Qual è la ragione per cui l’odore dell’urina cambia e diventa sgradevole dopo aver consumato degli asparagi?

Qual è la ragione per cui l’odore dell’urina cambia e diventa sgradevole dopo aver consumato degli

I sapori, aromi e odori possono essere fonte di grande curiosità e fascino. Un esempio interessante è dato dagli asparagi, verdura ampiamente utilizzata in cucina per il suo sapore unico. Questa pianta contiene delle sostanze solforate che conferiscono loro quel caratteristico gusto. Ma c’è un’altra particolarità legata agli asparagi: dopo averli consumati, le nostre urine possono assumere un odore particolare.

Questa specifica reazione è dovuta alla presenza di sostanze chimiche nei nostri asparagi, in particolare molecole contenenti zolfo. Quando mangiamo gli asparagi, queste molecole vengono digerite e trasportate nel nostro sistema circolatorio. Successivamente, vengono filtrate dai nostri reni e espulse attraverso l’urina, conferendo a quest’ultima un odore distintivo.

Eppure, c’è un’aspetto ancora più affascinante legato agli asparagi: non tutti sono capaci di percepire questo caratteristico odore nelle loro urine dopo averne consumati. Ma perché avviene ciò? La risposta si cela nella genetica: è stato dimostrato che circa il 40-50% della popolazione mondiale possiede il gene responsabile della capacità di percepire il caratteristico odore dell’urina dopo aver mangiato gli asparagi, mentre gli altri non ne sono in grado.

Insomma, i nostri asparagi possono regalarci non solo deliziosi piatti, ma anche domande intriganti sul funzionamento del nostro corpo e delle nostre percezioni olfattive. La scienza è davvero affascinante, non trovate?

Qual è la ragione per cui la pipì ha un cattivo odore?

Quando mangiamo gli asparagi, queste molecole vengono digerite e trasportate nel nostro sistema circolatorio.

La responsabilità dell’odore caratteristico che si sprigiona dopo aver mangiato gli asparagi è da attribuire a delle molecole contenenti zolfo. Nei germogli di asparagi, noti come turioni, sono presenti diversi composti solforati, oltre a potassio, vitamina A, vitamina C e vitamina B 9. Tra i principali composti solforati presenti c’è l’acido asparagusico, che contiene due atomi di zolfo legati tra di loro.

LEGGI  Quale è la montagna più alta d'Europa? Una comparazione tra il Monte Bianco e il Monte Elbrus

Una volta ingeriti gli asparagi e iniziata la digestione, questo composto subisce delle trasformazioni tramite il processo di metabolizzazione. In particolare, si trasforma in piccole molecole contenenti sempre zolfo, come ad esempio il metantiolo (CH 3 SH) e il dimetilsofuro ((CH 3) 2 S). Queste sostanze poi finiscono direttamente nell’urina. Essendo molto leggere e volatili, riescono a staccarsi dalla superficie della pipì raggiungendo il nostro naso, provocando così il caratteristico odore.

Uno studio pubblicato su Chemical Senses ha identificato tutte le molecole responsabili della puzza di asparagi, oltre a quelle precedentemente citate.

del medesimo modo: un’analisi sulle differenze individuali nella percezione degli odori

Successivamente, vengono filtrate dai nostri reni e espulse attraverso l'urina, conferendo a quest'ultima un odore distintivo.

Secondo uno studio pubblicato su Plos Genetics, è emerso che la capacità di percepire l’odore dell’urina dopo aver mangiato gli asparagi è determinata da una questione genetica. Sembra che le persone che non riescono a percepire questo odore abbiano una mutazione genetica sul cromosoma 1, che porta all’assenza di un recettore olfattivo nel loro naso.

Inoltre, lo studio pubblicato su Chemical Senses ha rivelato che alcune persone potrebbero non produrre le sostanze odorose o producirle in quantità troppo basse da essere percepite. Questo significa che le sostanze presenti negli asparagi non vengono metabolizzate allo stesso modo da tutte le persone.

In definitiva, possiamo distinguere quattro categorie di persone: coloro che producono e percepiscono l’odore, coloro che producono l’odore ma non lo percepiscono, coloro che non producono l’odore ma lo percepiscono, e infine coloro che non producono né percepiscono l’odore.