7 Migliori Aspirapolvere Senza Filo 2019? (Recensione Personale)

Ciao,
Sono Antonella

Ti starai chiedendo: a cosa serve l’aspirapolvere senza fili?

CLICCA QUI PER SCORRERE IN BASSO SUBITO ALLA GUIDA AI MIGLIORI ASPIRAPOLVERE SENZA FILO

Era il 5 Novembre di tre anni fa, non dimenticherò mai quel giorno.

Ero stata richiamata dai maestri di mio figlio a scuola per la sua cattiva condotta, ero nervosissima, tornavo a casa fuori di me…

Ma dovevo sbrigare le faccende di casa.

Fu così che tirai fuori il mio vecchio aspirapolvere a filo e cominciai a pulire il salone di casa.

Ero ancora sovrappensiero, e umiliata per ciò che mio figlio aveva fatto in classe…

LA MIA TOP 3

Ultimo aggiornamento 2019-05-20 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API



Uno di quei giorni in cui il mondo sembra essertisi messo contro.

Andavo di fretta, sempre più nervosa… e fu così che inciampai nel cavo dell’aspirapolvere e caddi sbattendo il femore a terra.

7 giorni di ricovero…

Oltre al danno, la beffa.

Adesso fortunatamente sto bene, non preoccupatevi.

Ma la prima cosa che ho fatto quando mi sono rimessa è stata acquistare un aspirapolvere senza fili.

La parte bella e interessante dei prodotti senza filo è che viene più voglia di utilizzarli, perché è facile prenderli in mano e immediatamente premere il pulsante di accensione e via, ad esempio per risucchiare velocemente qualche disastro di briciole a terra in cucina.

Gli aspirapolvere cordless sono una vera e propria manna dal cielo per chi come me è un po’ sbadata e non riesce a fare a meno di combinare guai.

Sono anche molto comodi da utilizzare per pulire l’abitacolo dell’auto.

Ultimo aggiornamento 2019-05-20 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Il funzionamento degli aspirapolvere senza filo è molto semplice: utilizzano una batteria agli ioni di litio ricaricabile, senza doverci quindi preoccupare di collegare ogni volta la spina elettrica e rischiare clamorosi capitomboli come capitò a me quel giorno nefasto.

Io ho la fortuna di avere una casa su due livelli perché viviamo in provincia, in una villetta, siamo praticamente quasi in aperta campagna.

Vivere in una casa grandicella è bello, lo ammetto, ma allo stesso tempo può costituire un vero e proprio problema quando si tratta di doverla pulire.

Il cavo elettrico infatti molto spesso rischia di essere di intralcio e poter essere molto pericoloso se si tratta di passare tra un piano e l’altro.

Ma l’aspirapolvere senza fili è indicato anche per chi vive in appartamenti disposti su di un unico piano.

Quante volte infatti vi sarà capitato di avere d’intralcio il cavo e dover compiere dei veri e propri atti di contorsionismo per venire a capo del filo che si è intorcigliato nei posti più impensabili?

Con questo tipo di aspirapolvere cordless non dovrete più temere, ve lo assicuro.

Se sarete disposti a spendere un po’ vi porterete a casa un prodotto ottimo anche da usare come aspirapolvere unico, andando a sostituire completamente l’aspirapolvere tradizionale.

Gli aspirapolvere senza fili di punta infatti surclassano quelli lì economici e sono tranquillamente paragonabili alle controparti tradizionali ad alimentazione tramite cavo.


L’aspirapolvere senza fili, la mia opinione

CLICCA QUI PER SCORRERE IN BASSO SUBITO ALLA GUIDA AI MIGLIORI ASPIRAPOLVERE SENZA FILO

Gli aspirapolvere senza fili cordless sono degli strumenti fondamentali in qualunque casa moderna che possa definirsi tale.

Se ci avete fatto caso infatti sembra finalmente terminata l’epoca degli oggetti che hanno bisogno per forza di cavi per essere utilizzati, pensiamo ad esempio agli accessori dei nostri computer che vanno tutti nella direzione del wireless. e non solo loro.

Le scope elettriche senza fili non potevano mancare all’appello e armarsi di questa innovativa tecnologia per facilitare una volta per tutte la nostra vita.

Ma non è facile scegliere quale aspirapolvere acquistare, perché il mercato è saturo di alternative che sembrano a prima vista molto simili tra loro.

La verità è che a volte modelli apparentemente molto simili racchiudono invece parecchie differenze e se non si fa attenzione possono riservare anche parecchie insidie.

Gli aspirapolvere senza fili devono fare affidamento in larga parte sull’autonomia e l’efficenza della batteria che deve essere pienamente performante affinché l’acquisto di un apparecchio del genere abbia senso.

Mi spiego meglio.

Ho avuto tra le mani poche settimane fa la scopa elettrica senza fili cinese della mia amica Giulia (prima che la gettasse definitivamente in favore di una di marca che le ho consigliato), e be’ ho potuto constatare come questa avesse un’autonomia di una ventina di minuti… un tempo senz’altro ridicolo, che addirittura col passare degli utilizzi tendeva praticamente a diminuire a vista d’occhio.

Un altro aspetto fondamentale da tenere in considerazione quando si fa un acquisto del genere è la rumorosità dell’apparecchio, sia esso con o senza fili, un aspirapolvere chiassoso può scatenare l’ira dei nostri vicini di casa o dei nostri familiari, specie se lo usiamo parecchie ore al giorno e abbiamo componenti della famiglia particolarmente delicati d’udito.

E’ importante anche che il serbatoio sia molto capiente e permetta svariati utilizzi senza dover essere per forza costantemente ripulito, facendoci in questo caso perdere tantissimo tempo prezioso che potremmo dedicare ad altre attività quali ad esempio la piena realizzazione di noi stesse.


Durata della batteria

CLICCA QUI PER SCORRERE IN BASSO SUBITO ALLA GUIDA AI MIGLIORI ASPIRAPOLVERE SENZA FILO

La durata della batteria è sicuramente un fattore da tenere in piena considerazione quando si parla di aspirapolvere senza filo, infatti è senza dubbio la prima obiezione che ci viene in mente quando pensiamo effettivamente alle infinite possibilità che

Se con gli aspirapolvere a filo, alimentati cioè da corrente elettrica, l’unico limite era ed è nella vostra buona volontà di pulire, con un aspirapolvere senza filo a dettare i tempi è l’autonomia della sua batteria ricaricabile agli ioni di litio. Nella gran parte dei casi oscilla fra 20 e 60 minuti, secondo i modelli, per cui dovrete imparare a far presto e a ottimizzare i tempi, passando più volte sullo stesso punto solo se strettamente necessario.

I produttori inoltre offrono stime ottimistiche nel senso che l’autonomia dichiarata si riferisce all’aspirapolvere utilizzato al minimo della sua potenza. Al massimo tende a dimezzarsi fino a ridursi a pochi minuti se l’aspirapolvere senza filo viene per esempio utilizzato in “modalità turbo”. Non prevista da tutti i modelli, questa va attivata quando vi trovate di fronte a sporco ostinato o a detriti grossolani. Il valore dell’autonomia, dentro la lista delle caratteristiche tecniche, il più delle volte è infatti accompagnato dall’espressione “fino a…”. Se la batteria si scarica durante la pulizia del pavimento, dovrete mettere la scopa in carica e attendere almeno tre ore. Prestate quindi attenzione anche al tempo necessario per una ricarica completa. Ci sono modelli per cui si rendono necessarie anche sei, sette ore.

C’è un altro aspetto da considerare: la batteria con il tempo tende a usurarsi, riducendo man mano la sua autonomia. Qualcosa di simile accade, per esempio, con gli smartphone. Quando li comprate, la batteria dura di più. Con il passare dei mesi e dopo ripetuti cicli di carica/scarica, dura sempre meno. Ecco, le batterie delle scope elettriche e degli aspirapolvere senza filo non fanno eccezione. Lo sforzo dei produttori è infatti quello di garantirvi la massima efficienza almeno per i primi 12 mesi dall’acquisto. Molti modelli per fortuna consentono di sostituirla non appena mostra segni evidenti di vecchiaia. Mettete però in conto che una batteria originale per aspirapolvere senza filo può costare diverse decine di euro.

Come dimenticare poi la potenza aspirante del prodotto.

C’è per prima cosa da fare una precisazione fondamentale: ovvero che gli aspirapolvere senza fili sono spesso inevitabilmente molto meno potenti di quelli tradizionali.

Il motivo è semplice da capire.

Infatti non potendo usufruire dell’erogazione elettrica continua della rete di casa, devono solo affidarsi alle loro batterie, che per quanto potentissimi, non sono ancora paragonabili al 100% all’alimentazione tradizionale.

Questo che cosa vuol dire? Che gli aspirapolvere wireless sono inefficaci?

Assolutamente no. Per quanto riguarda la normale aspirazione quotidiana casalinga posso assicurarvi che compiono il loro sporco lavoro e sono sorprendentemente efficaci. Specie se punterete su uno dei modelli di punta proposti nella mia guida esaustiva, ad esempio gli Hover costituiscono un ottimo compromesso per chi non intende possedere un aspirapolvere a filo e uno wireless ma preferisce un’unica soluzione.

CLICCA QUI PER SCORRERE IN BASSO SUBITO ALLA GUIDA AI MIGLIORI ASPIRAPOLVERE SENZA FILO

Le batterie ricaricabili agli ioni di litio dispongono comunque degli ultimi ritrovati tecnologici in quanto a stabilità dell’alimentazione, erogazione del wattaggio aspirante e sicurezza d’uso.

La potenza di aspirazione è espressa a volte in watt, altre in kilopascal, altre ancora in ampere per watt, quindi è davvero difficile fare una comparazione “da manuale” dei vari modelli, l’unico modo effettivamente intelligente e affidabile è stato provare questi aspirapolvere wireless uno ad uno per potervi finalmente mostrare dettagliatamente in questa guida pregi e difetti di ognuno.

L’aspirapolvere senza fili è indicato comunque per essere utilizzato in abbinamento a quello lì tradizionale, in modo da poter usufruire di volta in volta dei punti di forza di uno o dell’altro a seconda delle proprie esigenze.

Cosa significa?

Che se avrete bisogno di una pulizia più “aggressiva” e in profondità sarà meglio rivolgersi all’apparecchio alimentato a corrente elettrica, mentre se cercate qualcosa di veloce e pratico per arrivare anche nei punti più impensabili, ad esempio per allungarvi su una rampa di scale non supportata da prese elettriche nelle vicinanze, allora in quel caso opterete per l’aspirapolvere senza fili. Semplice no?

Poi un’altra cosa fondamentale da considerare è che se intendete davvero acquistare un aspirapolvere portatile senza fili ci sarà bisogno di fare un piccolo investimento e di optare tra uno dei modelli superiori consigliati in questa guida, specie se si ha intenzione di utilizzare questo elettrodomestico per gli anni a venire, i modelli più economici infatti tendono in alcuni casi a non essere super affidabili specie per quanto riguarda la batteria.


Cos’è l’aspirapolvere ciclonico

La parola “ciclonico” è senza ombra di dubbio suggestiva, risuona quasi biblica, epica. E a volte basta questo per convincerci ad affrontare o meno un certo acquisto.

Ma andiamo a vedere bene assieme cosa effettivamente significa e se gli aspirapolvere ciclonici siano in realtà superiori a quelli lì normali.

Questo tipo di tecnologia non è molto recente, fu sviluppato almeno 30 anni fa dall’azienda Dyson.

L’aspirapolvere ciclonico funziona così: l’aria aspirata viene incanalata all’interno di un percorso a spirale, sfruttando la forza centrifuga (da qui il nome ciclonico) fa depositare le particelle di sporco sulla parte esterna del contenitore adibito.

L’aria che esce fuori sarà quindi pulita, un toccasana per coloro che sono ad esempio allergici e penano non poco quando si trovano ad utilizzare l’aspirapolvere tradizionale.

Di solito vengono aggiunti degli altri filtri, adibiti appositamente a rifiltrare altre volte l’aria, di modo da garantire una purificazione pressocché perfetta.

Dato che l’aria viene fatta rotare vorticosamente i corpuscoli all’interno dell’aria non visibili ad occhio nudo ma che possono essere altamente dannosi per il nostro organismo vengono separati dall’aria che andremo a respirare.

CLICCA QUI PER SCORRERE IN BASSO SUBITO ALLA GUIDA AI MIGLIORI ASPIRAPOLVERE SENZA FILO

Quello che si capisce immediatamente è che quindi questa POTENZA CICLONICA si riferisce ad uno scopo prettamente igienico e sanitario, di certo niente male considerato che questo genere di dispositivi vengono di solito utilizzati per pulire stanze dove ad esempio andranno poi a giocare e vivere i nostri figli.

Nel corso del tempo si è giunto ad un miglioramento della tecnologia ciclonica, che all’inizio fu lanciata in fase sperimentale.

Molto spesso queste “trovate” commerciali restano tali e durano il tempo di una o due stagioni, per poi finire nel dimenticatoio.

Nel caso della tecnologia ciclonica, be’, le cose sono andate molto diversamente, e infatti questa si è sviluppata in tecnologia multi-ciclonica che sfrutta più coni uno di fianco all’altro, più piccoli di quello lì unico utilizzato precedentemente. Questi permettono di frazionare il lavoro ottimizzandolo, e riescono ad aumentare in questo modo la forza centrifuga, depurando ancora più accuratamente l’aria che vi passa attraverso.

Gli aspirapolvere ciclonici e multi-ciclonici senza filo non hanno il sacchetto, questo è un vantaggio non da poco, e chi ha penato per anni per trovare sacchetti compatibili con la propria scopa elettrica tradizionale può tirare finalmente un sospiro di sollievo perché in questo caso avremo solamente un contenitore che potrà essere svuotato a mano e ripulito per essere riutilizzato tutte le volte che vogliamo.

Di sicuro un’ottima scelta anche per coloro che si professano amici dell’ambiente e vogliono ardentemente unire la pratica alla teoria per non denotare incoerenza nella vita di tutti i giorni.

Se siete come si suol dire “schifetti” vi sconsiglio però di optare per questa soluzione, e vi spiego perché.

Il bello dei sacchetti usa e getta è che lo sporco vi entra attraverso e non dovrete mai più vederlo, una volta che il sacchetto dell’aspirapolvere sarà colmo potrete semplicemente disfarvene gettandolo nell’immondizia.

Quando invece si tratta di svuotare a mano il contenitore che si sarà riempito dell’immondizia più indicibile, dovrete appunto venire a diretto contatto con questa, di sicuro un’opzione non consigliata ai deboli di stomaco o coloro che sono parecchio soggetti ad allergie.

La tecnologia ciclonica resta comunque a mio parere assieme a quella dell’assenza del filo uno degli ultimi ritrovati geniali del mondo delle pulizie domestiche e non si deve prendere assolutamente sottogamba dato che può rappresentare un grandissimo passo in avanti nel migliorare la vostra qualità della vita.


I migliori aspirapolvere senza fili senza sacco, recensioni e opinioni


Hoover FD22RP Freedom 2IN1, un buon compromesso economico

Ultimo aggiornamento 2019-05-20 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Ecco l’aspirapolvere che utilizzo attualmente a casa, ho deciso alla fine di optare per un modello facile da utilizzare e maneggevole.

Quello che colpisce della Hoover FD22RP Freedom è la sua leggerezza.

In più la dotazione di accessori è unica e rende questo prodotto davvero versatile, permettendomi di raggiungere tutti gli angoli della casa, anche i più improbabili e nascosti.

I ho dei gatti a casa, e grazie a questa scopa elettrica senza fili e senza sacco riesco a pulire agevolmente tutti i loro peli. La performance è abbastanza efficace anche con polvere più grande, anche se non performa esattamente come gli aspirapolvere top di gamma, se intendete avere un prodotto efficace a 360 gradi meglio puntare a modelli più costosi.

Non è di sicuro a livello dei Dyson, ma fa un’ottima accoppiata con un aspirapolvere tradizionale a filo.

Io adoro utilizzarla per pulire le scale, vivendo in una villetta con scale a chiocciola riesce a volte difficile salire e scendere con l’aspirapolvere normale, invece con questo faccio in un attimo.

La spazzola motorizzata inoltre funziona alla perfezione sui tappeti.

Un ottimo prodotto questo Hoover.

Dyson 227296-01 V8 Absolute, aspirapolvere fantastico (quello preferito da mia sorella)

Ultimo aggiornamento 2019-05-20 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Ecco il modello che usa mia sorella a casa sua, lei è una vera maniaca delle pulizie e vuole solo il meglio per la propria abitazione.

Mia sorella è a dir poco entusiasta di questo prodotto.

La Dyson è sicuramente la marca leader quando parliamo di aspirapolvere, specie in quelli lì wireless la fa da padrona.

Certo è che i suoi prodotti si fanno un po’ pagare…

Ma a cosa serve risparmiare per ritrovarsi poi tra le mani qualcosa che dura da Santo Stefano a Natale, come si usa dire dalle mie parti?

Questo Dyson 227296-01 V8 Absolute è un elettrodomestico che senza ombra di dubbio è in grado di sostituire quello a filo, a patto però di non disporre di case con perimetri molto grandi.

E’ realizzato in plastica, però non lasciatevi trarre in inganno, infatti è un tipo di plastica molto resistente che in mano fa capire subito la qualità. L’assemblaggio è facile e immediato, alla portata praticamente di chiunque.

Ha al suo interno la spazzola per i tappeti, la spazzola per i pavimenti duri, la mini spazzola per divani-materassi-tappezzeria, la lancia, accessorio per spolverare, accessorio per raccogli briciole. Anche molto consigliato per raccogliere i peli dei nostri amici animali.

Consiglio di sistemare la base di ricarica di questo aspirapolvere in un posto che vi permetta di tenerla costantemente sotto mano.

La parte bella e interessante dei prodotti senza filo è che viene più voglia di utilizzarli, perché è facile prenderli in mano e immediatamente premere il pulsante di accensione e via, ad esempio per risucchiare velocemente qualche disastro di briciole a terra in cucina.

Perfetto anche sui tappeti, materassi, infatti è dotata di una spazzola mini turbo e una apposita spazzola per tappeti.

Le performance sui pavimenti sono anche molto buone ma non eccelse.

La batteria dura un’oretta in uso normale.

L’autonomia utilizzando le spazzole rotanti scende di un po’, per l’ovvio consumo supplementare di potenza, ma vi assicuro che l’ho provata e in questa modalità è una vera bestia aspirante!

Ci vogliono invece tre ore per una carica completa, non male.

E’ un ottimo prodotto, una delle migliori scope elettriche senza fili presenti in questo momento sul mercato.

Dyson 226397-01 Cyclone V10, la Ferrari degli aspirapolvere

Ultimo aggiornamento 2019-05-20 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Qui ci troviamo di fronte a un vero e proprio miracolo della tecnologia.

Per chi intende davvero fare sul serio in materia di pulizia della propria casa, e non desidera in alcun modo scendere a compromessi.

Ho avuto modo di provarla solo una volta ma mi è bastato per restare allibita dalle possibilità esplosive di potenza di cui questo elettrodomestico e capace.

Ma procediamo con ordine.

La potenza è fenomenale, la spazzola permette di grattare anche lo sporco più profondo, il che la rende una vera e propria manna dal cielo quando si tratta di tappeti e moquette.

Perfetto anche per chi ha animali in casa che tutto il tempo perdono peli.

Si assembla e smonta facilmente.

Il contenitore della polvere si pulisce in maniera estremamente facile, basta tirare verso il basso il pulsante rosso ed è fatta.

Grazie agli acessori è possibile arrivare a pulire in punti prima impensabili.

La stazione di alimentazione ha un sistema intelligentissimo che permette di risparmiare tantissimo spazio.

Il tutto emettendo davvero pochissimo rumore rispetto alla potenza che è capace di erogare.

L’autonomia non è esagerata, ma quanto basta per effettuare un’aspirazione medio-veloce, senza però accedere a grandissime potenze, in quel caso di sicuro tenderà a diminuire.

Una cosa che decisamente non mi è piaciuta è il pulsante di accensione che bisogna tener premuto per avviare l’aspirapolvere, sarebbe bastato un semplicissimo pulsante. Ma credo che la Dyson abbia ideato questo sistema per ragioni di sicurezza, per chi ha ad esempio bambini piccoli i ncasa.

La ricarica anche in questo caso avviene in tre ore.

Se avete un appartamento di un centinaio di metri quadri, riuscirete a pulirlo tutto in una sola ricarica, ve lo assicuro.

Rowenta Air Force 360 RH9086WO

Ultimo aggiornamento 2019-05-20 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Ecco un aspirapolvere ciclonico senza filo e senza sacco davvero interessante.

I motivi ve lo spiegherò facilmente.

Innanzitutto ci troviamo al cospetto di un prodotto Rowenta, e si sa che questo è già di per sé garanzia di qualità.

La capacità aspirante infatti è ottima, con un accumulatore agli ioni di litio perfettamente efficace e performante.

Il peso è concentrato sul manico di modo da essere perfettamente bilanciato e centrato nelle operazioni di pulizia della casa.

Non c’è bisogno di più una ricarica per effettuare la pulitura di un appartamento medio, il che lo rende volendo anche valido sostituto dell’aspirapolvere a filo normalmente presente in casa.

Comodo anche per pulire i piani alti.

Gli accessori comprendono la spazzola rotante e una mini spazzola perfetta per rimuovere tutta la sporcizia che si accumula negli interstizi dei nostri divani.

Il design è ottimo, e fa bella figura in qualunque abitazione.

Con la sua tecnologia ciclonica in pieno effetto e col marchio Rowenta sappiamo di trovarci subito al cospetto di un grande aspirapolvere.

Di sicuro un oggetto da tenere in considerazione se si è alla ricerca di grande qualità.

Dyson V7 Fluffy, un aspirapolvere da battaglia

Ultimo aggiornamento 2019-05-20 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

La Dyson anche questa volta stupisce con un ottimo aspirapolvere da battaglia.

Perfetto per l’uso casalingo.

Innanzitutto è molto leggero, e poi è dotato di ben tre diversi accessori, che permettono di pulire tappeti, infissi, persiane e addirittura la propria auto, chiaramente un compito difficile per altri aspirapolvere.

L’autonomia è di mezz’ora a potenza standard, chiaramente questa diminuisce più sarà la potenza richiesta, infatti a pieno regime, ovvero utilizzando la potenza standard l’autonomia della batteria si aggirerà intorno ai dieci minuti, comunque non male per un apparecchio di questa specie.

Tutti sappiamo oramai la scomodità degli aspirapolvere a filo, tutto il caos che questi creano in casa, senza motivo, è finita l’epoca delle connessioni elettriche via cavo, diamo ufficialmente inizio alla stagione degli apparecchi cordless, che possono facilitarci la vita in maniere che prima neanche immaginavamo possibili.

Dyson è un leader nel campo degli aspirapolvere senza filo e senza sacco, e chiaramente neanche questa volta ci delude presentando un grande prodotto a tecnologia ciclonica.

Infatti è questo uno dei punti di forza del Dyson V7 Fluffy, questa tecnologia innovativa permette di separare la polvere dall’aria e in questo modo ottimizzare i consumi, riducendoli al minimo, di sicuro una comodità quando si ha a che fare con un elettrodomestico che giocoforza utilizza una batteria portatile per essere utilizzato, e altrimenti ridurrebbe in modo drastico la propria capacità di performance.

Nella scatola troveremo un rullo morbido in simil-velluto, per i pavimenti più duri e per le moquette, la spazzola mini turbo per i divani e gli imbottiti, un accessorio multi-funzione da usare con o senza setole, una lancia per le fughe e una bocchetta con setole morbide per gli oggetti più delicati.

Di sicuro un aspirapolvere tuttofare che può essere comodo per chi come me ama portarsi in giro, ad esempio in vacanza, i propri elettrodomestici cordless per un uso spensierato e veloce, senza troppe preoccupazioni.

Grazie a questi accessori, la scopa senza fili Dyson può trasformarsi in un comodo portatile per le pulizie dell’auto e di ogni superficie, anche non dura, della casa. Alla minima potenza, il V7 Fluffy raggiunge i 30 minuti di autonomia ma la casa garantisce che gli stessi non saranno caratterizzati da un calo progressivo di capacità aspirante. Ciò grazie al motore digitale di ultima generazione Dyson V7 che unisce efficienza e leggerezza. L’aspirapolvere pesa infatti meno di 2,5 kg. La tecnologia 2 Tier Radial prevede la presenza di ben 15 cicloni disposti su due file concentriche in grado di separare totalmente la polvere dall’aria che sarà immessa nell’ambiente priva di inquinanti.

Tecnologia: ciclonica • Potenza di aspirazione: 100 AW • Autonomia massima: fino a 30 minuti • Contenitore: 0,54 litri • Velocità di aspirazione: 2 • Tempo di ricarica: 3,5 ore • Batteria: agli ioni di litio con nichel-cobalto-manganese • Peso: 2,47 kg

Il Dyson V7 Fluffy di sicuro è molto maneggevole e leggero, comodo quindi per chi come me è piccola di statura e non è dotata di molta forza, ahimé!

Ciò lo rende anche molto comodo per eliminare con cura tutte le ragnatele dal soffitto e pulire sopra i mobili.

Allo stesso modo è perfetto per infilarsi al di sotto dei mobili.

Di sicuro un oggetto raccomandato per tutti coloro che cercano la qualità senza però spendere un capitale ma allo stesso tempo evitando inutili compromessi.

Raccomandatissimo.

H.Koenig UP600 easyclean 2 in 1, ottimo compromesso qualità prezzo

Ultimo aggiornamento 2019-05-20 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

La Koenig non poteva mancare all’interno di questa guida di opinioni e recensioni, il motivo è semplice: è una delle più grandi ditte produttrici di aspirapolvere, e neanche questa volta ci delude grazie al H.Koenig UP600 easyclean 2 in 1

Un ottimo compromesso qualità prezzo che sicuramente potrà far felici coloro che per la prima volta si stanno affacciando in questo mondo.

Perfetto per realizzare pulizie veloci e immediate della casa, senza starci troppo a pensare, non ha bisogno infatti di cavo per operare, essendo completamente cordless.

Basta prenderlo dal muro su cui lo lasceremo poggiato per tenerlo sempre sotto mano, e imbracciarlo per fare subito fuori eventuali briciole cadute sul pavimento della cucina.

Ottimo anche per il parquet e per chi ha animali domestici.

La potenza di questo prodotto è molto interessante, considerato soprattutto l’esiguo prezzo a cui viene venduto.

Il motore è decentrato, ovvero posto sul manico, il che potrebbe apparire un’idea bizzarra, ma in realtà è un’ottima scelta di design per permettere all’elettrodomestico di restare ben bilanciato durante le nostre pulizie di casa.

Ottimo anche per pulire l’auto.

Gli accessori forniti sono quelli lì base, senza troppi fronzoli.

Consiglio questo aspirapolvere a coloro in cerca di un oggetto pensato per compiere bene il suo dovere, senza perdere troppo tempo con funzioni astruse o manuali troppo complicati.

All’interno della scatola c’è una testina dotata di spazzola rotante con setole ad andamento sinusoidale, una lancia per le fughe e una bocchetta multi-funzione perfetta per divani e tende

L’autonomia di questo prodotto sorprende, arrivando a toccare i 40 minuti, di sicuro una cifra molto interessante e che permette pulizie molto lunghe senza doversi preoccupare di ricaricare troppo spesso.

Anche in questo caso ci troviamo di fronte a un aspirapolvere a tecnologia ciclonica. La potenza di aspirazione non è grandissima, ma a questo prezzo non si può davvero chiedere di più.

Inoltre è molto silenzioso anche a velocità molto sostenute, quando la stragrande maggioranza dei prodotti concorrenti, soprattutto in questa fascia di prezzo, tende ad essere decisamente più rumorosa.

Non è consigliato per chi cerca una grande potenza, ma per chi vuole lanciarsi nel mondo degli aspirapolvere cordless e scoprire ciò di cui sono capaci.

E vi assicuro: non tornerete indietro facilmente.

Severin HV 7158

Ultimo aggiornamento 2019-05-20 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Anche qui ci troviamo di fronte ad un prodotto di grandissimo livello, forse dal nome leggermente meno conosciuto rispetto agli altri modelli presenti in questa guida.

Ma ho pensato che anche questo Severin HV 7158 meritasse una menzione di onore e una recensione.

Procediamo allora con ordine.

Gli aspirapolvere cordless sono sicuro interessantissimi e questo Severin rispecchia forse una sintesi perfetta delle migliori caratteristiche di questo genere di elettrodomestici senza però bisogno di sacrificare nulla.

Il Severin HV 7158 infatti ha una forza aspirante medio buona, per chi non ha grandissime esigenze, però l’autonomia è ottima e non lascerà scontento nessuno.

Consigliato per chi ha piccoli appartamenti e pretese minime, è ottimo per delle pulizie davvero veloci e meno consigliato per coloro che invece pretendono un qualcosa che rimuova tutto lo sporco, anche quello più ostinato, in quel caso forse sarebbe più consigliato un normale aspirapolvere a filo.

Ciò però non significa che potreste abbinare al vostro fidato elettrodomestico a cavo questo Severin cordless.

All’interno della scatola in cui è venduto troverete anche un comodo kit di bocchette per poter pulire in tutti i punti della casa.

La tecnologia anche in questo caso è ciclonica e l’autonomia promessa è di 30 minuti.

C’è un led frontale per illuminare il pavimento e rintracciare meglio polvere e briciole, un’ottima idea innovativa da non sottovalutare.

Molto maneggevole e leggero.

Purtroppo l’unica carenza reale di questo prodotto è la potenza aspirante che sarebbe potuta essere migliore, ma per ottenere risultati miracolosi bisogna purtroppo fare un investimento di euro decisamente maggiore e puntare su uno dei modelli precedentemente illustrati all’interno della nostra guida.

Sicuramente consigliato.

Come usare la scopa elettrica cordless

Prima di comprarlo pensavo che l’aspirapolvere wireless fosse chissà quale strumento di alta stregoneria, ma mi sono dovuta presto richiedere.

Infatti il suo funzionamento è estremamente elementare, e chiunque può imparare a utilizzarlo in un batter d’occhio.

Ma andiamo a vedere assieme come effettivamente rendersi subito operativi utilizzando una scopa elettrica senza fili per pulire la nostra casa al meglio.

Ricorda ad esempio che la prima carica è quella cruciale per la salute della batteria del tuo strumento, infatti sarà quella che richiederà più ore, non spaventarti infatti se in questa fase ci vorrà un bel po’ per arrivare al 100% di carica, le ricariche successive ti assicuro che saranno molto più rapide.

Per garantire una longevità soddisfacente alla batteria è bene far scaricare quasi del tutto la batteria della nostra scopa senza fili prima di procedere alla sua ricarica.

Questo consiglio vale per la “salute” di tutte le batterie ricaricabili in commercio e non solo quelle dei nostri cari aspirapolvere senza fili. Molti non sanno infatti che queste batterie hanno una sorta di “memoria” che utilizzano per ricaricarsi al meglio, ed è saggio non eluderla per poterne conservare a lungo le caratteristiche di ricarica al massimo delle possibilità.

E’ importante poggiare lo strumento sulla sua base di ricarica al momento giusto per tenerlo sempre pronto al successivo utilizzo.

Dato che si tratta di un apparecchio che non funziona tramite la corrente elettrica di casa, è meglio abituarsi sin da subito a dosarne un po’ l’energia.

Mi spiego meglio, nel caso vi troviate a dover rimuovere semplicemente polvere e capelli, oppure ancora i peli dei vostri carissimi amici animali, è bene mantenere la potenza al minimo, di modo da garantire una durata maggiore della batteria.

Alcuni modelli inoltre permettono di passare con nonchalance dal pavimento al soffitto, sono gli aspirapolvere dal baricentro alto, molto intelligenti.

Altri modelli prevedono addirittura di poter essere utilizzati solo tenendo premuto il tasto di potenza, l’unico momento in cui l’aspirapolvere si troverà effettivamente in funzione, evitando in questo modo di consumare energia elettrica inutilmente. Un sistema senza dubbio molto comodo che consiglio a chi intende vivere nel totale rispetto dell’ambiente senza consumare nemmeno un watt di energia inutile in più del dovuto.

Rispetto molto questa linea di pensiero e sto facendo di tutto a casa mia per adattare gli elettrodomestici a questo genere di consumo intelligente, educando giorno per giorno anche i miei figli al rispetto dell’ambiente.

Credo infatti che sia fondamentale cominciare dando da subito il buon esempio, che funziona sicuramente meglio di sgridate e punizioni.


Come pulire l’aspirapolvere wireless

E’ essenziale dedicare un minimo di attenzione alla pulizia quando si ha a che fare con apparecchi sofisticati quanto delicati.

Infatti se seguiremo delle semplici regole basilari non avremo alcun problema a permettere al nostro apparecchio di durare per parecchi anni senza intoppi, garantendo un livello di performance sempre alla grande.

Per prima cosa c’è da tenere ben presente che la potenza di aspirazione dell’apparecchio si riduce di tantissimo nel caso in cui il contenitore della polvere sia pieno all’orlo oppure nella sciagurata ipotesi che i filtri si siano sporcati e richiedano una bella pulizia.

Cosa fare allora?

Be’, quello che bisogna tenere sempre bene in mente è svuotare con il giusto tempismo il cassetto della polvere ben prima che questo si riempia, per evitare spiacevoli sorprese quando meno ce lo aspettiamo.

A volte è necessario solamente premere un pulsante per lo sbloccaggio, in questo modo sarà possibile rimuovere il cassetto e quindi procedere a svuotarlo nei nostri rifiuti.

Consiglio personalmente anche di lavarlo sempre sotto dell’acqua corrente tiepida in modo da mantenerlo sempre pulito ed in condizioni esteticamente piacevoli.

Perché diciamoci la verità: anche l’occhio vuole la sua parte!

I filtri possono essere ripuliti utilizzando un comune spazzolino da denti ad esempio, ovviamente vi invito ad sfruttare uno che state per buttare e di non acquistarne uno apposito solo per questo. Dovete sapere che io sono innanzitutto per la frugalità in casa, per il riciclaggio degli oggetti, prima di buttare qualcosa mi scervello parecchie volte su come poterla riutilizzare, di modo così da risparmiare ogni mese un bel gruzzoletto da mettere da parte.

Assieme ai miei figli abbiamo organizzato un bel porcellino per raccogliere tutti i soldi che di volta in volta risparmiamo tramite espedienti del genere, e vi assicuro che è diventata una vera e propria avventura e gara a chi riesce a risparmiare di più.

Scusate la digressione, torniamo ora alla pulizia del nostro aspirapolvere senza fili.

Ricordate che i filtri non possono essere ripuliti all’infinito tutte le volte che si desidera, bisognerà invece sostituirli con dei filtri nuovi quando si vedrà che questi cominceranno ad assumere un colorito poco rassicurante, grigiastro scuro o addirittura nero.

Come in tutte le cose, lasciate vincere sempre il buon senso.

A volte questi filtri non sono nient’altro che dei semplicissimi fogli di spugna che vanno ritagliati per mezzo di forbici, in modo da adattarli al modello che abbiamo a casa.

E’ un procedimento molto semplice, non lasciatevi trarre in inganno, all’inizio anche io che sono una completa imbranata pensavo che avrei avuto dei problemi, ma mi sono dovuta ricredere, è un gioco da ragazzi!

Anche la spazzola rotante va pulita ben bene ogni volta che la vedremo piena di peli e capelli di vario tipo, questo consiglio va soprattutto a chi vive con animali in casa, questi infatti lasciano delle vere e proprie “giungle di peli”, a volte nemmeno completamente visibili ma che vanno a insinuarsi nelle insenature del nostro aspirapolvere e possono costituire un vero e proprio pericolo per il corretto funzionamento dello stesso.

Nulla di cui preoccuparsi però se si procede costantemente alla pulizia del nostro apparecchio di fiducia.

Alcuni aspirapolvere hanno dei veri e propri accessori prettamente dedicati per questo scopo, ovvero per ripulire la spazzola rotante, nella sciagurata ipotesi che il vostro modello non ne fosse provvisto, sarà necessario semplicemente comprarlo in uno shop di articoli per la casa.


In conclusione

Il mondo della pulizia della casa è affascinante quanto complesso, nel corso dei secoli si sono sviluppate delle vere e proprie scuole di pensiero differente riguardo quale possano essere i migliori metodi per pulire velocemente ed efficacemente l’ambiente domestico.

Per un periodo ho lavorato addirittura con una ditta di pulizie, quindi posso affermare di saperne qualcosina.

Negli anni ho utilizzato i più svariati apparecchi, e ogni volta è stata una gioia nuova apprendere dell’esistenza di un nuovo strumento che potesse aiutarmi nella pulizia di casa.

Niente però è confrontabile con la gioia di quando ho cominciato ad usare l’aspirapolvere senza filo.

Una vera e propria comodità che va oltre ogni spiegazione; bisogna infatti provare a tenere in mano un oggetto del genere per apprezzarne tutte le sfumature e chiedersi come si è potuto effettivamente fino a quel giorno vivere senza.

Devo ammettere che la prima volta che mi hanno parlato di questo genere di aspirapolvere cordless ero stata un po’ scettica, il mio primo pensiero andava senza dubbio all’autonomia della batteria che immaginavo ridicola e non adatta ad un utilizzo costante nel tempo.

Mi sono dovuta richiedere.

Gli aspirapolvere senza fili sono una vera e propria manna dal cielo, degli attrezzi che rendono le pulizie di casa più efficaci e divertenti, e di sicuro più sicure.

La scelta del miglior aspirapolvere può sembrare complessa, dato che in rete sono molti a esprimere la propria opinione a riguardo e a scrivere di continuo recensioni che presentano prodotti nuovi. Può apparire a primo acchitto una vera e propria giungla!

E’ questo il motivo per cui ho pensato potesse essere bello e utile redarre una guida che guidasse voi amici nella scelta del migliore aspirapolvere senza fili.
Per ridurre al minimo i grattacapi e per scegliere quello che potesse fare al caso vostro tenendo ovviamente in considerazione il prezzo giusto per le vostre esigenze.

Sul mercato in questo momento ci sono aspirapolvere senza fili economici e altri più impegnativi, sono strumenti indubbiamente per tutte le tasche.

Alcuni mantengono le esaltanti promesse che fanno, altri purtroppo no e non costituiscono dei veri e proprio affari se andiamo a considerare in effetti il rapporto qualità prezzo.

Solo un esperto, o comunque una persona che ha masticato da tempo la pulizia domestica e industriale a livello semi-professionale può essere un’ottima guida in questo mondo irto di ostacoli, perdonatemi il gioco di parole ma ci può stare dato che in questo caso parliamo di uno strumento che può aiutarvi proprio ad evitare questo genere di ostacoli e muovervi con eleganza tra le pareti della vostra casa quasi come se conducesse una specie di balletto.

A volte resto stupita delle meraviglie della tecnologia, di quanto effettivamente si è fatto negli ultimi 50 anni e di quanto ancora si potrà fare con l’avvento definitivo dell’internet delle cose all’interno delle nostre case.
Ovvero degli oggetti smart che comunicano tra di loro e sono capaci di servire le nostre esigenze al meglio, come dei veri e propri maggiordomi super intelligenti.

Non vedo l’ora di poter automatizzare ed ottimizzare al massimo a livello tecnologico tutte le faccende di casa, sì sono una donna vecchia maniera ma con un piede sempre nel futuro, questa è la mia specialità, è per questo che adoro lanciarmi in questo genere di sfide e fornire idee sempre nuove a chi come me ama coniugare il vecchio con il nuovo verso un mondo più semplice e piacevole da vivere.

Amici spero che questa guida vi sia stata di aiuto e che alla fine abbiate fatto la vostra scelta in piena consapevolezza senza affidarvi al caso ma lasciandovi guidare dalla vostra coscienza, per portarvi a casa la scopa elettrica cordless perfetta per voi.

Vi saluto e vi rimando alla prossima.

Un abbraccio,
la vostra Antonella.

ProContro.com partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it