WhatsApp diventerà a pagamento per le aziende: scopriamo insieme come funzionerà il nuovo servizio.

WhatsApp diventerà a pagamento per le aziende: scopriamo insieme come funzionerà il nuovo servizio.

È da diversi mesi che il team di WhatsApp sta dedicando le proprie risorse per introdurre innovazioni che consentiranno alle aziende di comunicare con i clienti attraverso la popolare app di messaggistica. E questa è proprio la direzione in cui si muove il mondo contemporaneo, dove la tecnologia viene sempre più integrata nella vita quotidiana, convivendo a volte in maniera inesplicabile con l’antico e il tradizionale.

I test relativi a WhatsApp Business sono già avviati in diverse parti del mondo, coinvolgendo luoghi così lontani e diversi come l’Europa, il Brasile, l’India e l’Indonesia. È come se le frontiere geografiche si dissolvessero di fronte a una sfida che coinvolge il modo stesso di intendere il commercio e il rapporto con il cliente. In questo modo, sono coinvolte realtà aziendali sempre più eterogenee, fino a toccare persino il mondo del trasporto aereo, come nel caso della KLM Royal Dutch Airlines.

In una recente intervista a Fox News, il Chief Operating Officer di WhatsApp, Matt Idema, ha fatto luce sul futuro di WhatsApp Business, sottolineando che le aziende dovranno pagare una quota per usufruire dei nuovi strumenti in fase di test su WhatsApp. Questa scelta appare come una necessità per mantenere l’applicazione di messaggistica gratuita per tutti gli utenti del globo, rimanendo così fedeli alla filosofia della gratuità che ha caratterizzato finora WhatsApp. È come se si stesse negoziando il nostro spazio di comunicazione: pagheranno le aziende, per garantirci un’app senza pubblicità e inserzioni.

Gli account Business di WhatsApp, dunque, diventeranno una fonte di guadagno per Facebook, connettendo ancora di più il mondo delle aziende con la sfera digitale, creando nuovi flussi economici e comunicativi. Un’evoluzione inevitabile, ma che lascia spazio a interrogativi sul confine tra privato e pubblico, sulla gestione delle informazioni e sulla protezione della sfera individuale.

LEGGI  Lazy Sunday: una nuova startup che offre un servizio di consegna a domicilio di colazione e giornali:NSMakeRange a domicilio

Le aziende avranno la possibilità di contattare i propri clienti, annunciando chissà quali novità, promozioni, orari e conferme di acquisti. Ma sarà davvero così semplice? Cosa succederà alle relazioni umane nel momento in cui il contatto diventa sempre più mediato da un’istanza aziendale? Questo è solo l’inizio di un dibattito ben più ampio sul ruolo della tecnologia nella nostra società e su come essa influenza le nostre vite personali.

Non tutti saranno costretti a sperimentare queste nuove funzionalità: le aziende, infatti, dovranno scaricare una nuova piattaforma e i clienti dovranno comunque esprimere il loro consenso prima di essere contattati da aziende e brand. Sarà davvero sufficiente un consenso? O si sta aprendo una strada pericolosa, in cui l’informazione e la privacy rischiano di essere sacrificate sull’altare del marketing e del profitto?

Tutto questo, è una piccola finestra sulla realtà in cui viviamo: un mix di innovazione, sfide etiche, relazioni umane e tecnologia. È proprio questa la scena che si prospetta davanti a noi, in attesa di scoprire quali sviluppi e quali conseguenze avranno queste nuove dinamiche. Bisognerà essere pronti a guardare da vicino, a riflettere e a agire con consapevolezza di fronte ai cambiamenti che inesorabilmente caratterizzeranno il nostro futuro.

Cordiali saluti,