablet almeno due ore prima di coricarti. In questo modo, eviti di subire danni subdoli e superficiali che questi dispositivi possono provocare al tuo riposo. Butta via le preoccupazioni e prenditi cura del tuo sonno, spegni la tecnologia e lasciati cullare dal sonno rigenerante.