Il trend virale del Charlie Charlie Challenge, la pratica di invocazione spiritica che sta ottenendo grande successo sul web

Il trend virale del Charlie Charlie Challenge, la pratica di invocazione spiritica che sta ottenendo grande

Ti trovi immerso in una realtà in cui spiriti, sfide virali e social network si mescolano in una strana danza, dando vita al fenomeno della #charliecharliechallenge. Si tratta di un gioco che, almeno in apparenza, consente a chiunque di interagire con il fantasma di Charlie, un giovane tragico.

Il funzionamento di questa sfida è alquanto elementare: si disegna una croce con due matite su un foglio e si scrivono le parole “Sì” e “No” nei quattro angoli. Dopodiché, si pronuncia due volte la frase “Charlie Charlie, ci sei?” – oppure “Charlie Charlie, possiamo giocare?” – e si attende che la matita si sposti verso il “Sì”. A questo punto si può fare domande al fantasma, a patto che le risposte siano limitate a “Sì” o “No”.

Una volta soddisfatti, si chiede al fantasma se si può fermare il gioco con la frase”Charlie Charlie, possiamo fermarci?” e, dopo una risposta affermativa, si saluta con un “Addio”. Questa semplice procedura ha avuto l’effetto di invadere il web: basti cercare l’hashtag su Twitter per ritrovarsi di fronte a uno spettacolo di persone che si misurano con questa sfida, filmando le loro esperienze e condividendole sui social network.

Ogni fenomeno superstizioso, come accade in questo caso, cela dietro di sé un mix di suggestioni e desideri, un’inquietudine che attira l’attenzione e scatena reazioni. È evidente che le persone coinvolte in questa sfida non siano realmente in contatto con un fantasma, e molti dei video online sono semplici scherzi o imprecisioni involontarie nel manipolare le matite.

Nonostante ciò, alcuni hanno provato a dare una spiegazione a tutto questo. Si dice che l’origine della leggenda di Charlie risalga a un’antica usanza messicana, una tradizione che consentiva di comunicare con il fantasma di un giovane chiamato Charlie. Ma molti non sono consapevoli che si tratti in realtà di un contatto con una serie di demoni, esseri dalle intenzioni malevole.

LEGGI  Google Assistant sarà presto disponibile su tutti gli smartphone equipaggiati con il sistema operativo Android nelle versioni 6.0 e 7.0

Secondo questa spiegazione, il pericolo sarebbe nel non dire “addio” al termine del gioco, poiché i demoni avrebbero la possibilità di infestare la casa e generare fenomeni paranormali come voci, risate inquietanti e figure sfuggenti. Queste suggestioni, diffusesi sui social network, hanno scatenato il timore di molti utenti, che si dicono testimoni di eventi soprannaturali iniziati dopo aver tentato di entrare in contatto con Charlie.

Tuttavia, questo pericolo non sembra spaventare particolarmente i giovani navigatori: alcuni propongono versioni alternative del gioco, usando nomi e volti dei propri idoli come One Direction o Justin Bieber, e aggiungendo la domanda: “Quale sposerò?”. In questo continuo gioco di suggestioni, il confine tra realtà e fantasia, tra superstizione e gioco, si fa sempre più sfumato.

Ti avviso, Di non fidarti ciecamente di ciò che vedi nei video o leggi sui social network, perché la realtà è fatta di molteplici strati e le paure e le suggestioni possono condizionare le nostre percezioni.

Esito l’umile consiglio di interrogare la realtà con attenzione e curiosità, senza lasciarsi abbattere dalle ombre del mistero.