Rimedi per fermare il prurito della barba

Al giorno d’oggi la barba è un vero e proprio must per tantissimi uomini.

D’altronde è un elemento che contribuisce a rendere più affascinante un uomo e che ha grande successo a qualsiasi età: dai più giovani agli adulti, sono numerosi coloro che scelgono di farsela crescere.

A volte può succedere di avvertire un certo prurito che può diventare alquanto fastidioso e contro il quale esistono degli ottimi rimedi, vediamo di quali si tratta.


Perché la barba prude?

Innanzitutto, occorre partire da quelle che sono le cause che possono provocare prurito della barba. In primis, questo avviene quando la barba tende a crescere in misura maggiore rispetto al solito.

Infatti, è bene ricordare che è preferibile lasciarla andare per settimane dopo averla rasata completamente.

Il problema può diventare la punta del pelo che tende a diventare molto ispida, quasi “tagliente”, nel momento in cui si passa il rasoio contro pelo.

Per cui, in questa fase di crescita la punta stessa gratta sul follicolo pilifero determinando un fastidioso prurito della barba.

Altra causa di prurito della barba potrebbe essere la presenza di peli incarniti, ossia dei peli che non riescono a fuoriuscire dal follicolo pilifero.

Questa è una condizione abbastanza comune tra uomini di ogni età e che si manifesta con la presenza di una sorta di brufoletti che provocano irritazione cutanea.

Sono particolarmente diffusi in quelle persone che tendono a radere troppo in profondità o in chi non si prende mai cura della pelle che si trova al di sotto della barba.

Va fatta molta attenzione ai peli incarniti che, se non trattati in maniera idonea possono sviluppare infezioni batteriche molto fastidiose.

Anche la forfora può essere alla base del prurito della barba, un problema molto comune e che può essere causato da svariati fattori, come pelle secca, dermatite seborroica, dermatite da contatto e follicolite, giusto per fare qualche esempio.

La forfora si manifesta in seguito all’infiammazione del follicolo pilifero che può essere conseguenza di infezioni di peli incarniti.

La presenza di forfora potrebbe essere accompagnata da rossore della cute e sensazione di bruciore.

Infine, è impossibile non parlare della tigna della barba, la tinea barbae. Questa è una infezione fungina che interessa principalmente peli e capelli, ma anche lo strato corneo dell’epidermide.

Si può trasmettere tramite contatto con animali o oggetti contaminati e può sviluppare un prurito molto intenso, a tratti difficile da sopportare.

Inoltre, ci si potrebbe accorgere della presenza di lesioni molto simili a quelle della follicolite o addirittura croste.


Lavare correttamente la barba

Uno dei primi rimedi da mettere in atto contro il prurito della barba è senza dubbio quello di lavarla in maniera idonea.

Il prurito si può manifestare nel caso in cui si accumulino particelle esterne e pelle morta: il che vuol dire che si può avere un peggioramento del prurito e dell’irritazione.

Meglio usare appositi prodotti che permetteranno di igienizzarla e creare un ambiente sfavorevole alla presenza di batteri, virus e micosi.

Ci sono appositi balsami e shampoo che devono essere usati con una certa regolarità, anche un giorno sì e uno no.

Lavare la barba è qualcosa di molto utile soprattutto per rimuovere le impurità e tutto ciò che potrebbe accumularsi nell’arco della giornata sulla pelle.

Occhio solo a non esagerare in quanto buona parte dei prodotti per la pulizia può anche provocare secchezza della pelle.

Motivo per cui, in caso di pelle secca, è preferibile lavarla anche tutti i giorni, a patto che si usi uno shampoo per lavaggi frequenti appositamente pensato.

Invece, per quanto concerne le persone che hanno pelle secca, meglio non esagerare, lavando un paio di volte nell’arco della settimana.

Coloro che hanno una pelle normale o mista invece dovrebbero lavare la propria barba 2 o 3 volte nella settimana.


Sfruttare una spazzola

Spazzolare la barba può essere un ottimo rimedio per tenerla in ordine e aiutare a rimuovere le particelle esterne.

Serve anche a distribuire in maniera uniforme eventuali prodotti idratanti da applicare sulla barba, come oli e altre formulazioni.

Attenzione però ad acquistare una spazzola che sia specifica per la barba, dato che le setole sono molto diverse rispetto a quelle per i capelli: la barba potrebbe essere danneggiata se non si usano strumenti idonei.

Meglio direzionare sempre la barba con una spazzola apposita o anche con un pettine, seguendo il suo verso naturale.

Senza dimenticare che fare un massaggio con una certa regolarità con oli idratanti permette di avere un benefico massaggio sulla pelle, capace di promuovere la micro-circolazione sanguigna locale.

Il che permette di avere una buona crescita delle pelle ed evitare peli incarniti.


Prendersi cura della barba con un olio

Non bisogna certo sottovalutare l’utilità dell’olio da barba, un prodotto fondamentale per chi vuole avere una barba ben curata.

Questo è un elemento basilare che rende la barba molto più soffice e che permette di idratare gli strati cutanei sottostanti.

Infatti, la pelle secca può causare prurito e soprattutto dare origine alla presenza di forfora molto antiestetica.

Un olio da barba va bene non soltanto per chi ha una barba più lunga, ma anche per chi vuole tenerla più corta, così da prendersi cura della propria pelle.

Serve per idratare e ammorbidire la pelle che potrebbe andare incontro a irritazioni e secchezza.

Ne bastano anche un paio di gocce, per cui è bene precisare che non bisogna abusare di questo tipo di formulazioni.

In commercio ce ne sono di tanti tipi e profumazioni, per cui non sarà difficile trovare quello più idoneo per le proprie esigenze.


Mangiare sano

Un’alimentazione sana è un elemento cruciale per il benessere del corpo.

Anche per quanto concerne la barba è fondamentale variare il proprio regime alimentare, predilgendo cibi freschi e senza abusare di grassi e zuccheri in particolare.

Avere un adeguato apporto di proteine può aiutare la barba a formare nuove cellule in maniera più veloce.

Stesso dicasi per le vitamine e sali minerali che sono elemento nutritivo fondamentale per il benessere dei peli e dei capelli.

In particolare, queste aiutano ad avere un’idonea secrezione di sebo, olio naturalmente prodotto dal corpo per idratare la cute.

Pro Contro