🥇5 Migliori Pulisci Lingua? (Alito Freschissimo)

Ciao,
sono Antonella.

Sarai d’accordo con me su una cosa:

E’ tremendo interagire socialmente e accorgersi magari solo tramite i commenti di un amico particolarmente sincero che il proprio alito è terribile…

CLICCA QUI PER SCORRERE IN BASSO ALLA GUIDA AI MIGLIORE PULISCI-LINGUA SUL MERCATO

Si ha voglia di sprofondare.

Proprio quello che succedeva spesso a me.

Poi ho scoperto il pulisci-lingua, un oggetto semplice quanto indispensabile.
Ottimo alleato contro l’alitosi.

Cerchi un puliscilingua per bambini? Eccolo.

L’igiene orale è molto complessa e non basta lo spazzolino, questo l’ho scoperto a mie spese, infatti non capivo come fosse possibile che nonostante usassi spazzolino e dentifricio religiosamente dopo ogni pasto come ci viene insegnato sin da piccoli, avessi alcuni giorni un alito tremendo.

Poi il mio amico dentista Sergio mi ha regalato un raschietto pulisci-lingua.

Dopo averlo usato si sente un piacevolissimo fresco in bocca.

Permette di eliminare le tossine che si formano sul dorso della lingua, rimuovendole prima che vengano re-ingerite, soprattutto al mattino.

Anche la tradizione ayurvedica indiana raccomanda attenzione alla pulizia della propria lingua e all’eliminazione della patina di sporcizia che quivi normalmente si viene a formare.

Il pulisci lingua è un semplice oggetto formato da più lamelle dotate di setole che rimuovo residui di cibo e batteri ospitati dal dorso della lingua. Il suo funzionamento è estremamente semplice, lo si poggia sul fondo della lingua (senza andare TROPPO in fondo, per evitare conati di vomito) e lo si tira verso l’alto, verso il fuori diciamo, con delicatezza.

Si porta automaticamente dietro la sporcizia, anche quella che non riusciamo a vedere, raschiando delicatamente il dorso della lingua e lasciandolo pulito.

Ovviamente il pulisci-lingua va sempre accompagnato all’uso dello spazzolino, del colluttorio e del filo interdentale, all’occorrenza.

L’uso corretto del pulisci lingua può aiutare a prevenire gengivite, parodontite e carie.

Il pulisci-lingua e l’alito cattivo

Uno dei motivi principali per cui si utilizza il pulisci-lingua è che aiuta a contrastare l’alito cattivo.

La lingua è ruvida e tende naturalmente ad attirare la presenza di fastidiosissimi batteri, che non sono visibili a occhio nudo ma provocano terribili conseguenze all’interno della nostra bocca. Sono quelli ad esempio che attaccano i denti e causano carie e numerosi altri problemi.

I batteri si nutrono della decomposizione dei cibi e generano molecole di cattivo odore.
La patina che si forma sulla lingua è la prima responsabile dell’alitosi, ovvero del cattivo odore del nostro alito.

Credetemi, io ne so qualcosa, finché non ho cominciato a utilizzare il pulisci-lingua ho sofferto di questo problema.

Non tutti sono soggetti ad alitosi, c’è anche gente che non utilizza mai il pulisci lingua e non sviluppa questo problema, ma nella mia famiglia abbiamo purtroppo forse geneticamente questa brutta tendenza.

Adesso tutti in famiglia facciamo regolarmente uso del pulisci-lingua, che è diventato parte integrate della nostra routine quotidiana di igiene dentale.

A cosa serve il pulisci lingua?

Impariamo da piccoli a preoccuparci della salute dei nostri denti, ma nessuno ci dice quanto sia importante pulirci la lingua ogni giorno.

I batteri che si annidano all’interno della bocca possono portare a infiammazioni alla lunga molto fastidiose e in alcuni casi pericolose.

Ma non solo, sono anche causa diretta di carie, gengiviti, granulomi e ascessi dentali.

Una dei motivi principali per cui si usa il pulisci-lingua è che questo aiuta ad avere un alito più profumato, eliminando i cattivi odori. Perfetto quindi per chi soffre di alitosi.

I pulisci-lingua sono degli oggetti con una superficie piatta dotata di solchi che lavorano sulla nostra lingua per rimuovere i batteri che normalmente vi si posano.

E’ bene ricordare che il pulisci-lingua si utilizza con un movimento dal fondo della lingua in avanti, e mai al contrario.

Alcune persone quando infilano in bocca un oggetto estraneo provano una sensazione come di vomito, questa si può facilmente evitare non esagerando mai con la pressione che si esercita sulla lingua stessa.

Come pulire la lingua senza vomitare?

Alcune persone trovano proprio difficile pulirsi la lingua da soli, dato che questa operazione gli porta direttamente una fastidiosa sensazione di vomito.

Se anche tu provi dei conati di vomito ogni qual volta che inserisci nel cavo orale un oggetto estraneo atto a pulire la lingua, ti spiegherò con questa semplice guida come evitare i conati di vomito quando si pulisce la lingua.

Per prima cosa bisogna tenere presente che il riflesso del vomito è un semplice riflesso, ovvero una reazione dei nervi a uno stimolo. Naturale quando viene toccata una zona molto profonda della bocca.

E’ per questo che quando si vuole stimolare il vomito in qualcuno, magari per salvargli la vita perché ha ingerito qualcosa di nocivo, oppure per risolvere una sbronza incredibile, gli si infilano delle dita in bocca.

Ma quello che vogliamo nel nostro caso è esattamente l’opposto, ovvero evitare completamente questi conati di vomito.

E’ bene quindi evitare la parte più profonda della gola.

Si può partire iniziando semplicemente dalla punta della lingua, e procedendo man mano, sempre con movimenti dal fondo verso l’apertura della bocca e mai all’opposto, finché si percepisce anche una sola leggerissima sensazione di fastidio.

Il riflesso del vomito è semplicemente un istinto naturale che ha il corpo per evitare il soffocamento, per questo uno dei trucchi potrebbe essere semplicemente distrarsi mentre si sta pulendo la lingua.

Consiglio di provare ad esempio con un leggero dolorino, che servirà non a farsi male ma semplicemente a tenere la mente occupata in un’altra parte del corpo. Ad esempio stringendo le dita a pugno premendo le unghie nel palmo. Ovviamente senza esagerare, ma quello che basta per mandare diciamo in corto circuito la mente e convincerla che il più dell’azione stia effettivamente avvenendo nella mano e non sulla lingua.

Il raschietto pulisci-lingua è molto meno invasivo degli spazzolini che si utilizzano normalmente per la pulizia dei denti, è anche per questo che la pulizia della lingua viene concepita come separata da quella dentale, e viene richiesto un altro attrezzo.

Il pulisci-lingua rimuove i residui di placca sulla lingua, basta evitare di andare troppo in fondo come punto di partenza.

Nel caso in cui il raschietto pulisci-lingua sia troppo e non si riesce a tollerare in alcun modo, la migliore soluzione in questo caso è limitarsi a pulire la propria lingua con un semplicissimo panno bagnato.

Basterà in questo caso bagnarlo con un po’ di acqua tiepida, avvolgerlo attorno a un dito e strofinarvi quindi la superficie superiore della lingua.
In questo modo il conato verrà auguratamente evitatao.

Come ultima soluzione si può ripiegare semplicemente sull’utilizzo del colluttorio, questo se il solo pensiero di infilarti qualcosa anche di molto piccolo sulla punta della lingua possa indurti ai conati vomito.

Il colluttorio è un preziosissimo alleato per uccidere i batteri che si annidano all’interno della bocca, non è certo efficace come il pulisci-lingua, ma se usato ogni giorno con costanza è una buona alternativa. Di sicuro meglio di niente 😀

Cos’è il puliscilingua?

Il puliscilingua somiglia a uno spazzolino da denti, va tenuto in mano praticamente alla stessa maniera, con la differenza però che al posto della testina c’è un archetto, oppure una superficie dotata di sporgenze.

Queste servono a raschiare dalla lingua i detriti invisibili o meno che vi si raccolgono inevitabilmente durante il giorno, soprattutto dopo i pasti.

Alcuni puliscilingua più evoluti hanno due serie di lamelle, alternate, le prime servono per la sporcizia superficiale, le seconde per pulire le papille gustative.

Per permetterci di arrivare fino in fondo (relativamente a dove i nostri riflessi di vomito ci permettono), i pulisci-lingua hanno una testa leggermente curvata.

Le setole possono essere sintetiche oppure naturali.

Migliore Puliscilingua 2019

Meridol Pulitore lingua, confezione da 2 pezzi, quello che uso a casa

Meridol Pulitore lingua, confezione da 2...
  • Pulisce la lingua in modo efficace.
  • Rimuove i residui batterici dalla lingua.
  • Design extra piatto con nodi e lamelle.

Ecco il pulitore che utilizzo a casa, mi ci trovo benissimo, e ne ho comprato uno per ciascuno dei miei familiari.

E’ praticamente perfetto, delle giuste dimensioni, non dà fastidio sulla lingua, e in più evita i fastidiosi conati di vomito.

E’ più costoso rispetto agli altri prodotti presenti in questa guida ma allo stesso tempo più efficace.

Una piccola spesa supplementare senza ombra di dubbio giustificata dall’ottima qualità.

Promosso a pieni voti, per un uso quotidiano.

MitButy Spazzolino, Set da 4, belli ed ecologici

MitButy Spazzolino Pulisci Lingua, Set...
  • MIGLIOR IGIENE ORALE E ALITO PIU' FRESCO: Lo spazzolino pulitore per la lingua MitButy ti aiuta a rimuovere lingua bianca, residui, e batteri, riduce l'alito cattivo e migliora il senso del gusto. Ancora più importante, ti dona una bocca più pulita e aumenterà la tua sicurezza nel stare in mezzo agli altri.
  • DELICATO ED EFFICACE: Dotato di una testina piatta con setole morbide per rimuovere i residui nelle profonde fessure della lingua in modo più confortevole ed efficace rispetto ad un raschietto pulisci lingua in acciaio inox.
  • ECOLOGICO: Realizzato con manico in legno di bambù biodegradabile ecologico naturale al 100% e una confezione riciclabile per ridurre l'alitosi e soprattutto per ridurre i rifiuti e l'impatto sull'ambiente.

Degli spazzolini pulisci lingua questa volta, al posto dei tradizionali raschiatori, per chi ama la natura. Dato che i prodotto è completamente ecologico, la scatola è tutta in cartone riciclato e il manico è biodegradabile in bamboo, senza BPA.

Ottima anche come confezione regalo, magari un’ottima idea per iniziare anche qualche nostro amico o parente alla pulizia della lingua 🙂

Questi spazzolini arrivano in un set da 4, esteticamente sono molto belli, infatti fanno un figurone in bagno. Fatti molto bene, ottima manifattura ed efficacissimi nella pulizia della lingua.

La scatola quando si apre odora di bamboo, non c’è che dire, davvero un’ottima sorpresa.

Consigliatissimi.

Nettalingua in rame – dalla tradizione Ayurvedica!

Nettalingua - per Alitosi -...
  • COS'È: Il nostro nettalingua è certificato come dispositivo medico CE di classe I. Diffida dai prodotti non registrati come dispositivi medici! Nettalingua ayurvedico in rame per pulire la lingua eliminando le tossine che i nostri organi interni rilasciano durante la notte; favorisce l'igiene orale e la salute dell'organismo completo. Confezione da 2 pezzi
  • ALITO CATTIVO: Il nostro nettalingua è un rimedio all'alito cattivo. Spesso l'alitosi dipende dai batteri che si accumulano sulla lingua. Usando il nettalingua la mattina e la sera, avrai una lingua pulita senza batteri. Il rame inoltre è un antibatterico naturale
  • BENEFICI: Rimuovendo la patina bianca per non ingerire nuovamente le tossine, si evitano eventuali problemi come disturbi gengivali, placca batterica e, in generale, uno stato di disequilibrio di tutto l'organismo.

Per chi volesse tentare qualcosa di diverso dal comune raschialingua, be’ questo nettalingua in rame è un must.

Direttamente dalla tradizione ayurvedica indiana.

Permette di eliminare le tossine che si formano sul dorso della lingua, rimuovendole prima che vengano reingerite, soprattutto al mattino.

Affidabile e facile da usare, in più il rame ha un fascino tutto suo, di oggetto d’altri tempi, è per questo che ne tengo sempre uno in bagno.

Innanzitutto la forma è molto curiosa, un design essenziale, in un materiale quasi dimenticato, ma pregiato, il rame.

Proprio per via del fatto che è in rame va però sempre pulito ed asciugato con attenzione, perché tende ad ossidare, quindi non è un prodotto per coloro che vanno di fretta e non hanno nemmeno qualche secondo da dedicare ai propri “ferri del mestiere”.

GUM 760 Puliscilingua doppio Acci, economico

Per chi vuole spendere un po’ di meno, anche se ovviamente date le caratteristiche intrinseche di questo oggetto si parla gioco-forza di pochi euro, il GUM 760 è una buona alternativa.

E’ infatti questo un buon puliscilingua economico, che da un lato ha le spatoline simili a quelle del comune spazzolino da denti, dall’latro il raschietto.

Per due tipi di passata diversi.

Uno strumento particolarmente delicato, per le lingue più sensibili.

Il puliscilingua per bambini

Edison Lollipop pulisci lingua...
  • Mantiene la salute della nostra famiglia da batteri - prevenzione di alitosi orale/A FREDDO
  • Rimozione della lingua pelliccia - che causano carie e alito cattivo in bocca
  • Realizzata in morbida gomma antibiotico - la testa che viene toccato per la lingua direttamente è realizzata in gomma sicuro antibiotico

Per chi ha bambini e necessita di un aiutino per incoraggiarli a prendersi cura dei propri denti ecco qui il prodotto ideale.

Il puliscilingua per bambini è colorato e accattivante, a forma di lecca-lecca, per invogliare i più piccoli a pulire la propria lingua.

Ho comprato questo per mia figlia di 3 anni. Già le piaceva lavarsi i denti ma dopo avermi visto utilizzare un pulisci-denti ne ha chiesto uno anche per lei, che dire? Ho una figlia saggia 😀

Dato che non volevo che si strozzasse ho cercato online per un puliscilingua più piccolo progettato appositamente per i bambini e ho trovato questo.

La forma è la stessa di un lecca-lecca, quindi particolarmente accattivante per i più piccoli.

In conclusione

Quando siamo giovani non diamo molta importanza alle indicazioni dei nostri genitori che ci ripetono affannosamente di non tralasciare mai l’igiene orale.

Vediamo i nostri denti così belli, bianchi, sani, e crediamo che in fondo un paio di giorni senza spazzolino non siano poi così gravi…

Poi cominciamo a bere caffè, fumare sigarette, e l’età comincia a compromettere la salute dei denti, se non ce ne prendiamo cura infatti col tempo cominciano a ingiallire, formarsi piccole carie… che poi diventano sempre più grandi… si presentano dolori dentali, gengivali, e così via…

E’ per questo che bisogna cominciare sin da subito a prendersi cura della salute della propria bocca a 360 gradi, senza lasciare niente al caso.

Spazzolino, dentifricio, colluttorio e filo interdentale non sono i soli alleati della nostra igiene dentale, anche il raschietto pulisci-lingua è fondamentale, perché è proprio grazie a esso che si evita la formazione sulla nostra lingua di patine che col tempo danno adito all’alitosi e ai batteri di attecchire.

Ho imparato a mie spesse cosa significasse tralasciare l’igiene orale per un periodo della mia vita, e non voglio tornare indietro mai più, perché l’alitosi vi assicuro è un disturbo terribile, che compromette la sicurezza in noi stessi.

Spero che questa guida vi sia stata come al solito di grande aiuto e vi rimando alla prossima,

la vostra Antonella

ALTRE GUIDE INDISPENSABILI:

Migliore spazzolino elettrico
Migliore aerosol
Migliori profumi uomo

Migliore rasoio a mano libera


ProContro.com partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Ultimo aggiornamento 2019-06-26 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API