9 Migliori Piastre Onde? 2019 (Esperienza Recensioni)

” Sei bellissima oggi, sei andata dal parrucchiere? “
Il mio fidanzato, che non si accorge mai dei cambiamenti del mio look

Ciao,
sono Antonella.

Un’imbranata totale.

Ma allo stesso tempo attentissima al mio look e ai cambiamenti della moda.

Vuoi rendere i tuoi capelli una potentissima macchina di seduzione?

Seguimi.

Il segreto è nella piastra wavy a onde. Se persino il mio distrattissimo ragazzo si accorge della differenza tutte le volte che la uso… ci sarà un motivo.

Ti insegnerò a realizzare la famosa acconciatura alla Belen, e a far diventare i tuoi capelli mossi, ondeggiati beach waves, bellissimi, seducenti e invidiabili.

Se sono riuscita io ad ottenere ottimi risultati da sola a casa, possono riuscirci tutte, te lo assicuro. Ecco la piastra a onde che preferisco e uso tutti i giorni.

Infatti la manualità non è il mio forte, faccio spesso disastri, ma la tecnologia è arrivata ad un livello tale per cui non è difficile al giorno d’oggi ottenere ottimi risultati senza il rischio di rovinare la propria chioma.

In più c’è sempre la mia amica hair stylist Giorgia ad aiutarmi e consigliarmi.

Ho sfruttato le conoscenze di entrambe per scrivere questa guida.

Da una parte c’è l’esperta di capelli con la sua professionalità e saggezza, dall’altra parte un’imbranata cronica (io 🙂 ) che ama essere sempre in ordine e avere un profilo instagram impeccabile.

Che i tuoi capelli siano corti o lunghi, o che tu desideri onde strette oppure larghe, medie o piccole, o una capigliatura afro, la piastra onde può essere effettivamente la soluzione definitiva per renderti felice.

CLICCA QUI PER SCENDERE GIU’ ALLA GUIDA ALLA MIGLIORE PIASTRA A ONDE SECONDO ANTONELLA

MENU
Guida Per Fare le Onde alla Belen
Tutorial su come usare la piastra onde
La Piastra Onde rovina i capelli?

Qualunque sia il tipo di onda che vuoi ottenere, morbida, stretta, ben definita o naturale come se ti fossi addormentata al sole di un tiepido tardo-pomeriggio estivo dopo un bel bagno risvegliandoti con una bellissima chioma splendente.

La piastra wavy è quello che fa per te.

Esiste anche la piastra triferro, comoda per realizzare con l’ausilio di tre ferri le onde per mezzo di un unico velocissimo passaggio.

Niente male.

E’ chiaro che ci troviamo sempre ad avere a che fare con la salute della propria chioma quindi è bene mettere in atto determinati accorgimenti per evitare disastri.

Ma con un po’ di attenzione e di amore non si corre alcun rischio, te lo assicuro.

Non bisogna mai esagerare col calore, perché si sa, i capelli sono molto sensibili a forti variazioni di temperatura, e gradi molto sostenuti possono danneggiarli irrimediabilmente.

E’ buona norma mantenersi tra i 180 e i 190 gradi se i propri capelli sono sottili, per capelli invece più spessi ci si può spingere fino a 210 gradi.

Negli ultimi anni si sono compiuti veri e propri passi da giganti nella tecnologia per “stampare col calore” onde sui nostri capelli, e si è passati all’utilizzo di materiali molto avanzati che senza ombra di dubbio sono più delicati ed efficaci di quelli che si usavano un paio di decenni fa. Si sfrutta ad esempio il rivestimento in ceramica oppure infusioni di olio argan per migliorare la lucidità del capello.



La Piastra Onde di Belen

Lo stile dei capelli di Belen ha senza ombra di dubbio catturato l’attenzione di tutti e di tutte, quelle onde così sinuose ed eleganti sono uno dei segreti che rendono la diva argentina ancora più bella e seducente.

Di sicuro ti sarai chiesta come si fa a ottenere uno stile wavy simile, anche io me lo ero domandata, e come al solito sono andata dalla mia amica Giorgia, parrucchiera di rinomata fama a Parma, per chiedere consiglio.

Ecco che cosa mi ha spiegato:

Fondamentalmente per ottenere i capelli in stile beach waves o beach wavy che dir si voglia è necessario disporre di una piastra a onde larghe.

L’effetto finale a cui punteremo è quello lì che si ottiene naturalmente lasciando i capelli asciugare sotto il sole dopo un lungo bagno al mare in una giornata di caldo torrido, hai presente?

Bene, quello è uno dei modi, ma se non sei in estate oppure se vai di fretta e desideri un effetto più controllato, mettiti comoda ed ascoltami bene.

La piastra a onde larghe è una accessorio fondamentale nell’arsenale di chiunque prenda sul serio la raffinata arte dell’acconciatura dei propri capelli.

Come funziona la piastra onde larghe? La piastra onde larghe, è uno strumento che come dice il nome stesso, serve a creare delle bellissime, lunghe e larghe onde sui capelli in perfetto stile wavy.

Per cui se ti piacciono le onde di Belen e se ti stai chiedendo come si fanno, la risposta è questa: con le piastre triferro chiamate anche piastre a onde larghe.



Guida Per Fare le Onde alla Belen

Fase Lavaggio Capelli

Per conferire una direzione di stile ai nostri capelli è fondamentale tenere conto della nostra intenzione già a partire dal lavaggio.

Questa fase infatti è importantissima per cominciare a modellare da subito i nostri capelli già umidi attraverso una spuma modellante.

Consiglio di asciugarli a testa in giù con il phon a temperatura media rimuovendogli il classico beccuccio davanti, di modo da avere già così un bel po’ di volume di base su cui poi andare a lavorare per mezzo della nostra piastra.

Fase Post-Asciugatura

Una volta asciugati per bene i capelli è bene procedere con molta attenzione.

Bisogna a questo punto dividere i nostri capelli in sezioni diagonali larghe circa 5 cm e spesse 3 o 4 cm.

Far riscaldare la nostra piastra triferro, e quindi procedere ciocca per ciocca con molta calma a partire da metà della nostra testa a stampare le onde sui nostri capelli.

E’ un procedimento semplice, però bisogna eseguirlo con attenzione e grazia.

Si posiziona la ciocca all’interno della piastra, spingere delicatamente e aspettare qualche secondo che l’onda si impressioni su quella parte di chioma.

Fase Finale – Effetto Naturale

Nella fase finale sarà necessario allargare le onde per dare l’effetto naturale che renderà la nostra acconciatura fantastica.

C’è bisogno di prendere il phon di nuovo, settarlo questa volta in modalità freddo (ancora senza beccuccio) e ripassarlo sulla nostra testa.

Questo procedimento è più facile a farsi che a darsi, te lo assicuro, oramai sono diventata esperta, e per una come me non è facile, dato che sono un’imbranata cronica.



La piastra a onde larghe può rovinare i capelli?

La mia amica Luisa ha pianto un’intera settimana, mi chiamava ogni notte disperata perché i suoi capelli erano diventati malaticci e sfibrati.

Sapete che pasticciaccio aveva combinato?

Aveva utilizzato una piastra a onde cinese.

Care amiche, chiariamo innanzitutto una cosa, nella mia vita anche io ho fatto errori, come tutte, e come chiunque ho cercato mille maniere per risparmiare.

Ma non c’è niente da fare.

I prodotti europei e americani hanno una marcia in più, anche se bisogna fare un piccolo investimento iniziale.

Non fraintendetemi.

Non c’è niente di male a comprare una molletta per capelli in plastica da battaglia dal cinese sotto casa.

Ma quando si tratta di prodotti che possono seriamente intaccare la nostra salute e la nostra bellezza io non ci sto.

A questo gioco al massacro non ci sto.

Voglio solo il meglio per i miei capelli, ecco quindi che vi invito a utilizzare le marche consigliate nella mia guida, e vi assicuro che non avrete nessun problema, la mia amica hair stylist forte della sua esperienza mi ha spiegato che con i passi da gigante che ha fatto la tecnologia al giorno d’oggi è molto facile portarsi a casca un prodotto professionale o semi-professionale da poter usare tutti i giorni in piena tranquillità, senza doversi preoccupare della salute della propria chioma.

E’ sempre vene comunque scegliere materiali come la tomalina o la ceramica che sono dolci sui capelli, e non utilizzare temperature troppo elevate e per troppo tempo.

Insomma: basta il buon senso!



Come fare le beach waves?

Ecco un video che mostra come realizzare le beach waves.



Come funzionano le piastre onde?

Le piastre per capelli di qualsiasi tipo funzionano tutte fondamentalmente attraverso l’utilizzo del calore.

Viene usata una fonte di calore sprigionata da un determinato tipo di materiale, a seconda dell’effetto che si vuole ottenere, che va a modellare il capello e a renderlo della forma più confacente ai nostri gusti e capricci del momento.

La piastra a onde non è limitata alle onde stile Belen Rodriguez, assolutamente no, infatti è ottima per ottenere qualunque tipo di onda e movimento dei capelli.

Ci sono ad esempio le onde stile afro, naturali, morbide oppure strette, non c’è limite alla propria fantasia quando si tratta di hair styling. La bellezza di vivere in questi mondi moderni è che si può agire sulla propria immagine estetica velocemente e a casa propria senza l’ausilio di professionisti.

Ecco quindi come usare la piastra onde – Tutorial

Consiglio sempre il prelavaggio con shampoo a secco e lo spray all’acqua marina. Questi sono due efficacissimi alleati da affiancare alla piastra onde se si desiderano avere dei capelli voluminosi e sani tutto il tempo.

Per prima cosa è necessario asciugare bene i capelli dalle radici fino alle punte, consiglio comunque di utilizzare un apposito spray termoprotettore per evitare di danneggiare i capelli durante il processo.
Questi apparecchi infatti sono pensati sì per essere utilizzati anche da mani poco esperte senza combinare danni, ma non c’è mai limite alla prudenza quando si ha a che fare con la propria preziosa chioma.

Quindi si può procedere a pettinare per bene con un pettine a denti larghi.

Lascia quindi asciugare.

A questo punto si potrà mettere in funzione la piastra per fare i capelli ondulati, e attendere i pochi istanti necessari affinché questa giunga alla sua temperatura di lavoro.

Importante a questo punto dividere i capelli in diverse sezioni e magari mantenerli ben fermi in alto per mezzo della solita pinza per capelli, oggetto sempre fidato e utilissimo che come al solito anche in questo caso ci verrà in soccorso.

A questo punto potrai regolare il livello da te desiderato per cominciare a modellare i capelli.

Si toglie quindi dalla pinza una parte di capelli e la si afferra alla radice, e vi si pone sopra la piastra onde.

Si sposterà quindi con molta cura e grazia la piastra lungo tutta la superficie del capello, per effettuare un lavoro di modellazione preciso e duraturo nel tempo.

Ripetere quindi questa operazione su tutti i capelli.

E’ giunto il momento di farli raffreddare, un consiglio che ti do cara amica è in questa fase di utilizzare le tue dita per restituire alle ciocche un aspetto naturale, per rendere quell’effetto reale che tanto ci piace.

A questo punto a propria discrezione sarà possibile utilizzare un prodotto per donare lucentezza ai capelli ed enfatizzare la forma delle nostre onde.



Materiali della piastra onde

Data la natura piuttosto semplice alla base della piastra per modellare i capelli a onde, i produttori si sono da sempre potuti sbizzarrire per trovare l’elemento perfetto, il materiale adatto a riscaldarsi in modo uniforme e salutare per la chioma.

Nonostante gli sforzi fatti dalle migliori marche del settore non si è giunti comunque ad un materiale univoco che possa andare bene per tutte le esigenze e tutti i tipi di capello.

Ma andiamo ad esaminare per bene i diversi tipi di piastra.

Le piastre in titanio, per capelli ricci e spessi

Le piastre realizzate in titanio sono quelle che tendono a scaldarsi più velocemente, capaci di indurre temperature molto alte in maniera però uniforme.
Non sono molto economiche, ma sono efficacissime, consigliate a chi ha una chioma riccia e molto spessa.
Ottime.

Le piastre in ceramica, buone per tutti

Le piastre in ceramica sono il miglior sunto di qualità prezzo e possono essere adoperate comodamente su ogni tipo di capelli.

Le piastre di tormalina, ottime per capelli danneggiati

Le piastre in tormalina vengono spesso appellate anche piastre ioniche, capaci ovvero di produrre ioni negativi, una innovativa tecnologia utilizzata anche in molti asciugacapelli moderni, sono ottime per risanare i capelli danneggiati.

Le piastre cinesi

ecco le piastre da evitare, costruite solitamente in materiali plastici scadenti con un minuscolo rivestimento in titanio o ceramica. Sono quelle che hanno danneggiato i capelli della mia amica… Serve aggiungere altro???



Piastra triferro o normale?

Molte mi chiedono quale è la differenza sostanziale tra la piastra triferro e quella normale.
La triferro è dotata di tre tubicini capaci di modellare le ciocche con un semplice e diretto passaggio.
E’ la più facile di utilizzare e si adatta ad ogni tipo di capelli.
Dato che non obbliga a ripetuti passaggi, ma basta una sola volta per ottenere un risultato soddisfacente, ottima quindi per chi va di fretta.



Come scegliere una piastra onde professionale?

La piastra onde è senza ombra di dubbio un oggetto che negli ultimi tempi sta riscuotendo un grandissimo successo.

Però a volte non è facile optare nell’acquisto per un modello piuttosto che per un altro, e bisogna tenere conto delle dimensioni della stessa quando si acquista.

Non è facile scegliere se si sta valutando l’acquisto di un modello professionale, ovvero se si desidera il massimo della qualità senza scendere a compromessi.

Che voi abbiate capelli corti o lunghi, o desideriate onde strette oppure larghe, medie o piccole, non c’è dubbio che tenga, uno dei fattori fondamentali è la dimensione della piastra, oltre considerare il materiale di cui è composta.

In generale più è larga la pinza per prendere i capelli più questo è sinonimo di qualità e professionalità, in quanto sarà di sicuro più veloce e semplice trattare i capelli a ciocche più larghe e quindi accelerare il trattamento, senza ovviamente scendere a compromessi con la qualità.

La piastra a pinza larga va preferita soprattutto per chi ha capelli molto lunghi, preferibilmente va scelta tra i 32 e i 38mm.

Chi ha invece i capelli sottili deve prediligere le piastre più piccole, dato che producono meno calore e sono più gentili sui capelli, il diametro della pinza da preferire in questo caso è di 9-13mm.

La grandezza della pinza condiziona anche lo stile di acconciatura che si andrà a realizzare, mi sembra inutile sottolineare che una piastra di dimensioni ridotte sarà perfetta per onde molto strette e boccoli, mentre quelle grandi sono più indicate per acconciature vaporose.

Ma per quanto riguarda i ricci, vi rimando al mio altro articolo sull’arricciacapelli.

In questa sede ci stiamo occupando della piastra a onde, quindi se sei interessata ad ottenere boccoli piccoli meglio fare riferimento direttamente all’altro articolo.

Le piastre per capelli mossi non sono tutte uguali, anzi, ce ne sono alcune che hanno un design che permette la realizzazione di un effetto lisciante leggermente diverso, di sicuro un ottima arma nel proprio arsenale seduttivo.

Le piastra piatte con i bordi dritti servono ad ottenere effetti liscianti degne di un salone di bellezza.



Consigli di sicurezza

Per non correre mai nessun rischio consiglio di evitare di superare i 200 gradi di temperatura di lavoro, è sempre meglio tenersi sotto i 150 gradi per preservare la salute dei propri capelli, e se proprio ci si può spingere per pochi secondi a 180.

Fate sempre attenzione alla piastre cinesi che indicano spesso temperature sbagliate e possono inficiare irrimediabilmente la salute dei vostri capelli.

I capelli non vanno ovviamente maltrattati, sono una importantissima parte del nostro corpo e non si deve mai dimenticare che sono delicatissimi.

Quindi meglio non indugiare troppo tempo su una ciocca, ma muovere spesso la piastra in modo da indurre uniformemente il calore.

E’ bene piegare le ciocche assecondando la forma naturale del nostro capello.

Arricciare i capelli non è facile come stirarli, infatti la comune piastra per capelli è estremamente facile da utilizzare e anche le adolescenti riescono in poche ore a venire a capo dell’impresa di stirare da sole i propri capelli a casa.

Invece ondulare i capelli è più difficile e richiede più attenzione e delicatezza.

Un fattore fondamentale è ricordare di arricciare i capelli lontano dal proprio viso, ovvero tenere la piastra nella mano dominante (la sinistra per le mancine) e arricciare i capelli sul lato opposto della testa.
Importante tenere la piastra per capelli direttamente sul proprio capo in posizione verticale e avvolgere le ciocche lontano dal proprio viso.

Se la temperatura utilizzata è alta basta trattare i capelli per un 5-10 secondi alla volta, per evitare che si brucino.

Importante trattare prima la parte posteriore della testa e poi passare all’altra parte. Con il ripetuto utilizzo della piastra si diventa brave, all’inizio può sembrare difficile e addirittura innaturale, ma vi assicuro che è un’operazione che una volta imparata non si dimentica più, proprio come andare in bicicletta.

E’ bene poi evitare di lasciare raffreddare le proprie onde prima di pettinarle, altrimenti si corre il rischio di farle ammorbidire troppo.

E’ bene poi evitare di arricciare le estremità, ma lasciarle sempre un po’ lisce. Ignorando le punte si ottiene un effetto meno artificiale, più alla moda e fresh.

Nel caso poi che i capelli si siano arricciati troppo, ovvero che siano fuggiti al vostro controllo, è bene utilizzare in questo caso una piastra tradizionale lisciante.



Migliore piastra onda wavy recensioni e prezzi

BaByliss BAB2269TTE triferro, la piastra che utilizzo e che amo

Ultimo aggiornamento 2019-04-18 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Io amo perdutamente questa piastra, prima utilizzavo una più economica, poi ho fatto il salto nel vuoto e ho speso un po’ di euro in più per questa, e non tornerò di sicuro mai più indietro.

E’ una piastra non eccessivamente grande che permette di trattare l’intera ciocca di capelli in modo preciso e stylish. Perfetto per chi è alla ricerca di un effetto non troppo fitto, per quello meglio ripiegare su un arricciacapelli

link arricciacapelli

Perché mi piace così tanto?

Innanzitutto perché si scalda molto rapidamente e può raggiungere anche temperature molto alte (che ricordo sempre da utilizzare con estrema cautela e solo per pochi secondi).

Poi perché regala delle onde molto precise e sexy, che danno una vera e propria marcia in più al mio look.

Anche il mio distrattissimo fidanzato come dicevo prima si accorge della differenza ogni qual volta che la uso…

All’interno della confezione troviamo una custodia e degli appositi guanti per non rovinare le nostre mani durante l’utilizzo di questa BaByliss BAB2269TTE.

In mano è pesante il giusto, si sente di stare maneggiando insomma un oggetto di tutto rispetto, sapete non amo gli attrezzi troppo leggeri, si ha l’impressione a volte di essere alle prese con dei veri e propri giocattoli, invece io preferisco sentire la “massa” di un tool.

Per qualcuna il peso della BaByliss può risultare un aspetto negativo, ma io non sono di questa opinione, ho delle braccia ben allenate dato che faccio pallavolo.

L’apertura per infilare i capelli è un po’ troppo stretta forse, è bisogna fare attenzione quando vi si poggiano le ciocche.

La BaByliss è di sicuro uno strumento imprescindibile per avere delle beach waves con quel famoso effetto naturale alla Belen tanto ricercate in questo momento.

C’è una comoda rotellina per regolare agevolmente la temperatura, forse la posizione di questa poteva essere meglio congegnata, ma non si può volere tutto dalla vita…

E’ bene come al solito utilizzare prima dell’impiego della piastra un olio protettivo per i propri capelli in modo da non correre alcun tipo di rischi.

Se poi a questo si aggiunge un filino di lacca dopo il trattamento a caldo, il risultato potrà reggere anche per più di tre giorni.

E’ bene ovviamente evitare un uso quotidiano della piastra perché può risultare fortemente stressante sui capelli, tutto sommato comunque è un prodotto con un’ottima qualità prezzo, indicato per chi vuole il massimo dai propri capelli.

La forma delle onde è pressoché perfetta.

La temperatura è settabile dai 120 ai 200 gradi.

Lavora sfruttando la forza di ben tre cilindri.

L’impugnatura è rivestita di velluto, di sicuro un tocco di classe per chi ci tiene al lato estetico degli oggetti che utilizza ogni giorno, per sentirsi sempre una principessa.

Ha anche una modalità cool.

Il cavo misura 2,7 metri, una dimensione a mio parere perfetta perché è un ibrido tra quei cavi molto lunghi che non sai dove mettere e quelli invece troppo corti che non permettono di distanziarti troppo dalla presa elettrica, rendendo l’utilizzo un incubo.

Molto semplice da usare, non delude nemmeno dopo ripetuti utilizzi, anzi col tempo ci si prende la mano ed occorre sempre meno fatica per realizzare una messa in piega grandiosa che le amiche puntualmente invidieranno.

Pro

Bellissime onde
Temperatura molto personalizzabile
Cavo di alimentazione lungo il giusto

Contro

Alcune la potrebbero trovare pesante, per me il peso è perfetto


BaByliss C260E, piastre economica per onde alla Belen

Ultimo aggiornamento 2019-04-18 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Ecco una piastra che si distingue immediatamente rispetto alle altre presenti sul mercato.
Le onde realizzate con la BaByliss C260E tendono a essere leggermente più strette del normale.

Molto facile da utilizzare da sole e le onde restano anche per giorni, non c’è bisogno quindi di riaffrontare la procedura ogni mattina prima di uscire.

Di sicuro una bella comodità.

Realizza delle onde morbide molto naturali, l’utilizzo è estremamente semplice e diretto, infatti basta poggiare i capelli tra i cilindri di ceramica e questi provvederanno ad agire col calore sui tuoi capelli generando un convincente effetto onda. Ti sembrerà di avere passato una giornata al mare e di averli lasciati asciugare sotto il sole, un’acconciatura quindi completamente naturale e da invidiare.

Sarà necessario dividere i capelli in quattro parti e poi delicatamente procedere a passare la piastra fino ad arrivare alla radice del cuoio capelluto.
Anche chi è alle prime armi può ottenere ottimi risultati con questa BaByliss C260E.

Il rivestimento è in ceramica, come avevo chiarito poco sopra nella mia guida questo materiale si presta ad ottenere buoni risultati senza però gravare sul costo di produzione del prodotto, il che significa che si può portare a casa una piastra per onde sexy ed efficaci senza dover sborsare troppo.

Ma al tempo stesso senza dover rinunciare alla qualità.

La piastra ha due cilindri che permettono la diffusione del calore in maniera uniforme. Ha tre settaggi adatti alle esigenze basilari, ovvero 160-180-200 gradi, buone sia per capelli fini che più grossi.

Nel caso ci si dimentichi la piastra accesa si possono dormire sogni tranquilli perché questa provvederà da sola a spegnersi tramite il meccanismo interno di spegnimento automatico, di sicuro una funzione da non sottovalutare per chi, come me, è molto sbadata e tende a mettere continuamente a repentaglio la propria vita e quella dei propri cari.

Il cavo rotante è lungo quasi tre metri, che permette un utilizzo senza l’ausilio di prolunghe, in qualunque situazione e contesto casalingo.
Di sicuro un aspetto da non sottovalutare, perché ci sono modelli di altre marche con cavi corti che risultano a volte molto difficili da usare senza stare lì continuamente ad ingarbugliarsi.

Le onde risultano molto ben definite anche utilizzando una media temperatura, questo evita ovviamente ai capelli di danneggiarsi. E’ bene comunque ricordare l’utilizzo di un olio per proteggere le punte, di sicuro un ottimo alleato se si desidera ottenere risultati sorprendenti, migliori di quelli che ci si potrebbero aspettare da un parrucchiere.

Come sempre è meglio evitare di tenere in posa troppo a lungo la piastra, questa è la raccomandazione utile sempre, ma è bene utilizzare il proprio buon senso ed accorgersi nel caso si cominci ad esempio a sentire fastidio o dolore nella propria chioma.

Il proprio corpo è sempre il miglior alleato in questi casi ed è fondamentale ascoltarlo, evitando di esporlo in situazioni pericolose di stress eccessivi.

Un aspetto fondamentale di questa piastra Babyliss è che l’effetto desiderato una volta creato durerà giorni, anche se si parte da una base di capelli molto lisci.
Ovviamente durerà finché non deciderai di lavarti i capelli.

Come tutti i prodotti di qualità se usato con buon senso e delicatezza non rovina mai i capelli su cui si posa, infatti a differenza di marche economiche cinesi e simili indica precisamente la temperatura di lavoro senza trarre in inganno.

Perfetta sia per chi ha capelli sottili e delicati che per coloro che hanno capelli spessi o che desiderano ottenere ondeggiature molto estreme e interessanti.

Una piastra economica di tutto rispetto, ma se cercate qualcosa di professionale puntate altrove.

Pro

Piastra in ceramica
Le onde durano giorni

Contro

Solo 3 livelli di temperatura tra cui scegliere, la rende una piastra non adatta a un utilizzo professionale


Imetec Bellissima 11619, la piastra leggendaria

Ultimo aggiornamento 2019-04-18 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Il marchio Bellissima della Imetec è di sicuro uno dei più conosciuti, forse addirittura il primo che balza alla mente quando si parla di piastre per capelli, e anche in questo caso non delude.

Infatti parliamo di una delle migliori piastre per capelli presenti in questo momento sul mercato, molto molto facile da usare e pronta a regalare risultati praticamente professionali.

La piastra Bellissima è capace di gestire anche grosse ciocche di capelli, permettendo così di realizzare un trattamento completo della testa in meno di quindici minuti. Praticamente un tempo record se consideriamo i modelli concorrenti.

E’ sempre bene avvalersi di un olio o spray protettivo sui capelli prima di passare ad operare e poi magari dopo la messa in piega, attendendo il tempo adeguato che i capelli si raffreddino, si può usare la lacca per garantire una maggiore tenuta nel tempo dell’ondulazione.

Se i vostri capelli sono molto fini, la tenuta non è lunghissima nel tempo, e sarà bisogno inevitabilmente di impostare una temperatura più elevata per un effetto più lungo.

Ci troviamo al cospetto di un marchio che ha fatto la storia, e per questo le prestazioni sono garantite, non c’è molto da discutere.

Il tipo di onda che si vorrà creare sarà semplicemente a nostra discrezione, l’Imetec Bellissima 11619 è infatti uno strumento capace di tutto, dalla grande versatilità, basterà cambiare settaggio e passare da uno stile all’altro come per magia.

Il rivestimento è in ceramica e i settaggi di temperatura vanno dai 160 ai 200 gradi.

Come ben sappiamo la ceramica permette una diffusione uniforme del calore su tutta la superficie del capello senza arrecarvi danni, un toccasana praticamente per la salute della nostra chioma.

La piastra Bellissima di Imetec è dotata di una comodissima piastra su cui essere riposta quando non viene utilizzata.

Il sistema di chiusura super intelligente garantisce inoltra la possibilità di mantenere sempre in piena efficienza la piastra anche se nel caso non venga utilizzata per lunghi periodi.

Bellissima è dotata di doppio ferro, movente a seconda dell’effetto che vorremmo donare ai nostri capelli, per mezzo di semplici pulsanti posizionati sui due lati.

Sarà possibile switchare come per incanto dall’effetto onde larghe per un effetto naturale a delle onde più strette, se si vuole tentare qualcosa di più azzardato e frizzante, perché no?

Bellissima di Imetec è senza dubbio una piastra che può vantare molte fan in giro per il mondo, e ci sarà un motivo se è tanto chiacchierata, trovo affascinante quando un prodotto del genere riesca negli anni a generare un vero e proprio seguito quasi religioso.

Non sorprende che questo gioiellino di casa Imetec sia riuscito nell’intento di ammaliare così tante donne, le onde che riesce a creare sono infatti impeccabili, e sembrerà di essere uscite da un salone di bellezza.

Anche la durata dell’effetto è notevole.

Pro

Efficace su tutti i tipi di capelli
Un marchio leggendario

Contro

Tende a scaldarsi


D90 – capelli ondulati per giorni senza lacca

Ultimo aggiornamento 2019-04-18 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

La D90 mi ha subito colpito per il suo colore e la sua facilità d’uso.

Un design del genere non si trova tutti i giorni in apparecchi per la cura dei propri capelli, come potete ben vedere dalla foto, è molto interessante e addirittura la mia amica Luisa si è subito innamorata di questa piastra proprio per il colore e l’ha acquistata subito on-line.

Si scalda molto velocemente e rende i capelli morbidi e molto lucidi in una sola passata, le onde appaiono naturali e molto ben definite, addirittura col passare delle ore tendono a uniformarsi e a divenire ancora più naturali.

Un prodotto che a dire la verità mi ha stupito e mi ha portato a dubitare per qualche momento della mia prima scelta. Vi basti sapere questo.

Le onde durano tranquillamente per giorni anche senza l’ausilio di altri prodotti, questo è di sicuro un punto di forza per una piastra a onde, dato che non tutti sono disposti a spendere ulteriore tempo della propria giornata per applicare lacche o oli.

E’ di sicuro la componente ionica che rende questa piastra speciale.

Non c’è bisogno di avere una grande manualità o perizia nel mondo dell’hair styling, ci troviamo infatti al cospetto di una piastra dalle performances eccezionali che non richiede di impegno per mostrare sin da subito il massimo risultato.

Perfetta quindi per chi è imbranata come me.

Io sono molto sincera, conosco i miei punti di forza così come i miei punti deboli e non mi vergogno a mostrarmi per quella che sono: un essere imperfetto e per questo umano e sincero.

Durevole nel tempo, minimale ed efficace, e il prezzo è ottimo.

Cosa desiderare di più?


Junma 5 Rami F-15

Ultimo aggiornamento 2019-04-18 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

La Junma produce una piastra interessante, innanzitutto come potete vedere nella foto i cilindri in gioco sono questa volta 5, l’aspetto è senza dubbio curioso, quasi vintage.

Io adoro questo tipo di oggetti, sembrano raccontare una storia così già da soli, nonostante siano effettivamente di fattura moderna, hanno quel non so ché di fascinoso che mi cattura e mi invoglia ad usarli.

I cilindri in questione sono rivestiti di ceramica, un materiale che coniuga convenienza ed efficacia.
Il calore quindi è molto omogeneo e permette di diffondersi lungo tutta la superficie dei capelli generando delle onde molto interessanti, nulla da invidiare a modelli più costosi quindi.

La speciale conformazione di questa piastra la rende decisamente interessante per coloro che sono in cerca di onde ben definite.

210 gradi è il limite massimo di temperatura erogabile.

Perfetta per chi ha capelli di media lunghezza, sul mercato onestamente ci sono opzioni migliori, ma se vi dovesse capitare tra le mani questo modello io gli darei decisamente una chance, è di quegli oggetti dotati di anima propria che può regalare grandi soddisfazioni, si capisce già dal momento in cui lo si prende in mano.

La realizzazione non è ottima, ma è ragionevole considerato il prezzo a cui è venduto.

Di sicuro una piastra che non lascerà molte perplessità.

Per chi non ha molte aspettative rispetto al mondo dell’hair styling.


SONAR F-11, colore fashion, minimale da viaggio

Ultimo aggiornamento 2019-04-16 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Ecco una piastra interessante a partire dal colore che sicuramente attira l’attenzione e non passa inosservato.

Se siete delle donne che amano apparire ed essere notate, questa può essere una piastra interessante da considerare.

Dotata di ben tre cilindri di tre centimetri di spessore, è senza ombra di dubbio un’alternativa valida ai nomi di sopra ben più conosciuti e famosi.

E’ una piastra che fa il suo lavoro, facile da utilizzare e non ruba troppo tempo quando si intende ottenere l’effetto beach waves desiderato sui propri capelli.

Il manico è antiscivolo, di sicuro una comodità per chi come me ha delle mani di gomma e tende facilmente a far cadere gli oggetti a terra creando dei veri e propri disastri.

E’ dotata di pochissimi pulsanti di funzionamento, fa del minimalismo il suo punto di forza.

Il cavo è girevole e permette quindi una perfetta mobilità, senza stare lì come al solito a ingarbugliarsi, cosa che succede con apparecchi simili economici di infima fattura.

Perfetta per essere portata in viaggio.

E’ costruita in ceramica ed è estremamente facile da utilizzare, non serve nient’altro che inserire le ciocche di capelli all’interno dell’insenatura, ovviamente una ciocca alla volta facendo ben attenzione a non utilizzare una temperatura troppo elevata.

E in un batter d’occhio si avranno delle onde molto interessanti.

E’ economica, il prezzo è onesto considerata la prestazione che fornisce, ovviamente se cercate maggiore affidabilità e un risultato superiore è meglio affidarsi a fasce superiori a questa, puntando sui marchi più conosciuti di cui ho scritto poco sopra.

Ma per coloro che non pretendono troppo dai propri oggetti e vogliono un qualcosa che “faccia il servizio” senza troppi fronzoli, questa della Sonar può essere senza dubbio una piastra da considerare.

Interessante per chi vuole un ondulato non troppo stretto.


Ondulatore capelli Inkit, ottimo rapporto qualità prezzo

Ultimo aggiornamento 2019-04-18 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Ecco una marca meno conosciuta ma che regala comunque grandi soddisfazioni, di certo un prodotto da considerare questo Inkit per chi desideri entrare nel mondo dei capelli a onde dal portone principale senza però spendere un occhio per la testa.

Efficace dal primo utilizzo, è dotata di un guanto molto utile per chi ci tiene alla salute delle proprie mani e non vuole correre il rischio di bruciarle durante l’utilizzo della piastra. Di sicuro un punto in più per questa piastra proveniente da un marchio minore ma che riserva parecchie sorprese, e ve le elencherò una ad una qui di seguito.

Ma non perdiamoci in chiacchiere.

Per chi ha i capelli lunghi è senza ombra di dubbio perfetta, crea delle onde molto naturali e sexy, di sicuro alla pari con modelli più blasonati, anzi vi assicuro che a volte non si riconosce sono effettivamente opera di questa piastra o di oggetti molto più costosi.

E’ bene comunque utilizzare un po’ di lacca fissante per permettere all’onda di mantenersi più a lungo. Di sicuro un passaggio fondamentale se si desidera ottenere un risultato che duri nel tempo senza essere costrette ogni giorno a ripassare la piastra.

Anche perché è bene ricordare ancora una volta che è meglio non sottoporre i propri capelli ad eccessivi stress con un uso indiscriminato e continuo della piastra a onde.

Un prodotto ottimo per chi ha capelli lunghi o medi, meno adatto per chi capelli corti. Le onde lasciano i capelli luminosi e morbidi.

Fate ben attenzione alla temperatura di utilizzo, a volte può essere necessario aumentarla per garantire un buon risultato, ma questo può anche rappresentare un rischio se ci si lascia un po’ prendere la mano e non si fa effettivamente attenzione…

Può erogare una temperatura massima di 230 gradi, di sicuro un ottimo traguardo per una piastra così economica di un marchio non blasonato.

Consigliata per le principianti e per chi vuole bagnarsi i piedi in questo mondo senza impegnare troppo il portafogli.



In conclusione

Il mondo delle piastre onde per capelli senza ombra di dubbio ha fatto in questi ultimi anni passi da gigante, il motivo è che sempre più donne (ma anche uomini) amano prendersi cura dei propri capelli ed imitare lo stile dei vip.

Non passa un momento nella nostra vita in cui non “corriamo il rischio” di essere fotografate, con le nostre amiche durante un esagitato party durante il weekend, oppure per strada, mentre stiamo andando a fare la spesa.

C’è sempre qualcuno con un cellulare in mano che sta fotografando magari il panorama dietro di noi, ignare di essere le inconsapevoli protagoniste di una foto ricordo che magari finirà su instagram…

Capite bene amiche che con un’esposizione visiva e una probabilità di essere immortalate anche senza la nostra volontà è necessario farsi sempre trovare in perfetto ordine, e per fare questo occorre esercizio e volontà quotidiane.

Non si può uscire di casa dopo essersi svegliate senza prima definire il proprio stile, per poter urlare al mondo ECCOMI, sono UNICA e DIVINA.

Potrà sembrare un discorso un po’ narcisistico, ma in realtà io credo che sia dovere di ogni donna essere costantemente alla moda e alzare sempre di più un po’ al giorno l’asticella del proprio livello estetico, in una corsa all’eccellenza, nei nostri riguardi, in quelli delle nostre amiche e in quelli di tutte le donne mondiali.

La tecnologia quindi ci viene in soccorso, le nostre nonne e bisnonne infatti non avrebbero mai potuto ottenere gli stessi risultati di adesso, o comunque sarebbe stato molto più dispendioso in termini di energie e di tempo.

Molte di noi adesso lavorano, ricoprendo anche posizioni di rilievo e di responsabilità, non è difficile trovare donne a capo di aziende, impegnatissime a sfruttare la propria energia mentale e fisica per mandare avanti un business molto complesso… le stesse eroine poi tornano a casa ad allevare i propri figli, badando bene di farli crescere in modo impeccabile e sano.

Non è facile quindi trovare il tempo per provvedere al proprio look.

E’ per questo che vengono in aiuto questi strumenti preziosissimi come la piastra ad onde, che con pochi minuti e senza bisogno di conoscenze pregresse ci permettono, in fantastiche combinazioni, di realizzare lo stile che abbiamo in mente.

E’ sempre bene comunque ritornare su un particolare di fondamentale importanza su cui spesso pongo l’accento, ma non tutti sembrano avere capito a sufficienza, ovvero di evitare l’acquisto di prodotti economici scadenti quando si ha a che fare con la salute del nostro corpo, e anche la sua bellezza, due aspetti che vanno sicuramente di pari passo.

Vi invito apertamente ad evitare l’acquisto di elettrodomestici cinesi perché potreste fare la stessa fine della mia amica Luisa, e ritrovarvi così con una chioma amaramente bruciata…

I prodotti consigliati in questa guida sono stati tutti testati negli ultimi anni da Giorgia, una hair stylist professionista che conosco da anni, c’è quindi da fidarsi sulla loro più completa affidabilità, funzionano il 100% delle volte e si possono ottenere grandi risultati, come insegna l’esperienza di una delle migliori acconciatrici italiane a mio parere.

Non c’è niente di male di fare un piccolo investimento all’inizio per potersi poi ritrovare tra le mani un prodotto destinato a durare magari un paio di decenni senza problema, dotato di garanzia e assistenza, e “rodato” sulle chiome di molte altre donne nel mondo.

Io nelle guide che faccio ci metto il mio cuore, tutta l’attenzione possibile e spero che anche questa guida sulle piastre onde e triferro vi sia stata d’aiuto e vi auguro un’ottima giornata, felice e serena.

A presto.

La vostra Antonella

arricciacapelli
piastra per capelli
shampoo anticaduta
asciugacapelli