i 6 Migliori Termometri (Efficaci) Bambini e Neonati (Guida 2018)

Salve, sono Antonella di Pro Contro.

Sei anche tu stanco delle misurazioni imprecise del vecchio termometro a mercurio?

Non vuoi più aspettare parecchi minuti per poi restare nel dubbio se la misurazione è corretta o meno?

Grazie al migliore termometro per bambini non dovrai più temere errori o eccessive attese.

Clicca qui se sei impaziente di scoprire la guida Pro e Contro ai termometri.

Il termometro è un’invenzione molto semplice ed elementare, ma è stato da sempre un alleato importantissimo per controllare la temperatura del nostro corpo e permetterci di mantenerlo entro livelli sani che non ne compromettano il coretto funzionamento.

Di sicuro anche tu se hai figli piccoli ti sarai ritrovato molte volte a dovere armeggiare e lottare per potere misurargli la febbre con i vecchi modelli di termometri a mercurio, che per naturale design non sono ovviamente pensati per essere utilizzati da bambini, richiedono infatti di stare fermi per parecchi minuti e non lasciar scappare il posizionamento corretto dell’ago misuratore.

I termometri elettronici da contro permettono di effettuare la misurazione in pochi secondi, eliminando quindi tutte le difficoltà normalmente collegato all’utilizzo dei termometri a mercurio.

I bambini sono naturalmente molto irrequieti, e soprattutto se preda della febbre diventano ancora più difficili da controllare, essendo per loro un’esperienza nuovo e motivo di fortissimo disagio. Il modello a mercurio oltre a richiedere parecchi minuti per offrire una rilevazione accurata è anche molto rischioso per l’incolumità dei piccoli nel caso non troppo poco probabile di rottura accidentale.

Negli ultimi anni si è cominciato a trovare in commercio questi comodissimi termometri elettronici, che collocati sulle zone tradizionali, permettono di verificare la temperatura dei piccoli in pochissimi secondi. A volte basta semplicemente appoggiarli alla fronte calda o all’apertura dell’orecchio, eliminando in questo modo qualunque fastidio dato all’eccessiva invasività di questo oggetto.

La medicina moderna però ci insegna che nella diagnosi di un’influenza o di un’altra patologia è molto importante tenere conto di molti altri fattori, come ad esempio l’ambiente circostante in cui il bambino si trova a dover vivere.

La sapienza antica popolare suggeriva di arieggiare molto frequentemente gli ambienti in cui giacevano i malati, per permettere un corretto passaggio dell’aria e un ricambio continuo, favorendo l’eliminazione dei germi, solo col tempo si è capito che era di fondamentale importanza anche il monitoraggio della temperatura.

Nei termometri moderni sono stati inseriti sensori avveniristici capaci non solo di misurare con estrema cura e precisione la temperatura corporea ma anche quella dell’ambiente che circonda il malato.
In questo modo è possibile valutare tutto e tenere ben presente che per un convalescente non sempre è buona cosa stare in un ambiente troppo caldo,
visto come perfetto per eliminare i brividi molto spessi collegati alla malattia, ma in generale crea una specie di effetto serra permettendo la proliferazione di virus e batteri e aumentando in questo modo il periodo di malattia.

In molti videogiochi o filmati di guerra si può ammirare una speciale maschera indossata da forze speciali per poter vedere al buio quasi come se fosse pieno giorno. La tecnologia alla base di questo oggetto futuribile è il rilevamento della temperatura dell’ambiente circostante e degli oggetti, che permette quindi di effettuare una sorta di mappatura termica e fornire un’immagine virtuale dei dintorni.

La stessa tecnologia militare è utilizzata all’interno dei termometri elettronici, ebbene sì.

La ricerca negli ultimi anni ha fatto passi da gigante, permettendo l’integrazione di tecniche molto avanzate all’interno di oggetti di uso quotidiano. E adesso possiamo usare finalmente quella stessa tecnologia militare per misurare la nostra febbre e quella dei nostri cari.

Da quando sono stati lanciati in commercio i termoemetri elettronici a infrarossi sono stati una vera e propria manna dal cielo per i genitori di tutto il mondo, che adesso per pochi euro possono dotarsi di questo strumento comodissimo e per niente invasivo che permette addirittura in alcuni casi a distanza con un semplicissimo clic di rilevare la temperatura del corpo dei propri figli ed evitare in questo modo perdite di tempo e il pericolo di rompere il termometro e far così fuoriuscire il pericolosissimo mercurio tossico contenuto all’interno.

Migliore termometro per bambini e neonati (pediatrico) 2018

Termometro Metene a Infrarossi, il migliore

Ecco un termometro a infrarossi senza contatto dal design estremamente curato, moderno ed ergonomico. Questo termometro è ottimo perché ci permette di misurare la temperatura ad adulti e bambini in un semplice secondo, senza bisogno neanche di poggiarlo sulla pelle del malato.

Basta infatti avvicinare il termometro al nostro bambino per poter immediatamente visionare la temperatura sul display luminoso LCD, consultabile anche al buio senza alcun problema.

La precisione di questo strumento è garantita da un chip interno di qualità che permette delle scansioni immediate e precisissime. E’ possibile inoltre misurare anche la temperatura di ambienti ed oggetti, nel caso volessimo ad esempio verificare con piglio scientifico anche i gradi della stanza in cui dimora il nostro bambino, e modificarli poi a nostro piacimento variando il riscaldamento presente all’interno, aprendo la finestra, eccetera

E’ possibile ad esempio misurare anche la temperatura della bottiglia dedicata ad un neonato, in molti casi è estremamente utile conoscere questo dato.

La verifica della temperatura avviene in un semplice secondo, la scansione è accurata e rapida.
La forma, la scelta dei colori e il disegno dell’oggetto sono riconoscibilissime, è la qualità Metene ai suoi massimi livelli.

Si può inoltre misurare la febbre dei neonati senza nessun bip che li possa svegliare, la misurazione è estremamente silenziosa, pensata infatti proprio per i più piccoli. Si può passare inoltre con estrema facilità da gradi Celsius a gradi Fahrenheit.

Sicuramente consigliato a chi si sta affacciando adesso al mondo dei termometri a infrarossi e non vuole rinunciare alla qualità seppure portandosi a casa un prodotto ad un prezzo ragionevole.

Braun IRT6520 ThermoScan

Questo termometro ha senz’altro un fiore all’occhiello che lo distingue da tutti gli altri modelli in vendita in questo momento, ovvero la funzione Age Precision, che permette di adattare la misurazione della febbre in relazione all’età del bambino. Infatti la classificazione canonica che utilizziamo con nonchalance per gli adulti che vede i 37 come limite oltre il quale considerare la presenza di una febbre in corso, non è associabile anche ai bambini, che richiedono un tipo di scala completamente diverse a seconda della loro età.

Infatti i bambini fino ai 3 mesi, superati i 37 gradi hanno un livello di febbre automaticamente preoccupante, mentre quelli di 36 mesi possono avere una temperatura corporea considerata normale fino a quasi 38 gradi.

L’utilizzo è semplice e garantisce la massima igiene.

Il bulbo di cui è dotato si può preriscaldare per evitare la spiacevole sensazione inevitabile di freddo causata dal posizionamento della sonda all’interno dell’orecchio del bambino.

Il display ha una codifica cromatica ed è visibile anche al buio, quindi nel caso i vostri piccoli stiano dormendo è possibile effettuare una misurazione corretta senza mai doverli svegliare.

La custodia con cui viene venduto lo rende particolarmente ideale per trasporti ed eventuali viaggi.

Un prodotto di alta tecnologia sicuramente consigliato per chi voglia fare un acquisto definitivo e non preoccuparsene più.

Chicco 2 in 1 Dual Confort

Ecco un ottimo prodotto proposto dalla Chicco, come sempre azienda leader per quanto riguarda il mondo dell’infanzia.
Questo è un termometro che funziona tradizionalmente misurando la temperatura sotto le ascelle o in maniera rettale, però l’innegabile vantaggio è che impiega davvero pochi secondi per fornire il risultato finale.

Il prezzo è molto basso e questo lo rende sicuramente un candidato potenziale ad essere uno dei termometri per bambini più convenienti in questo momento sul mercato.
E’ facile tenere sotto controllo la temperatura dei bambini di casa, costantemente vittime ignare dei malanni di stagione.
Per via rettale impiega solo 15 secondi per fornire il risultato desiderato, mentre sotto l’ascella un po’ di più, circa 90, la temperatura è quindi mostrata su un display molto leggibile individuabile proprio sopra al manico.

Il design è accattivante ed ergonomico, questo lo rende estremamente facile da usare, mentre il bulbo per misurare è flessibile e corto, per non disturbare i bambini che altrimenti potrebbero cominciare a fare i capricci vedendo questo strano oggetto inquietante.

La misurazione rettale è ideale per i neonati, dato che nonostante il nome si presenta molto poso invasiva, con una misurazione praticamente istantanea.

Questo modello di termometro chicco è uno dei più economici in questo momento sul mercato, clicca sul link sopra per scoprire il prezzo più basso a cui è venduto in questo momento su Amazon.

Grazie alla sonda con la sua forma accattivante e anatomica questo termometro è molto comodo da usare, presenta infatti un design infantile e allo stesso tempo moderno, ideato per recare il minimo fastidio possibile al bambino e per essere bello agli occhi degli adulti che lo useranno.

Dato che funziona con la sonda proprio come i termometri a cui siamo normalmente abituati, la misurazione risulta più affidabile rispetto agli altri modelli simili.

Le luci poste al lato del manico si accendono di verde se ci troviamo sotto i trentasette gradi, giallo fino ai 38, e rosso nel caso il nostro bambino stesse superando i 38 di febbre.

Rispetto agli altri modelli presenti attualmente in commercio, il tempo medio di misurazione è più lungo, infatti come dicevamo sopra si parla in questo caso di ben 15 secondi per quanto riguarda la misurazione rettale e ben 90 per quella ascellare.

Nonostante tutto per la sua precisione e per l’affidabilità del marchio Chicco è senza ombra di dubbio un termometro altamente consigliato.

Termometro Tempir

Il Termometro Tempir è una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda il mondo dei termometri per bambini. Perché? Ma è facile. Siamo qui di fronte a un preziosissimo ritrovato della tecnica, un oggetto avveniristico che vi permetterà di misurare la febbre dei vostri pargoli semplicemente avvicinando lo strumento alla loro fronte, senza alcuna necessità di toccarli. Un ottima trovata utile per non svegliare i più piccoli ad esempio, o comunque per non effettuare dei rilevamenti troppo invasivi. Che ne pensate?

Lo schermo digitale è retroilluminato, ed è possibile abbassare il volume delle varie notifiche a zero, di modo che risulti totalmente silenzioso quando si pratica la misurazione della febbre. Si spegnerà poi in maniera del tutto automatica una vola trascorsi 30 secondi.

Il risultato finale inoltre può essere mostrato in Fahrenheit o Celsius, a seconda del vostro sistema di riferimento preferito.

In tutto e per tutto un termometro consigliatissimo.

Braun IRT 3020

Di nuovo la qualità Braun a supporto della salute dei nostri bambini. Cominciamo quindi col dire che questo termometro è semplicemente fantastico, misura infatti la febbre con uno scarto massimo di 1/10 di grado
E’ però fondamentale posizionarlo correttamente, potrebbero esserci problemi quando si utilizza su bambini o addirittura neonati, dato che il beccuccio è grande per l’orecchio dei più piccoli e se non posizionato dove si deve, misura purtroppo una temperatura inferiore a quella lì effettiva, si rischia così di non notare la febbre nel caso fosse presente.

Il termometro Braun IRT 3020 è dotato di 11 cappucci coprilente, che andrebbero cambiati per motivi igienici ogni misurazione, è un oggetto insomma che ci tiene per prima cosa a tutelare la salute di noi consumatori.

Il design è interessantissimo, compatto e bello, particolarmente ergonomico, il che lo rende abbastanza facile da usare, soprattutto nel momento in cui ci dovessimo trovare ad avere a che fare con bambini piccoli e la misurazione dovesse avvenire nel bel mezzo della notte.

Caratteristiche fondamentale inoltre è la velocità incredibile di misurazione, non si avrà bisogno di più di un secondo per leggere la temperatura con una precisione fantastica.
E’ possibile misurare l’ultima misurazione effettuata, eliminando così il grattacapo di dover ricordare o appuntare a mano il numero, ed evitando errori umani, perché si potrà sapere a colpo d’occhio l’eventuale evoluzione della temperatura nel tempo, e correre ai ripari se opportuno.

Il coprilente come dicevamo è monouso, fondamentale se si desidera misurare la temperatura a più componenti dello stesso nucleo familiare, senza paura di contagiarsi a vicenda.

In fin dei conti un prodotto ottimo e consigliato.

Chicco Easy Touch

Un altro modello a infrarossi della famosa casa Chicco, anche in questo caso il prezzo è ottimo e da considerare se si desidera entrare nel mondo dei termometri a infrarossi dalla porta principale senza rinunciare alla qualità-

Chicco anche in questo caso ci presenta un dispositivo dal design accattivante e gradevole per i più piccoli, tascabile, infatti si può tenere comodamente in mano senza problemi.
La misurazione avviene puntando il dispositivo alla fronte del piccolo, la temperatura viene quindi rilevata in pochi secondi.

Il termometro Chicco Easy Touch effettua diverse letture di fila, per poi trarne una media e fornire un dato estremamente preciso.
E’ inoltre possibile memorizzare le letture effettuate precedentemente durante il giorno per tenere sotto controllo l’evoluzione della malattia.

Il design come dicevamo è estremamente compatto e bello, può essere trasportato ovunque con estrema facilità.

Grazie alla tecnologia avanzata a infrarossi è possibile misurare la febbre evitando qualsiasi contatto diretto col bambino, risparmiandosi quindi eventuali contagi. Se vi ammalate voi, chi curerà il piccolo? Riflettete, con questo termometro non ci sarà da preoccuparsi.

Per avere un esito assolutamente preciso e a prova di bomba, è bene tenere il termometro alcuni minuti nella stanza dov’è il bambino prima di effettuare la misurazione, si permetterà in questo modo al dispositivo di acclimatarsi e di fornire una rilevazione perfetta.

Un termometro consigliato, prodotto dalla famosa casa italiana Chicco.

Come si misura la febbre col termometro elettronico?

Una delle posizioni più sicure ed affidabili per misurare la febbre al proprio bambino è senza ombra di dubbio quella lì classica: ovvero sotto l’ascella.

E’ questo il metodo più tradizionale tramandato di generazione in generazione, il termometro digitale è perfetto per questo tipo di misurazione. Si tratta di una pratica molto sicura e non invasiva, soprattutto se si utilizza un modello elettronico a infrarossi. Però è bene ricordare che la posizione del termometro è fondamentale: si deve inserire correttamente al di sotto dell’ascella, parallelo al busto e perpendicolare al cavo ascellare.

Non tutti sanno che tra ascella destra e sinistra può cambiare la temperatura. Inoltre i valori febbrili possono essere suscettibili a variazioni date da sbalzi termici ambientali, il sudore, l’umidità del corpo e della stanza e addirittura altri parametri imponderabili.
Tra l’ascella destra e quella sinistra inoltre possono esserci scarti di temperatura incredibili, fino ad arrivare a quasi 1.5 gradi, pensate un po’. E’ bene quindi misurare la temperatura più volte in parti diverse del corpo per avere un prospetto chiaro e sicuro dello stato di salute dei propri pargoli.

Per evitare alcun tipo di errori è bene asciugare l’ascella prima della misurazione e sistemare il termometro in alto.
E’ bene inoltre spingere il bulbo più in alto possibile, e il braccio deve rimare aderente al corpo per il tempo indicato nelle istruzioni, che ovviamente nel caso dei termometri elettronici sarà di pochissimi secondi, eliminando così alcun tipo di pericolo per i nostri piccoli.

Si può inoltre misurare la febbre all’interno della bocca. Però bisogna fare molta attenzione a quando si mangia o si beve. Questa è una delle zone a più facile accesso e non richiede particolari accorgimenti per ottenere un risultato sicuro e affidabile. Anche in questo caso si può utilizzare un termometro tradizionale o uno digitale, noi ovviamente andremo ad usarne uno a infrarossi. Prima di cominciare è bene ricordare che la temperatura in questo caso può essere fortemente alterata se nei minuti precedenti sono stati ingeriti cibi molto caldi e molto freddi, è bene quindi effettuare questo tipo di misurazione solo se si è a stomaco vuoto, attendendo almeno mezz’ora dopo l’ultimo pasto.

Si può inoltre misurare la febbre direttamente nell’orecchio, per questa tipologia di misurazione è meglio acquistare direttamente un microfono a infrarossi auricolare, che è l’unico che permette l’utilizzo di questa tecnica.
E’ il più rapido di tutti i termometri, ma bisogna sapere in anticipo come utilizzarlo. E’ bene ricordare di leggere accuratamente le istruzioni dall’inizio alla fine per evitare eventuali problemi. E’ importante la posizione esatta all’interno del padiglione auricolare ed assicurarsi l’assenza totale di infezioni o cerume. Non è quindi un sistema indicato a tutti.

Un tipo di misurazione molto efficace ma senza dubbio invasiva è invece quella lì rettale, ebbene sì, inserire all’interno del sederino dei nostri pargoli il termometro è ancora il metodo più sicuro e controllato per avere la temperatura perfetta.

L’ultima opzione è quella di misurare la febbre come si farebbe normalmente a mano, ovvero sulla fronte. Per questo tipo di misurazione è fondamentale munirsi di un tipo di termometro a contatto a infrarossi, oppure uno a distanza a cristalli liquidi.
Si dovrà quindi posizionare il termometro alla fronte, o solo avvicinarlo nel caso si abbia a che fare con un modello che non richiede alcun tipo di contatto.

Bisogna però ricordare una cosa fondamentale e non trascurabile, ovvero che i termometri a cristalli liquidi che non prevedono il contatto per effettuare la misurazione sono molto spesso meno precisi dei termometri tradizionali o a infrarossi, quindi è sempre meglio utilizzare un termometro elettronico non a cristalli liquidi se si ha intenzione di avere una misurazione concreta e affidabile su cui basare quindi la cura dei propri bambini.

Consigli per l’uso del termometro

Se si utilizza un termometro classico a mercurio è bene fare moltissima attenzione se si sta adoperando la misurazione per via orale, è importante non farlo cadere per evitare gravissimi problemi di salute nella malaugurata ipotesi che venga ingerito o distrutto all’interno della bocca del bambino.

E’ bene inoltre non utilizzare troppo frequentemente la misurazione rettale, perché tende a provocare molti disagi ai più piccoli.

Se si può è meglio evitare di acquistare termometri a mercurio, o addirittura se se ne possiede uno è bene pensare di buttarlo direttamente, chiaramente senza dimenticare di servirsi di un’oasi di smaltimento di rifiuti speciali, data l’altissima tossicità di questo materiale.

I modelli a infrarossi sono quelli più consigliati, dato che sono poco invasivi, veloci e sicuri.

Qual è la migliora tipologia di termometro?

Quali sono le tipologie di termometri attualmente in commercio, e quali le più adatte a un’esigenza piuttosto che a un’altra?
Andiamole ad esaminare assieme senza perderci in ulteriori divagazioni.

Il termometro classico di vetro, riprende le caratteristiche del vecchio termometro a mercurio, non in commercio oramai da molti anni data la sua enorme pericolosità in caso di rottura accidentale.
Questo modello tradizionale contiene una lega di metalli che si comporta in modo molto simile al suo antenato mercurio e si presenta allo stato liquido quando è a temperatura ambiente.

Il termometro digitale funziona tramite degli appositi sensori elettronici posizionati sul bulbo, che sono sensibilissimi al calore e in gradi di rilevare in maniera affidabile e veloce la temperatura corporea.
Questo effettua in automatico differenti misurazioni, per poi trarne un valore medio da mostrare, questo è disponibile una volta che si sente l’apposito segnale acustico indicatore.

Infine abbiamo il termometro ad infrarossi, che si differenzia dagli altri in particolar modo perché durante il suo utilizzo non è necessario il contatto diretto con la pelle.
Funziona a distanza e riceve le radiazioni emesse in maniera del tutto naturale dal corpo umano. Ne vengono vendute due versioni: una che rivela la temperatura della fronte e una quella interna dell’orecchio.

In conclusione

Quando si parla della salute dei più piccoli, non c’è nessuna giustificazione che tenga. Bisogna sempre puntare al meglio, infatti non ci si potrebbe perdonare di causare problemi di salute a dei bambini per una disattenzione o ancora peggio per tirchieria.

Consigliamo quindi di effettuare una volta per tutte un acquisto del genere, un termometro a infrarossi infatti è come una polizza sulla vita: dura per sempre e permette di dormire sonni tranquilli.

Un saluto a tutti e alla prossima!

Antonella

ProContro.com partecipa al programma associati di Amazon Services LLC, e riceve una commissione sugli acquisti effettuati tramite i nostri links.

Summary
Review Date
Reviewed Item
termometro chicco
Author Rating
51star1star1star1star1star