le 7 Migliori Lampadine LED Più Luminose (2018)

Sarai d’accordo con me su una cosa:

Le lampadine tradizionali tendono a bruciarsi di continuo e consumano tantissimo.

Da qualche anno a questa parte sono arrivate sul mercato le lampadine a LED,
da preferire a quelle tradizionali o alle alogene per una serie di motivi che adesso andremo ad esaminare attentamente.

Le migliori lampadine a LED sono più durature ed efficienti di quelle classiche a cui tutti siamo abituati, inoltre quasi immediatamente usandole si comincia a verificare un notevole risparmio in bolletta.

Andiamo quindi a scoprire adesso come funzionano le lampadine a led, i motivi che dovrebbero spingerci a optare per l’acquisto in vece di altre tipologie di illuminazione e dove comprarle.

Come funzionano le lampadine LED?

Innanzitutto dobbiamo capire perché nel corso degli ultimi anni la tecnologia LED è sempre più onnipresente. Avrete sicuramente sentito parlare in TV o da qualche vostro amico di lampade LED, di faretti LED o di luci a LED.

Il motivo è sicuramente nella natura di base di questo tipo di tecnologia.

LED sta per Light-Emitting Diodes, che significa esattamente diodi ad emissione di luce. I diodi sono componenti elettrici passivi che permettono di ottenere un flusso di corrente elettrica costante in entrata, donando un risultato che ovviamente varierà a seconda della natura del diodo stesso.

Nei diodi LED l’emissione di luce data agli avanzamenti impressionanti della tecnologia in questo senso, negli ultimi anni è diventata potenzialmente sempre più forte. Lasciando i consumi di questo tipo di lampadine costantemente bassi, specie se andiamo a paragonarle a tipologie di lampade a filamento, luminescenti o a scarico.

Grazie ai passi in avanti in questi campi, le aziende hanno potuto col tempo integrare sempre meglio la tecnologia LED avanzata nei loro prodotti più innovativi.
L’adozione maggiore è avvenuta probabilmente nel campo delle TV Smart, che grazie ai LED e alla loro variante OLED, sempre più in voga sui televisori degli ultimi anni, riescono a sfoggiare video sempre più luminosi e realistici.
Oltre ovviamente alle TV, l’altro settore interessato è stato quello lì dell’illuminazione, in particolare quella domestica.

All’inizio le lampadine LED purtroppo gravitavano intorno a fasce di prezzo senza ombra di dubbio più elevate rispetto a quelle tradizionali, quindi per alcuni anni non sono state completamente accessibili al grande pubblico, ma siamo lieti di affermare che finalmente questo gap è stato colmato e adesso non c’è nessuna scusa per non sostituire tutte le lampadine di casa con lampade LED. Dati i vantaggi che queste irrimediabilmente portano con sé.

Le Migliori Lampadine LED 2018

Philips Oliva Led, la nostra preferita

Ultimo aggiornamento 2018-11-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Un’ottima lampadina proveniente dalla celebre azienda olandese, produce una lucec bianca calda di circa 470 lumen a 2.700 k di temperatura, con un ottimo design avveniristico ed elegante.

L’indice di resa cromatica si aggira intorno agli 85, quindi parliamo di una gamma molto vivace di colori.
Non c’è bisogno di dover aspettare per vederla splendere al massimo della sua potenza, infatti appena accesa possiamo immediatamente godere del pieno della sua luminosità.

La potenza sullo scatolo è segnalata a 5,5W, che potrebbe sembrare poco, ma come abbiamo sottolineato sopra le lampadine LED rendono 10 volte il loro vattaggio minimale, quindi questo dato deve essere considerato solo in virtù della misera energia elettrica che utilizzerà per funzionare, facendoci risparmiare una cifra considerevole nel corso di un anno, se sostituita ad una normale lampadina tradizionale.

La classe energetica è A+, l’attacco è E14, e la tensione necessaria per funzionare è di 220-240 V.
Promette una durata di 15 mila ore con circa 50 mila cicli.

La longevità del prodotto si attesta sui 15 anni, considerandone un’accensione quotidiana intorno alle 3 ore.

Ricordiamo che il consumo di corrente è molto basso, dato che le vecchie lampadine a incandescenza tendono a sprecare tantissimo calore traducendo solo il 20% dell’energia in luce. Il LED impiega invece quasi il cento per cento dell’energia che assorbe per produrre luce.

Non fuoriscirà mercurio o strani vapori nel caso dovesse rompersi, che è sempre un vantaggio da tenere in considerazione.

Il costo è relativamente elevato, ma se si vanno a fare i calcoli, dopo già un paio di mesi i pochi euro in più pagati si ammortizzeranno sulla bolletta, e alla lunga il risparmio diverrà davvero considerevole.

Meglio considerare l’acquisto della LED come una specie di investimento.
La tipologia di luce è molto simile a quella delle lampade tradizionali.

Questa lampadina Philips è un ottimo prodotto a livello di realizzazione meccanica ed elettronica, in mano appare decisamente robusta e durante l’utilizzo non presenta mai nessun tipo di rumore.

Anche la confezione in cui è venduta è rigorosamente ecologica e riciclabile. Ciò nonostante è bene ricordare in ogni caso che questo prodotto non può e non deve in alcun modo essere smaltito nella comune spazzatura, bensì al fine del suo lunghissimo ciclo vitale sarà bene considerarla come un rifiuto elettronico e trattarla di conseguenza consegnandola presso le apposite oasi ecologiche di smaltimento rifiuti speciali.

Osram Superstar Classic B, una bella luce intensa

Ultimo aggiornamento 2018-11-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Queste Osram producono una bella luce intensa, realizzate dalla casa produttrice tedesca, diffondono una luce di tonalità bianco calda, brillante e molto chiara.

Per chi ama vedere il colore degli oggetti illuminati senza distorsioni o strani filtri, la superstar è una lampadina che non stanca mai la vista.

La produzione di calore della lampada è pressoché nulla, così come il consumo di energia.

In mano appare molto robusta e resistente agli urti, l’ideale sostituto delle tradizionali lampade a filamento.

La durata promessa è di almeno 25 mila ore.

L’accensione è come al solito istantanea e compatibile con molti dimmer disponibile al momento sul mercato, per regolarne l’intensità luminosa a proprio piacimento.
Il valore massimo è di ben 470 lumen, sarà come illuminare a giorno la propria casa.
La potenza nominale è di 6 W, comparata con una lampadina tradizionale si parlerebbe quindi di circa 40 W, fate un po’ voi i calcoli su quanto andreste quindi a risparmiare sostituendo la vostra lampadina normale con una Osram Superstar Classic B.

La classe energetica è A+.

I cicli di accensione e spegnimento che può sopportare si assestano intorno ai 100 mila.
Il CRI cerca di essere superiore agli 80, come la maggior parte delle lampadine a LED di ultimissima generazione, garantendo quindi un’ottima stabilità cromatica su tutta la gamma di colori.

Consigliata a chi si sta per affacciare per la prima volta al mondo delle lampadine LED.

Osram Retrofit Classic B

Ultimo aggiornamento 2018-11-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

La luce delle Retrofit è un bel bianco caldo. La lampadina è a forma vintage di candela, per ricordare i vecchi modelli di lampade, propone quindi una bella finitura smerigliata con effetto full glass dichiaratamente retrò ed old.
Ricorda per certi versi quelle vecchie lampade opache ad incandescenza.

La classe energetica di appartenenza è la A+. La potenza sulla scatola è 3 W, che come ben sappiamo vanno interpretati, infatti questi rappresentano soltanto la quantità di energia consumata e non l’effettiva potenza come per quanto riguardava le lampadine vecchie, infatti possiamo affermare con certezza che questi 3 W corrispondono come potenza ai vecchi 25 W.

Il flusso luminoso è di 250 lumen, mentre la temperatura proiettata è 2700 K, quindi assisteremo a una bella luce bianca calda a cromaticità costante, con una resa di colore 80. L’effetto ricercato è anche in questo caso ammiccante al mondo del vintage.

La vita della lampadina a pieno carico è di 15 mila ore totali con ben 100 mila cicli di accensione previsti.

L’attacco è quello normale E14, e la corrente necessaria per accenderla e farla funzionare sono i 230 V.

Philips Globo

Ultimo aggiornamento 2018-11-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Un ottima lampadina a globo, come potete ammirare nella foto.
Oramai si sa, con pochi watt a LED si possono sostituire i tantissimi watt delle vecchie lampadine a incandescenza. E infatti qui siamo quasi davanti ad un vero e proprio miracolo, i 15 watt di questa lampada corrispondo infatti a ben 100 W di una lampadina normale.
Con una sola lampada Philips Globo è possibile illuminare un’intera stanza di medie dimensioni, anche se c’è da considerare bene il fatto che la luce emessa è a colore 2700k, quindi probabilmente da preferire in condizioni di zona notte.
Infatti l’effetto creato da questo tipo di illuminazione è rilassante e tende a non stressare l’occhio, non molto consigliata invece per bagno e cucina.

La forma è quella tipica appunto a globo opaco, già famosa per molte lampade a incandescenza del passato, ma in questo caso ci troviamo davanti a un vero e proprio gioiellino, che può proiettare ben 1500 lumen di luce, mantenendo il consueto consumo ridotto tipico del mondo LED.

La classe energetica di appartenenza è la A+, e il fascio luminoso apre a ben 250 gradi con un indice di resa cromatica di 80.

Tutte le carte in regola quindi per essere promossa a pieni voti.

Le dimensioni in questo caso sono rilevanti e da segnalare, perché potrebbe essere un dispositivo non adatto a tutte le soluzioni, l’altezza è di 15 cm mentre la larghezza di una decida di cm. Il peso è anche consistente, infatti ci aggiriamo sui 245 grammi.
La lampada è particolarmente adatta per illuminare ambienti grandi.

Il prodotto durerà fino a 15 anni, ovvero 15 mila ore intensive di uso, nel caso prevedessimo un utilizzo quotidiano sulle 3 ore.
Supporta come sempre circa 50 mila cicli di accensione e spegnimento.
L’attacco in questo caso è un E37 e i volt utilizzati per farla funzionare sono 220-240.

Consigliata per chi si trovi a dover illuminare spazi grandi, preferibilmente stanze da letto.

Samsung SI-I8W121140EU

Ultimo aggiornamento 2018-11-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Una lampadina sud coreana ben costruita di alta qualità manifatturiera, anche la scatola in cui è venduta è molto bella e la luce prodotta è estremamente intensa, però non da fastidio.
L’angolo del cono di luce forse è un po’ limitato, ho provato una volta infatti ad utilizzare una di queste lampadine in un lampadario rivolto verso il basso e devo essere sincero l’effetto finale non era molto piacevole, il soffitto è molto scuro infatti e ha dato la resa di una specie di faretto.

La temperatura è di colore 2.700 K come la maggior parte delle lampadine di questa tipologia, l’accensione è istantanea e subitanea, senza alcuno sfarfallio o rumore di sorta.

La potenza luminosa è di ben 490 lumen, l’indice di resa cromatica si aggira sugli 80, ma l’angolo è di soli 140 gradi, che per alcune applicazioni come appunto il mio lampadario può forse risultare leggermente limitante.

La classe anche in questo caso è A+, quindi ci troviamo di fronte un prodotto che ci potrà far risparmiare parecchi soldini sulla bolletta, il consumo infatti si aggira sui 6,5 watt, che corrispondono a una lampadina a incandescenza di ben 40W.
La durata del LED è di 15 mila ore, come sempre, da quel momento in poi l’intensità luminosa scende a circa 70% del massimo potenziale e può sostenere ben 200 cicli.

L’attacco è E27 e la tensione di lavoro è 220-240 v.

AmazonBasics – Lampadina LED E27, grande rapporto qualità prezzo

Ultimo aggiornamento 2018-11-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Amazon non poteva mancare nell’offerta di lampadine LED, fornendo sempre ottimi affari per quanto riguarda questi piccoli accessori elettronici di utilizzo quotidiano.

Le lampadine LED AmazonBasics appartengono alla classe energetica A+, le prestazioni quindi sono elevatissime e il prezzo è bassissimo.
Senza contare poi l’eventuale risparmio in bolletta.

La potenza nominale è di 14 Watt, che come ben sappiamo va moltiplicato per circa 10 volte, infatti i watt effettivi saranno ben 100.
Il risparmio è quindi verificabile immediatamente, non c’è bisogno di essere maghi della matematica per capire quanto si può risparmiare riempiendo la casa di lampadine del genere in alternativa a quelle tradizionali.

La longevità è di 15 mila ore, ovvero circa 15 anni a 3 ore al giorno di regime, un po’ meno se si intende tenerle accese spesso, ma siamo comunque al cospetto di un’aspettativa di vita davvero elevata, insomma basterà fare una volta l’acquisto e poi non pensarci più. Le sostituiranno i nostri nipoti.

La luce bianca è ideale per illuminare ambienti normalmente abitati come il soggiorno o la cucina. Anche il design è molto elegante.

L’unico aspetto notevole in questo sono le dimensioni, infatti queste lampadine Amazon sono leggermente più grandi delle normali lampadine LED, se avete un lampadario dotato di poco spazio di installazione per la lampada tenete conto di questa cosa prima di procedere all’acquisto.

Lohas faretto LED dimmerabile

Ultimo aggiornamento 2018-11-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Il faretto LED non poteva mancare in questa rassegna di lampade.
Questo prodotto soprende sia per la qualità di fattura sia per la luce molto potente emessa.
Un faretto consigliato sicuramente a chi non desidera spendere cifre esorbitanti eppure è in cerca di una illuminazione controllata di qualità.

La potenza emessa è di 50 Watt con un consumo misero di soli 6 Watt, quindi anche in questo caso il risparmio sarà rilevante e immediato.

Il calore sprigionato è bassissimo, perché tutta l’energia catturata viene direttamente tradotta in luminosità, l’assenza di sfarfallio e l’irradiazione di una luce omogenea unita ad una buona resa cromatica degli oggetti illuminati.

Di sicuro un faretto perfetto per tutti gli ambienti della casa, dimmerabile con facilità, quindi sarà possibile dosarne l’intensità luminosa all’occorrenza, l’illuminazione raggiunge immediatamente il 100% delle sue possibilità, senza dover aspettare inutili secondi di prologo.

I Pro delle lampadine LED

Sarebbe facile urlare al miracolo e annunciare l’avvento della nuova tecnologia innovativa senza capirne e spiegarne dettagliatamente le ragioni del successo.

E’ sul serio conveniente acquistare lampade LED al giorno d’oggi?

Cerchiamo assieme la risposta.

Il motivo principale per cui i LED hanno avuto così tanto successo è che, a fronte di un investimento iniziale un po’ più alto, il risparmio finale sulla bolletta è notevole e innegabile.
Per ogni solo watt le lampadine led offrono infatti ben 120 lumen (l’unità di misura che definisce la luminosità di un oggetto, parametro fondamentale per capire empiricamente quanta luce effettivamente produce una lampadina).

Pensate che le lampadine classiche che abbiamo in casa, a fronte di un watt, riescono ad emettere malapena 13 lumen in media, una differenza abissale.

Quindi quanto è il risparmio? Facile fare un calcolo: ben dieci volte rispetto alle normali lampadini.

I dati ovviamente non sono applicabili a tutti i modelli e situazioni, c’è sempre da tenere in conto una moltitudine di fattori, però la cosa fondamentale da imparare è che quando si va ad analizzare una lampadina al giorno d’oggi non conta tanto considerarne i watt, quanto piuttosto i suoi lumen prodotti rapportati al wattaggio.

Un altro vantaggio delle LED sulle tradizionali è la loro longevità:

La vita media di una lampadina a filamento è pari a 1.000/1.400 ore
Quella di una lampada a scarica è di 4.000 ore
Quella di una lampada fluorescente è di 6.000 ore
Invece quella di una lampadina a LED è di 50.000 ore

Il punto finale che sancisce la superiorità delle LED è la loro minore impronta ecologica, dato che queste vengono spesso costruite con materiali completamente innocui per l’ambiente e inoltre non producono calore, a differenza delle lampadine tradizionali altamente inquinanti e riscaldanti.

Come si acquista una lampadina LED?

Ci sono quattro fattori base da considerare quando ci si prepara all’acquisto di una lampadina LED, e questi sono senza dubbio: efficienza energetica, longevità, intensità luminosa e resa cromatica.

Il risparmio energetico è senza dubbio il fiore all’occhiello delle lampadine LED.

L’efficienza energetica può essere verificata controllando sulla confezione la classe energetica indicata. Attualmente si usa una classificazione che va da A++ a C, ma bisogna sempre tenere bene d’occhio l’etichetta. Se è ancora in uso il vecchio sistema di definizione per questo determinato modello le lettere potranno essere comprese tra A e G.
Le lampadine LED appartengono normalmente alle classi A+, A++ o A+++, il che le promuove a pieni voti tra i dispositivi con maggiore efficienza energetica.

Un altro fattore da considerare è che la durata della vita di una lampadina LED dipende strettamente dai fattori di uso e stress a cui è sottoposta, bisogna calcolare accuratamente i cicli di accensione e spegnimento.
Non c’è nessun dubbio che questo genere di lampade duri molto di più rispetto a quelle tradizionali. La durata viene definita attraverso il numero medio di ore di accensione prima delle quali la lampadina comincerà a cedere di intensità e ad emettere quindi meno lumen.

Le lampadine LED non si bruciano mai, diventano meno potenti, quando è giunto il momento di sostituirle te ne accorgerai, anche se volendo potrai comunque continuare ad utilizzarle senza alcun problema o rischio.

La longevità delle lampadine LED varia tra le 25.000 e le 50.000 ore, nel momento in cui si noterà un calo ci circa la metà della potenza di lumen da questi emessa, ecco questo sarà il momento perfetto per sostituirla.

Come abbiamo già detto sopra, le lampadine LED paragonate con quelle normali emettono molta più luce a parità di watt, è questo il punto focale che permette a questo tipo di lampadine di essere molto più performanti e durevoli, facendo risparmiare un bel po’ di denaro sulla bolletta.
La luce come dicevamo si esprime in lumen e non in watt.

Per poter effettuare una scelta totalmente consapevole e ottimale non si può assolutamente dimenticare la resa cromatica. Non tutte le lampadine infatti producono luce dello stesso colore. Una buona lampadina riflette gli oggetti con la loro luce naturale quando vengono illuminati.
La resa cromatica si misura per CRI, il valore 100 è quello dell’illuminazione naturale solare.
Le lampadine LED girano intorno ai 70 o 80 CRI, i nuovissimi modelli vengono prodotti anche a 90 CRI.

Altro fattore finale da poter considerare è immaginare se sarà più utile un tipo di illuminazione direzionale o meno all’interno della propria abitazione.
La lampadina LED più indicata è generalmente quella lì non direzionale, dato che permette un tipo di illuminazione più estesa e piacevole rispetto a quella lì direzionale data dai cosiddetti faretti.

I faretti emettono il 75% della propria luce ad un angolo di 120 gradi, vengono di norma utilizzati in case dove è necessario un tipo di illuminazione più controllata, pensiamo ad esempio nella cucina, sul piano cottura o su di un tavolo particolare, dove si vuole ottenere un effetto suggestivo.
O ad esempio sono utili in uno studio, o per ottenere un effetto decorativo tipo museo, evidenziando un particolare pezzo dell’arredamento. Non c’è limite alla creatività.
I faretti LED possono essere installati o direttamente su parete, o come spesso avviene ad incasso all’interno di un sistema di controsoffittatura.

In conclusione

L’illuminazione è sicuramente un aspetto importantissimo per garantire la vivibilità di una casa e dei suoi ambienti. A volte dimentichiamo questo fattore fondamentale che può portarci a vivere sicuramente più felici se siamo disposti a prestarci un minimo d’attenzione.

A volte mi capita di visitare case di amici dotati di illuminazioni approssimative e ad occhio anche molto dispendiose, con un po’ di pazienza potrebbero essere ottimizzate e anche il risparmio annuale sarebbe rilevante.

Non vedo quindi perché non perdere un po’ di tempo per studiare approfonditamente lo studio ideale della casa in cui si trascorre la maggior parte del tempo, di modo da garantirsi una più elevata qualità della vita.

Spero che questa guida vi sia stata come sempre d’aiuto e vi invito a visitare anche le altre pagine del nostro sito.

Dario di Pro e Contro

ProContro.com partecipa al programma associati di Amazon Services LLC, e riceve una commissione sugli acquisti effettuati tramite i nostri links.