Qual è il funzionamento della Rosa dei Venti e come si può leggere?

Qual è il funzionamento della Rosa dei Venti e come si può leggere?

La Rosa dei Venti è un antico diagramma utilizzato per rappresentare la direzione e la provenienza dei venti. Questo schema, che risale a secoli fa, può essere ancora utile ai naviganti per individuare la direzione del vento.

I venti sono suddivisi in 8 principali direzioni e ognuna di queste ha un nome specifico: Tramontana, Grecale, Levante, Scirocco, Ostro, Libeccio, Maestrale e Ponente. Ognuno di questi venti è associato a una precisa direzione geografica e ha caratteristiche ben definite.

Ma la Rosa dei Venti nasconde anche una curiosa correlazione con il mondo delle notizie, delle informazioni e dei media: la parola “news”. Nelle sue direzioni sono presenti le iniziali di alcune parole come Nord, Est, Ovest e Sud, che insieme formano l’acronimo “NEWS”. Un simpatico collegamento tra un’antica cartina e il mondo moderno dell’informazione.

Qual è il significato simbolico e storico della Rosa dei Venti?

Infine, da Sud (S) spira l’Ostro o Mezzogiorno, un vento particolarmente secco se richiamato dall'anticiclone nordafricano,

La rosa dei venti, nota anche come stella o simbolo dei venti, è un diagramma che rappresenta il nome e la provenienza dei venti. Il suo nome deriva dalla disposizione dei rombi che lo compongono, dove ogni angolo di ogni rombo indica un punto cardinale.

Nella rappresentazione della rosa dei venti, i venti sono collocati sulle punte dei rombi disposte a cerchio. Questa disposizione ha portato all’usanza di riferirsi a esse come se fossero le punte di una stella o i petali di una rosa. Solitamente, le rose dei venti hanno 4, 8 o 16 punte, ma in passato venivano anche create rose con 32 suddivisioni, chiamate anche quarte o rombi. Questo particolare schema ha avuto un’importanza fondamentale quando i viaggi in mare venivano svolti solo con velieri, fornendo informazioni essenziali per la navigazione.

LEGGI  Qual è la definizione dei cetrioli di mare e in quale habitat si trovano?

Qual è l’utilità della rosa dei venti?

Il Levante, che soffia da Est (E), si fa sentire soprattutto sul mar Tirreno e sulla

La rosa dei venti ha sempre avuto un ruolo di fondamentale importanza nella navigazione, poiché consente di comprendere l’origine e l’andamento dei venti e di conseguenza come influenzeranno la rotta in mare. Ma non è tutto: questo schema è particolarmente utile anche per gli atterraggi degli aerei, in quanto le condizioni ottimali per questa fase si verificano proprio controvento.

Oggi la rosa dei venti è ampiamente utilizzata nel campo della meteorologia. La versione moderna di questo diagramma fornisce molte informazioni sui venti: la loro provenienza, la frequenza e la velocità.

Qual è il modo corretto per leggere la Rosa dei Venti?

Secondo quanto riportato dal NY Times, che si basa sul Brewer's Dictionary of Phrase and Fable,

La rosa dei venti è una rappresentazione grafica che permette di individuare la direzione dei venti in modo intuitivo. Ogni punto della rosa dei venti corrisponde a un punto cardinale, e seguendo le indicazioni è possibile capire da quale direzione provenga un determinato vento. Anticamente, la rosa dei venti veniva collocata vicino all’isola di Malta e i nomi dei venti derivano dai luoghi geografici che circondano questa zona. Grazie a questa rappresentazione, è possibile orientarsi e capire da che direzione provengono i diversi tipi di vento.

Quali sono i nomi delle venti principali dei venti in natura?

La versione a 4 punte della Rosa dei Venti permette di individuare facilmente i venti che arrivano dai rispettivi punti cardinali. La Tramontana, un vento freddo, proviene dal Nord (N). Il suo nome potrebbe derivare dalla dicitura latina “intra montes” o “trans montes”, ovvero “tra/attraverso i monti”. Il Levante, che soffia da Est (E), si fa sentire soprattutto sul mar Tirreno e sulla parte centro-meridionale dell’Adriatico. Dal lato opposto, da Ovest (W) spira il Ponente, noto per giungere sulle coste laziali durante l’estate. Infine, da Sud (S) spira l’Ostro o Mezzogiorno, un vento particolarmente secco se richiamato dall’anticiclone nordafricano, mentre molto umido se precede l’arrivo del brutto tempo.

LEGGI  Breve panoramica sulle crociate: un viaggio attraverso la storia delle spedizioni europee per conquistare la Terra Santa.

Nella versione a 8 punte della Rosa dei Venti si aggiungono i venti provenienti dai punti intermedi. Il Grecale, vento freddo e asciutto, soffia da Nord-Est. Il Maestrale, proveniente da Nord-Ovest, è un vento asciutto famoso per portare burrasca e può arrivare ad alte velocità, preannunciando l’inverno. Il Libeccio, proveniente da Sud-Ovest, è un vento solitamente di tempesta che ha origine in Libia. Infine, lo Scirocco, proveniente da Sud-Est, in partenza è un vento secco e caldissimo perché proviene dal deserto del Sahara, ma quando incontra il Mar Mediterraneo trascina con sé l’umidità e può portare pioggia e nebbia.

Il significato e l’origine della parola “news” sono strettamente legati alla comprensione della Rosa dei Venti

La particolarità della Rosa dei Venti sta nella sua stretta connessione con la parola inglese “news”, che traduciamo con notizia. Secondo quanto riportato dal NY Times, che si basa sul Brewer’s Dictionary of Phrase and Fable, l’acronimo “N.E.W.S.” stava per Nord, Est, Ovest, Sud (i punti cardinali) e veniva utilizzato e stampato proprio sui giornali. Si pensava che le notizie dei giornali fossero in grado di arrivare da qualsiasi direzione e di giungere in qualsiasi luogo, proprio come fanno i venti!