Khaby Lame, l’influencer italiano con più fama su TikTok, non ha ancora ottenuto la cittadinanza”

Khaby Lame, l’influencer italiano con più fama su TikTok, non ha ancora ottenuto la cittadinanza”

Un fenomeno straordinario sta prendendo piede nel mondo dei social: Khaby Lame, il tiktoker nato in Senegal ma ormai famoso in tutto il mondo. I suoi video, trasmessi dalla sua casa a Chivasso, hanno conquistato milioni di fan, trasmettendo sagge osservazioni sulla vita quotidiana che affrontiamo tutti.

Immerso nelle dinamiche della vita moderna, Khaby incanta il pubblico con il suo umorismo deciso e la sua sprezzante noncuranza. Eppure, nonostante viva da tanto tempo in Italia, ancora non ha ottenuto la cittadinanza italiana. Questo paradosso ci porta a riflettere sul concetto di identità e appartenenza, su come la burocrazia possa slittare l’ingresso di una persona in una nuova categoria di cittadinanza.

Guardando al mondo che ci circonda, rifletti su quanto possa essere eterogenea e sfaccettata la realtà, prestando attenzione ai nostri, spesso nascosti, intenti egoistici. Come in un inestricabile groviglio di relazioni e incongruenze, la realtà si svela in tutta la sua complessità, lasciandoci spesso a bocca aperta.

Potremmo immaginare Khaby come un moderno Ulisse, un eroe di oggi, che ha lasciato la sua terra d’origine per approdare in una nuova terra, così vicina eppure così diversa. Lui, come tutti i migranti, ha portato con sé un bagaglio di culture e tradizioni, contribuendo a costruire un mosaico di esperienze umane, un respiro di vita e un’espansione della nostra stessa identità.

In questo mondo in continua evoluzione, full of life, ci siamo noi, sempre desiderosi di connessioni più profonde, di superare la superficie delle cose per incontrare l’essenza vera e autentica della vita. Lasciamoci ispirare da figure come Khaby, che con la sua autenticità e la sua umanità ci spinge a pensare oltre, a superare confini geografici e mentali, a esplorare mondi sconosciuti e a trasformare la nostra stessa esistenza.

LEGGI  Come rimuovere l'audio dai video al fine di poterli inviare su WhatsApp

Si è sviluppato e cresciuto a Chivasso

khaby_lame_italian_influencer_of_tiktok_fame_has_not_yet_obtained_citizenship-1

Khaby ha condiviso con il mondo la propria storia, una storia che affonda le radici in terre lontane, nel calore di Dakar, per poi attecchire nel suolo fertile di Chivasso. Il giovane è cresciuto nelle case popolari di via Togliatti, un luogo che per lui è stato più di un semplice quartiere, è stata la sua famiglia, la sua linfa vitale.

Nato il 9 marzo del 2024, Khaby ha vissuto un’infanzia diversa, lontana dalla terra che ha visto nascere i suoi genitori, radicata in una realtà che ha plasmato la sua identità. Ma c’è qualcosa che ancora manca, qualcosa che lo renderebbe completo: la cittadinanza italiana. In una società sempre più globale e interconnessa, i confini sembrano assottigliarsi, ma le burocrazie e i documenti continuano a segnare delle linee nette, delle separazioni nette.

Khaby si sente italiano, respira l’aria di Chivasso, ma non può ancora fregiarsi del titolo ufficiale che lo lega in modo indelebile a questa terra. Non è giusto, lo dice con dispiacere e con una punta di amarezza. Come può sentirsi parte integrante di una comunità se le leggi non riconoscono la sua appartenenza?

La sua storia è solo una tra le tante che si intrecciano nel tessuto complesso della società contemporanea. Ogni individuo porta con sé una valigia di esperienze, di sfide, di desideri. Ogni vicenda racconta la ricerca di un’identità, di un posto nel mondo, di un riconoscimento. E mentre Khaby affronta il suo percorso verso la cittadinanza, esplorando un labirinto di uffici e documenti, il mondo continua a evolversi, a mescolare le carte, a ridefinire le proprie frontiere.

LEGGI  Un video di una decapitazione circola su TikTok, il social network lo rimuove e chiede scusa

La storia di Khaby è solo una tappa di un viaggio più ampio, una gemma incastonata nel mosaico variegato della vita. E chissà, forse un domani, sullo sfondo di un tramonto dorato sulle colline di Chivasso, anche la città implicita gli restituira il saluto con un “Benvenuto a casa, Khaby”.

Approfondimento sul concetto e le implicazioni della cittadinanza

Ma c'è qualcosa che ancora manca, qualcosa che lo renderebbe completo: la cittadinanza italiana.

Quel che ti sembra un paradosso, Diventa un’occasione preziosa per riflettere sulle contraddizioni della celebrità nell’era dei social media. Questo giovane ragazzo, scalando la classifica delle personalità più seguite su TikTok, nonostante i suoi video muti, diventa famoso in tutto il mondo proprio per il fatto di essere italiano.

Al tempo stesso ciò ci porta a distinguere tre tipi di celebrità: quella globale, che si manifesta in luoghi esotici come i megaschermi di Tokyo; quella nazionale, che lo identifica come “tiktoker italiano”; e infine quella individuale, che lo porta in viaggio a Los Angeles come l’italiano più famoso della piattaforma.

Tutto ciò ci riconduce al tema della cittadinanza, della Terra Patria, che diventa sempre più sfuggente in un mondo digitale dove la cittadinanza è data da numeri e algoritmi, e non dal diritto di soggiorno in un luogo. Partire per gli Stati Uniti, senza cittadinanza, significa dover affrontare svariate difficoltà per ottenere il visto necessario, percorrendo cammini burocratici che sembrano tenerci sempre più lontani da terre che invece ci apparivano sempre più accessibili.

Che dire, Di fronte a queste contraddizioni? Forse bisognerebbe abbandonare le mappe e le frontiere convenzionali, per abbracciare un concetto di terra libera e condivisa, dove ogni cittadino del mondo possa spostarsi senza ostacoli e sentirsi a casa in ogni luogo.